12.5 C
Rome
lunedì, 18 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Etica e Vita Cominciamo ad ascoltare davvero

Cominciamo ad ascoltare davvero

Maschio e femmina li creò

- Advertisement -
di: James Martin

Negli ultimi anni il Vaticano (papi, congregazioni e dicasteri) ha espresso diverse volte preoccupazione per la “teoria” e l’”ideologia gender”. L’ultimo documento della Congregazione per l’educazione cattolica, intitolato Maschio e femmina li creò, è il documento più completo sul tema apparso fin’ora. Secondo il vaticanista del [nostro settimanale] America, Gerard O’Connell, il testo è frutto del lavoro della Congregazione e non è firmato da papa Francesco, perciò non va considerato la “risposta definitiva” al problema.

Come sappiamo, teoria gender è un termine sfuggente. In senso lato, si riferisce agli studi sul genere e la sessualità e su come queste due realtà siano determinate dalla natura (e quindi dalla biologia) e/o dalla società (e quindi dalla cultura). Solitamente la teoria gender include gli studi sulle esperienze di gay, lesbiche, bisessuali, transgender e di tutti coloro che si considerano “queer”, altro termine sovente ambiguo che spesso (ma non sempre) implica la decisione di considerarsi al di fuori di categorie come maschio o femmina, omosessuale o eterosessuale.

Alcuni ritengono che la teoria gender rappresenti anche un’”ideologia” che tenta di imporsi sulle persone, “incoraggiando”“obbligando” alcuni, specie i giovani, a mettere in discussione e rielaborare la propria sessualità e il proprio genere. In alcuni ambienti cattolici, in particolare nei Paesi in via di sviluppo, la teoria gender viene sovente collegata a una sorta di “colonialismo ideologico” che cerca di imporre a questi Paesi idee tipicamente occidentali, cosa su cui papa Francesco ha diverse volte messo in guardia.

Questo nuovo documento invita, molto giustamente, all’”ascolto” e al “dialogo”. Il sottotitolo è importante: Per una via di dialogo sulla questione del gender nell’educazione. È un esplicito invito al dialogo, che dovrebbe essere accolto da tutti. Parla di un “cammino”, il che indica che la Chiesa non ha ancora raggiunto la destinazione. Si concentra sulla “questione”della teoria gender nell’ambito educativo (il che lascia in qualche modo la porta aperta per quanto riguarda altri ambiti), ed è quindi indirizzato primariamente agli educatori e ai “formatori”, inclusi i responsabili della formazione dei sacerdoti e dei religiosi.

Un altro aspetto positivo del documento è il forte appello a “rispettare ogni persona nella sua peculiare e differente condizione” e la sua opposizione a “bullismo, violenze, insulti e discriminazioni ingiuste”; viene invece lodata la capacità di accogliere con rispetto “tutte le espressioni legittime della persona”.

La conclusione del documento afferma il cammino del dialogo, che include “l’ascolto, il ragionamento e la proposta”, lasciando la porta aperta per ulteriori sviluppi ed evitando il duro linguaggio di altri pronunciamenti vaticani sulla sessualità, e in particolare sull’omosessualità.

Permettetemi dunque di iniziare quel dialogo rispettoso a cui il documento invita, con la mia esperienza nel ministero per le persone LGBT.

Cosa propone la Congregazione? In fondo (e non è una sorpresa) il documento non fa che ribadire la tradizionale visione cattolica della sessualità: uomini e donne sono creati eterosessuali e con ruoli sessuali e di genere fissi. Questa opinione, tuttavia, è contraddetta dalla comprensione attuale della maggior parte dei biologi e degli psicologi. I progressi contemporanei nello studio della sessualità umana e del genere vengono messi da parte dalla Congregazione in favore di una visione binaria della sessualità; persino l’espressione “orientamento sessuale” viene messa tra virgolette, come a voler mettere in discussione il concetto stesso.

La fallacia dell’argomentazione proposta sta in questa comprensione del genere: “Da questa separazione [del genere dal sesso] consegue la distinzione di diversi ‘orientamenti sessuali’ che non vengono più definiti dalla differenza sessuale tra maschio e femmina, ma possono assumere altre forme, determinate solo dall’individuo radicalmente autonomo”.

Un’obiezione a tale affermazione è che ignora l’esperienza viva e reale delle persone LGBT; in effetti, i principali partecipanti al dialogo paiono essere filosofi, teologi, documenti e dichiarazioni pontificie, non biologi e scienziati, psichiatri e psicologi, le persone LGBT e le loro famiglie. Se queste persone fossero state ammesse alla discussione, la Congregazione avrebbe probabilmente trovato spazio per un concetto oggi largamente accettato, e cioè che la sessualità non è una scelta dell’individuo, ma parte integrante del modo in cui è stata creata.

In effetti, per essere documento profondamente (sebbene implicitamente) radicato nella legge naturale, ignora ciò che oggi sappiamo sul mondo naturale, nel quale vediamo uomini e donne attratti dallo stesso sesso, uomini e donne che vivono tutta una varietà di sensazioni sessuali nel corso della vita, e uomini e donne che, nell’ambito della sessualità e a volte anche del genere, si pongono lungo un continuum più che in un punto fisso.

La Congregazione suggerisce che l’identità di genere implichi una scelta deliberata da parte dell’individuo, ma le persone transgender raccontano di non aver scelto la loro identità, bensì di averla scoperta attraverso la loro esperienza di esseri umani in società.

Il documento trascura inoltre le nuove scoperte e paradigmi scientifici sul genere, e si basa largamente sulla convinzione che il genere sia determinato esclusivamente dai genitali visibili: la scienza contemporanea ha invece dimostrato quanto sia scorretto (e a volte perfino pericoloso) questo modo di etichettare le persone. Il genere è determinato anche dalla biologia, dalla genetica, dagli ormoni e dalla chimica cerebrale: tutte cose non visibili alla nascita. Il documento fa largo uso di categorie “maschio” e “femmina” elaborate secoli fa, più che di metodi scientifici accurati.

Si fa anche riferimento al concetto di “complementarietà”: in base al genere maschile e femminile, uomini e donne hanno ruoli separati. Scrive la Congregazione, in modo davvero sorprendente: «La donna è in grado di comprendere la realtà in modo unico: [sa] resistere alle avversità…»: e l’uomo no? Idee come questa rafforzano gli stereotipi e impediscono sia agli uomini che alle donne proprio di elevarsi al di sopra di quei costrutti culturali spesso (e a ragione) biasimati dal Vaticano.

Il lato più infelice del documento è il modo in cui tratta le persone transgender. (È molto strano come, in un testo che parla di genere e sessualità, siano assenti le parole “omosessuale” e “omosessualità”.) Leggiamo questo passaggio: «Questa oscillazione tra maschio e femmina diventa, alla fine, una esposizione solo ‘provocatoria’ contro i cosiddetti ‘schemi tradizionali’ che non tiene conto delle sofferenze di coloro che vivono in una condizione indeterminata. Una simile concezione cerca di annientare la natura (tutto ciò che abbiamo ricevuto come fondamento previo del nostro essere e di ogni nostro agire nel mondo), mentre la si riafferma implicitamente».

Secondo la Congregazione, le persone transgender sono “provocatorie” e cercano, più o meno consciamente, di “annientare il concetto di ‘natura’”. Gli amici e i famigliari che sono rimasti accanto a una persona transgender che ha tentato più volte il suicidio, nella sua disperazione nel non riuscire a integrarsi nella società, o anche nella sua accettazione del fatto che Dio la ama, troveranno questa frase sconcertante, quando non offensiva.

Forse la migliore risposta a queste frasi ci viene da un diacono cattolico, Ray Dever, che ha una figlia transgender e ha raccontato l’esperienza della sua famiglia sul mensile U.S. Catholic: «Chiunque abbia una sia pur minima esperienza con le persone transgender non può che rimanere perplesso di fronte all’idea che esse siano in qualche modo il frutto di un’ideologia: è un fatto storico che, molto prima che esistessero gli studi di genere e che venisse coniata l’espressione ‘ideologia del gender’, le persone transgender esistevano ed erano riconosciute positivamente in alcune culture».

Il risultato a breve termine più probabile di Maschio e femmina li creò sarà il fornire argomenti ai cattolici che negano la realtà dell’esperienza transgender, che etichettano le persone transgender come dei meri ideologi e negano la loro esperienza viva e reale. Il documento contribuirà probabilmente a isolare ancora di più le persone transgender, ad aumentare la loro vergogna e ad emarginarle ulteriormente, loro che già sono emarginate nella loro Chiesa.

Torniamo all’aspetto più positivo del testo, che mi auguro a lungo termine: l’invito all’ascolto e al dialogo. È un invito che sembra sincero. La Chiesa, come il resto della società, sta ancora imparando le complessità della sessualità umana e del genere. Il prossimo magari potrebbe essere ascoltare le risposte delle persone più interessate e coinvolte dal documento: le persone LGBT.

Cominciamo questo dialogo.

Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Cominciamo ad ascoltare davvero

Maschio e femmina li creò

  

- Advertisement -
di: James Martin

Negli ultimi anni il Vaticano (papi, congregazioni e dicasteri) ha espresso diverse volte preoccupazione per la “teoria” e l’”ideologia gender”. L’ultimo documento della Congregazione per l’educazione cattolica, intitolato Maschio e femmina li creò, è il documento più completo sul tema apparso fin’ora. Secondo il vaticanista del [nostro settimanale] America, Gerard O’Connell, il testo è frutto del lavoro della Congregazione e non è firmato da papa Francesco, perciò non va considerato la “risposta definitiva” al problema.

Come sappiamo, teoria gender è un termine sfuggente. In senso lato, si riferisce agli studi sul genere e la sessualità e su come queste due realtà siano determinate dalla natura (e quindi dalla biologia) e/o dalla società (e quindi dalla cultura). Solitamente la teoria gender include gli studi sulle esperienze di gay, lesbiche, bisessuali, transgender e di tutti coloro che si considerano “queer”, altro termine sovente ambiguo che spesso (ma non sempre) implica la decisione di considerarsi al di fuori di categorie come maschio o femmina, omosessuale o eterosessuale.

Alcuni ritengono che la teoria gender rappresenti anche un’”ideologia” che tenta di imporsi sulle persone, “incoraggiando”“obbligando” alcuni, specie i giovani, a mettere in discussione e rielaborare la propria sessualità e il proprio genere. In alcuni ambienti cattolici, in particolare nei Paesi in via di sviluppo, la teoria gender viene sovente collegata a una sorta di “colonialismo ideologico” che cerca di imporre a questi Paesi idee tipicamente occidentali, cosa su cui papa Francesco ha diverse volte messo in guardia.

Questo nuovo documento invita, molto giustamente, all’”ascolto” e al “dialogo”. Il sottotitolo è importante: Per una via di dialogo sulla questione del gender nell’educazione. È un esplicito invito al dialogo, che dovrebbe essere accolto da tutti. Parla di un “cammino”, il che indica che la Chiesa non ha ancora raggiunto la destinazione. Si concentra sulla “questione”della teoria gender nell’ambito educativo (il che lascia in qualche modo la porta aperta per quanto riguarda altri ambiti), ed è quindi indirizzato primariamente agli educatori e ai “formatori”, inclusi i responsabili della formazione dei sacerdoti e dei religiosi.

Un altro aspetto positivo del documento è il forte appello a “rispettare ogni persona nella sua peculiare e differente condizione” e la sua opposizione a “bullismo, violenze, insulti e discriminazioni ingiuste”; viene invece lodata la capacità di accogliere con rispetto “tutte le espressioni legittime della persona”.

- Advertisement -

La conclusione del documento afferma il cammino del dialogo, che include “l’ascolto, il ragionamento e la proposta”, lasciando la porta aperta per ulteriori sviluppi ed evitando il duro linguaggio di altri pronunciamenti vaticani sulla sessualità, e in particolare sull’omosessualità.

Permettetemi dunque di iniziare quel dialogo rispettoso a cui il documento invita, con la mia esperienza nel ministero per le persone LGBT.

Cosa propone la Congregazione? In fondo (e non è una sorpresa) il documento non fa che ribadire la tradizionale visione cattolica della sessualità: uomini e donne sono creati eterosessuali e con ruoli sessuali e di genere fissi. Questa opinione, tuttavia, è contraddetta dalla comprensione attuale della maggior parte dei biologi e degli psicologi. I progressi contemporanei nello studio della sessualità umana e del genere vengono messi da parte dalla Congregazione in favore di una visione binaria della sessualità; persino l’espressione “orientamento sessuale” viene messa tra virgolette, come a voler mettere in discussione il concetto stesso.

La fallacia dell’argomentazione proposta sta in questa comprensione del genere: “Da questa separazione [del genere dal sesso] consegue la distinzione di diversi ‘orientamenti sessuali’ che non vengono più definiti dalla differenza sessuale tra maschio e femmina, ma possono assumere altre forme, determinate solo dall’individuo radicalmente autonomo”.

Un’obiezione a tale affermazione è che ignora l’esperienza viva e reale delle persone LGBT; in effetti, i principali partecipanti al dialogo paiono essere filosofi, teologi, documenti e dichiarazioni pontificie, non biologi e scienziati, psichiatri e psicologi, le persone LGBT e le loro famiglie. Se queste persone fossero state ammesse alla discussione, la Congregazione avrebbe probabilmente trovato spazio per un concetto oggi largamente accettato, e cioè che la sessualità non è una scelta dell’individuo, ma parte integrante del modo in cui è stata creata.

In effetti, per essere documento profondamente (sebbene implicitamente) radicato nella legge naturale, ignora ciò che oggi sappiamo sul mondo naturale, nel quale vediamo uomini e donne attratti dallo stesso sesso, uomini e donne che vivono tutta una varietà di sensazioni sessuali nel corso della vita, e uomini e donne che, nell’ambito della sessualità e a volte anche del genere, si pongono lungo un continuum più che in un punto fisso.

La Congregazione suggerisce che l’identità di genere implichi una scelta deliberata da parte dell’individuo, ma le persone transgender raccontano di non aver scelto la loro identità, bensì di averla scoperta attraverso la loro esperienza di esseri umani in società.

Il documento trascura inoltre le nuove scoperte e paradigmi scientifici sul genere, e si basa largamente sulla convinzione che il genere sia determinato esclusivamente dai genitali visibili: la scienza contemporanea ha invece dimostrato quanto sia scorretto (e a volte perfino pericoloso) questo modo di etichettare le persone. Il genere è determinato anche dalla biologia, dalla genetica, dagli ormoni e dalla chimica cerebrale: tutte cose non visibili alla nascita. Il documento fa largo uso di categorie “maschio” e “femmina” elaborate secoli fa, più che di metodi scientifici accurati.

Si fa anche riferimento al concetto di “complementarietà”: in base al genere maschile e femminile, uomini e donne hanno ruoli separati. Scrive la Congregazione, in modo davvero sorprendente: «La donna è in grado di comprendere la realtà in modo unico: [sa] resistere alle avversità…»: e l’uomo no? Idee come questa rafforzano gli stereotipi e impediscono sia agli uomini che alle donne proprio di elevarsi al di sopra di quei costrutti culturali spesso (e a ragione) biasimati dal Vaticano.

Il lato più infelice del documento è il modo in cui tratta le persone transgender. (È molto strano come, in un testo che parla di genere e sessualità, siano assenti le parole “omosessuale” e “omosessualità”.) Leggiamo questo passaggio: «Questa oscillazione tra maschio e femmina diventa, alla fine, una esposizione solo ‘provocatoria’ contro i cosiddetti ‘schemi tradizionali’ che non tiene conto delle sofferenze di coloro che vivono in una condizione indeterminata. Una simile concezione cerca di annientare la natura (tutto ciò che abbiamo ricevuto come fondamento previo del nostro essere e di ogni nostro agire nel mondo), mentre la si riafferma implicitamente».

Secondo la Congregazione, le persone transgender sono “provocatorie” e cercano, più o meno consciamente, di “annientare il concetto di ‘natura’”. Gli amici e i famigliari che sono rimasti accanto a una persona transgender che ha tentato più volte il suicidio, nella sua disperazione nel non riuscire a integrarsi nella società, o anche nella sua accettazione del fatto che Dio la ama, troveranno questa frase sconcertante, quando non offensiva.

Forse la migliore risposta a queste frasi ci viene da un diacono cattolico, Ray Dever, che ha una figlia transgender e ha raccontato l’esperienza della sua famiglia sul mensile U.S. Catholic: «Chiunque abbia una sia pur minima esperienza con le persone transgender non può che rimanere perplesso di fronte all’idea che esse siano in qualche modo il frutto di un’ideologia: è un fatto storico che, molto prima che esistessero gli studi di genere e che venisse coniata l’espressione ‘ideologia del gender’, le persone transgender esistevano ed erano riconosciute positivamente in alcune culture».

Il risultato a breve termine più probabile di Maschio e femmina li creò sarà il fornire argomenti ai cattolici che negano la realtà dell’esperienza transgender, che etichettano le persone transgender come dei meri ideologi e negano la loro esperienza viva e reale. Il documento contribuirà probabilmente a isolare ancora di più le persone transgender, ad aumentare la loro vergogna e ad emarginarle ulteriormente, loro che già sono emarginate nella loro Chiesa.

Torniamo all’aspetto più positivo del testo, che mi auguro a lungo termine: l’invito all’ascolto e al dialogo. È un invito che sembra sincero. La Chiesa, come il resto della società, sta ancora imparando le complessità della sessualità umana e del genere. Il prossimo magari potrebbe essere ascoltare le risposte delle persone più interessate e coinvolte dal documento: le persone LGBT.

Cominciamo questo dialogo.

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
870FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Salire a Gerusalemme

Accompagnare gli adulti nella fede

Cosentino: Non è quel che credi

Giovani all’ombra della luce

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO