17.7 C
Rome
sabato, 25 Maggio 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale Concilio ortodosso, ultimi travagli prima dell’inizio

Concilio ortodosso, ultimi travagli prima dell’inizio

- Advertisement -

Il Sinodo del Patriarcato ecumenico si pronuncia sui malumori e le richieste di rinvio sollevate da altre Chiese: nessuna cornice istituzionale consente di riconsiderare il processo sinodale già avviato, invocando sospensioni o rinvii. I documenti conciliari non sono «blindati», e si potranno modificare ed emendare nel corso dei lavori

GIANNI VALENTE
ROMA

Il Santo e Grande Concilio della Chiesa ortodossa non può naufragare nel momento in cui sta prendendo il largo. Esso va celebrato secondo le modalità predisposte nella fase preparatoria, con decisione presa all’unanimità da tutti i capi delle Chiese ortodosse o dai loro rappresentanti delegati, e «nessuna cornice istituzionale consente di riconsiderare il processo sinodale» già avviato, invocando sospensioni o rinvii. È un intervento dai toni perentori, quello realizzato ieri dal Santo Sinodo del Patriarcato ecumenico di Costantinopoli per provare a disperdere le nubi che si addensano intorno alla grande assise dell’Ortodossia a pochi giorni dal suo inizio, annunciato per il prossimo 19 giugno nell’isola di Creta, solennità di Pentecoste per le Chiese che seguono il calendario giuliano.

Nelle scorse settimane, a chiedere un rinvio del grande appuntamento ecclesiale – e a minacciare forfait nel caso la richiesta non fosse stata accolta – era stata la Chiesa ortodossa di Bulgaria, e sulla stessa linea d’onda era apparsa sintonizzata la Chiesa ortodossa della Giorgia. Un pressing motivato con la richiesta di emendare i testi di lavoro di alcuni dei documenti che il Concilio dovrebbe promulgare. A sollevare le riserve e i distinguo più tenaci sono il documento sul sacramento del matrimonio, quello sulle relazioni con le altre confessioni cristiane e quello sui rapporti con il mondo contemporaneo. Davanti a questi e ad altri segnali di tensione, il Patriarcato di Mosca ha provato a ricavarsi un ruolo di mediazione, proponendo di organizzare un incontro preliminare alla celebrazione del Concilio per appianare le difficoltà ed evitare fratture. Nel suo pronunciamento di ieri, il Sinodo del Patriarcato ecumenico ha fatto sapere di considerare impraticabile tale ipotesi: è già stato messo in conto – si sottolinea nel comunicato sinodale – che i Primati delle Chiese ortodosse potranno emendare, correggere e integrare i testi dei documenti sinodali – approvati con consenso unanime nel corso degli incontri pre-conciliari – nel corso dei lavori della stessa assise conciliare, sotto l’ispirazione dello Spirito Santo, secondo quanto stabilito dalle procedure sinodali approvate nella fase preparatoria.

Quello del Sinodo del Patriarcato ecumenico non è ovviamente un pronunciamento canonicamente vincolante per le altre Chiese ortodosse. Ma si pone comunque come un forte richiamo rivolto a tutti i capi delle Chiese ortodosse per una condivisa assunzione di responsabilità. La Sede costantinopolitana continua a considerare fondamentale che il Concilio panortodosso atteso da secoli si realizzi, come gesto eloquente dell’unità ortodossa da confessare davanti al mondo e ai suoi problemi. Anche la possibilità riaffermata di emendare e modificare durante i lavori conciliari i testi già predisposti nella fase preparatoria prefigura un Concilio da vivere non come rito ecclesiastico pre-confezionato a uso dei media, ma come momento reale di confronto sinodale tra posizioni differenziate, da comporre nel reciproco ascolto e nella discussione franca, anche passando per possibili discussioni animate. Così anche il Concilio panortodosso potrebbe attestare che l’unità in Cristo non si produce meccanicamente con unanimismi imposti da apparati, ma fiorisce come dono dello Spirito Santo, anche accettando di passare per aggiustamenti «di compromesso» su testi e pronunciamenti conciliari, per venire incontro a settori e realtà ecclesiali più condizionati da rigorismi e paure riguardo alla condizione delle Chiese e alla loro missione nel tempo presente.

LEGGI ANCHE L’INTERVISTA A CHRYSOSTOMOS SAVATOS, METROPOLITA DI MESSINIA

LEGGI ANCHE – Creta, a rischio il Concilio panortodosso

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Concilio ortodosso, ultimi travagli prima dell’inizio

  

- Advertisement -

Il Sinodo del Patriarcato ecumenico si pronuncia sui malumori e le richieste di rinvio sollevate da altre Chiese: nessuna cornice istituzionale consente di riconsiderare il processo sinodale già avviato, invocando sospensioni o rinvii. I documenti conciliari non sono «blindati», e si potranno modificare ed emendare nel corso dei lavori

GIANNI VALENTE
ROMA

Il Santo e Grande Concilio della Chiesa ortodossa non può naufragare nel momento in cui sta prendendo il largo. Esso va celebrato secondo le modalità predisposte nella fase preparatoria, con decisione presa all’unanimità da tutti i capi delle Chiese ortodosse o dai loro rappresentanti delegati, e «nessuna cornice istituzionale consente di riconsiderare il processo sinodale» già avviato, invocando sospensioni o rinvii. È un intervento dai toni perentori, quello realizzato ieri dal Santo Sinodo del Patriarcato ecumenico di Costantinopoli per provare a disperdere le nubi che si addensano intorno alla grande assise dell’Ortodossia a pochi giorni dal suo inizio, annunciato per il prossimo 19 giugno nell’isola di Creta, solennità di Pentecoste per le Chiese che seguono il calendario giuliano.

Nelle scorse settimane, a chiedere un rinvio del grande appuntamento ecclesiale – e a minacciare forfait nel caso la richiesta non fosse stata accolta – era stata la Chiesa ortodossa di Bulgaria, e sulla stessa linea d’onda era apparsa sintonizzata la Chiesa ortodossa della Giorgia. Un pressing motivato con la richiesta di emendare i testi di lavoro di alcuni dei documenti che il Concilio dovrebbe promulgare. A sollevare le riserve e i distinguo più tenaci sono il documento sul sacramento del matrimonio, quello sulle relazioni con le altre confessioni cristiane e quello sui rapporti con il mondo contemporaneo. Davanti a questi e ad altri segnali di tensione, il Patriarcato di Mosca ha provato a ricavarsi un ruolo di mediazione, proponendo di organizzare un incontro preliminare alla celebrazione del Concilio per appianare le difficoltà ed evitare fratture. Nel suo pronunciamento di ieri, il Sinodo del Patriarcato ecumenico ha fatto sapere di considerare impraticabile tale ipotesi: è già stato messo in conto – si sottolinea nel comunicato sinodale – che i Primati delle Chiese ortodosse potranno emendare, correggere e integrare i testi dei documenti sinodali – approvati con consenso unanime nel corso degli incontri pre-conciliari – nel corso dei lavori della stessa assise conciliare, sotto l’ispirazione dello Spirito Santo, secondo quanto stabilito dalle procedure sinodali approvate nella fase preparatoria.

- Advertisement -

Quello del Sinodo del Patriarcato ecumenico non è ovviamente un pronunciamento canonicamente vincolante per le altre Chiese ortodosse. Ma si pone comunque come un forte richiamo rivolto a tutti i capi delle Chiese ortodosse per una condivisa assunzione di responsabilità. La Sede costantinopolitana continua a considerare fondamentale che il Concilio panortodosso atteso da secoli si realizzi, come gesto eloquente dell’unità ortodossa da confessare davanti al mondo e ai suoi problemi. Anche la possibilità riaffermata di emendare e modificare durante i lavori conciliari i testi già predisposti nella fase preparatoria prefigura un Concilio da vivere non come rito ecclesiastico pre-confezionato a uso dei media, ma come momento reale di confronto sinodale tra posizioni differenziate, da comporre nel reciproco ascolto e nella discussione franca, anche passando per possibili discussioni animate. Così anche il Concilio panortodosso potrebbe attestare che l’unità in Cristo non si produce meccanicamente con unanimismi imposti da apparati, ma fiorisce come dono dello Spirito Santo, anche accettando di passare per aggiustamenti «di compromesso» su testi e pronunciamenti conciliari, per venire incontro a settori e realtà ecclesiali più condizionati da rigorismi e paure riguardo alla condizione delle Chiese e alla loro missione nel tempo presente.

LEGGI ANCHE L’INTERVISTA A CHRYSOSTOMOS SAVATOS, METROPOLITA DI MESSINIA

LEGGI ANCHE – Creta, a rischio il Concilio panortodosso

- Advertisement -
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
271FansMi piace
768FollowerSegui
13,000FollowerSegui
574FollowerSegui
55IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Libri consigliati

Le tre lettere di Giovanni

Dai racconti orali ai Vangeli

A scuola di preghiera

Rut, la moabita

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO