11.2 C
Roma
Mer, 2 Dicembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Preghiera «Confronto, discussione e preghiera: ecco come si risolvono i problemi della Chiesa»

«Confronto, discussione e preghiera: ecco come si risolvono i problemi della Chiesa»

- Advertisement -

Lo ha detto il Papa al Regina Coeli: i conflitti ci sono, il punto è come si affrontano. Niente chiacchiere, invidie e gelosie

7ac9c50673

MAURO PIANTA
ROMA

Confronto, discussione e preghiera: così si affrontano e si risolvono i problemi nella Chiesa. Lo ha detto Papa Francesco prima della preghiera del Regina Coeli. «Avete capito bene? – ha scandito Bergoglio rivolgendosi ai 50mila fedeli che gremivano piazza san Pietro – Niente chiacchiere, invide e gelosie».

Il Pontefice aveva preso le mosse dalla lettura degli Atti degli Apostoli che documentano come già nella Chiesa primitiva emergessero le prime tensioni e i primi dissensi. «Nella vita – ha osservato il Papa -, i conflitti ci sono, il problema è come si affrontano. Fino a quel momento l’unità della comunità cristiana era stata favorita dall’appartenenza ad un’unica etnia e cultura, quella giudaica. Ma quando il cristianesimo, che per volere di Gesù è destinato a tutti i popoli, si apre all’ambito culturale greco, viene a mancare questa omogeneità e sorgono le prime difficoltà. Serpeggia il malcontento, ci sono lamentele, corrono voci di favoritismi e disparità di trattamento. Tutte cose – ha aggiunto a braccio Bergoglio – che succedono anche nelle nostre parrocchie». Poi ha proseguito nella lettura del testo: «L’aiuto della comunità alle persone disagiate – vedove, orfani e poveri in genere -, sembra privilegiare i cristiani di estrazione ebraica rispetto agli altri».

Allora, di fronte a questo conflitto, – ha spiegato Francesco – gli Apostoli prendono in mano la situazione: «Convocano una riunione allargata anche ai discepoli, discutono insieme la questione. I problemi infatti non si risolvono facendo finta che non esistano! Ed è bello questo confronto schietto tra i pastori e gli altri fedeli». «I problemi nella Chiesa – ha esortato Bergoglio – si risolvono confrontandoci, discutendo e pregando, con la certezza che le chiacchiere, le invidie e le gelosie non potranno mai portarci alla concordia e alla pace. Quando lasciamo allo Spirito santo la guida lui ci porta all’armonia. Niente chiacchiere, niente invidie e niente gelosie. Avete capito bene?».

«La Vergine Maria – ha concluso – ci aiuti ad essere docili allo Spirito Santo, perché sappiamo stimarci a vicenda e convergere sempre più profondamente nella fede e nella carità, tenendo il cuore aperto alle necessità dei fratelli».

Il Papa ha ricordato le popolazioni dei Balcani colpite dalle inondazioni. «Affido le vittime di questa calamità al Signore e prego per le persone che stanno vivendo ore di angoscia e tribolazione».

Francesco ha quindi accennato al beato Durcovici, perseguitato dai comunisti. «Ieri a Iasi, in Romania, è stato proclamato beato il vescovo Anton Durcovici, martire della fede. pastore zelante e coraggioso, fu perseguitato dal regime comunista rumeno e morì in carcere nel 1951».

Al termine, l’ormai tradizionale saluto: «A tutti auguro una buona domenica. Buon pranzo e arrivederci!»

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

«Confronto, discussione e preghiera: ecco come si risolvono i problemi della Chiesa»

- Advertisement -

Lo ha detto il Papa al Regina Coeli: i conflitti ci sono, il punto è come si affrontano. Niente chiacchiere, invidie e gelosie

7ac9c50673

MAURO PIANTA
ROMA

Confronto, discussione e preghiera: così si affrontano e si risolvono i problemi nella Chiesa. Lo ha detto Papa Francesco prima della preghiera del Regina Coeli. «Avete capito bene? – ha scandito Bergoglio rivolgendosi ai 50mila fedeli che gremivano piazza san Pietro – Niente chiacchiere, invide e gelosie».

- Advertisement -

Il Pontefice aveva preso le mosse dalla lettura degli Atti degli Apostoli che documentano come già nella Chiesa primitiva emergessero le prime tensioni e i primi dissensi. «Nella vita – ha osservato il Papa -, i conflitti ci sono, il problema è come si affrontano. Fino a quel momento l’unità della comunità cristiana era stata favorita dall’appartenenza ad un’unica etnia e cultura, quella giudaica. Ma quando il cristianesimo, che per volere di Gesù è destinato a tutti i popoli, si apre all’ambito culturale greco, viene a mancare questa omogeneità e sorgono le prime difficoltà. Serpeggia il malcontento, ci sono lamentele, corrono voci di favoritismi e disparità di trattamento. Tutte cose – ha aggiunto a braccio Bergoglio – che succedono anche nelle nostre parrocchie». Poi ha proseguito nella lettura del testo: «L’aiuto della comunità alle persone disagiate – vedove, orfani e poveri in genere -, sembra privilegiare i cristiani di estrazione ebraica rispetto agli altri».

Allora, di fronte a questo conflitto, – ha spiegato Francesco – gli Apostoli prendono in mano la situazione: «Convocano una riunione allargata anche ai discepoli, discutono insieme la questione. I problemi infatti non si risolvono facendo finta che non esistano! Ed è bello questo confronto schietto tra i pastori e gli altri fedeli». «I problemi nella Chiesa – ha esortato Bergoglio – si risolvono confrontandoci, discutendo e pregando, con la certezza che le chiacchiere, le invidie e le gelosie non potranno mai portarci alla concordia e alla pace. Quando lasciamo allo Spirito santo la guida lui ci porta all’armonia. Niente chiacchiere, niente invidie e niente gelosie. Avete capito bene?».

«La Vergine Maria – ha concluso – ci aiuti ad essere docili allo Spirito Santo, perché sappiamo stimarci a vicenda e convergere sempre più profondamente nella fede e nella carità, tenendo il cuore aperto alle necessità dei fratelli».

Il Papa ha ricordato le popolazioni dei Balcani colpite dalle inondazioni. «Affido le vittime di questa calamità al Signore e prego per le persone che stanno vivendo ore di angoscia e tribolazione».

Francesco ha quindi accennato al beato Durcovici, perseguitato dai comunisti. «Ieri a Iasi, in Romania, è stato proclamato beato il vescovo Anton Durcovici, martire della fede. pastore zelante e coraggioso, fu perseguitato dal regime comunista rumeno e morì in carcere nel 1951».

Al termine, l’ormai tradizionale saluto: «A tutti auguro una buona domenica. Buon pranzo e arrivederci!»

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
290FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
640FollowerSegui
138IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x