22.6 C
Rome
martedì, 25 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Risponde il teologo Come si fa ad offrire a Dio la propria sofferenza?

Come si fa ad offrire a Dio la propria sofferenza?

L'offerta della propria sofferenza non può significare un’accettazione passiva ed inerte del dolore umano.

- Advertisement -

Cosa vuol dire in concreto che si deve saper offrire le nostre sofferenze a Dio? Risponde don Diego Pancaldo, docente di Teologia spirituale alla Facoltà teologica dell’Italia centrale.

Trovandomi ad affrontare alcune gravi difficoltà in famiglia, mi sono sentito dire che il cristiano deve saper offrire a Dio la propria sofferenza. Vorrei capire meglio cosa significa esattamente: si tratta semplicemente di accettare il dolore, o è qualcosa di più?

Lettera firmata

L’offerta della propria sofferenza non può significare, alla luce della rivelazione cristiana, un’accettazione passiva ed inerte del dolore umano.

Cristo con le sue parole ed i suoi gesti ci invita ad un impegno attivo per eliminare tutto ciò che lo provoca. Offrire il proprio dolore a Dio significa piuttosto invocare la grazia di partecipare «a quella sofferenza mediante la quale si è compiuta la Redenzione», poiché «operando la Redenzione mediante la sofferenza, Cristo ha elevato insieme la sofferenza umana a livello di Redenzione». Così afferma Giovanni Paolo II nella Salvifici doloris al numero 19. La sofferenza, trasfigurata dall’amore, in comunione con Cristo diventa una delle espressioni più alte del culto spirituale, del culto secondo il Logos a cui il cristiano è chiamato: «Vi esorto dunque, fratelli, per la misericordia di Dio ad offrire i vostri corpi come sacrificio vivente, santo e gradito a Dio: è questo il vostro culto spirituale» (Rm 12,1).

Tale offerta è sofferenza per il Regno di Dio, è un «completare nella propria  carne quello che manca ai patimenti di Cristo in favore del Suo corpo che è la Chiesa» (Col 1,24). La sofferenza di Cristo infatti «rimane costantemente aperta ad ogni amore che si esprime nell’umana sofferenza» (Salvifici doloris n.24). Nella dimensione dell’amore infatti, osserva Giovanni Paolo II, la Redenzione «già compiuta fino in fondo, si compie, in un certo senso, costantemente. Cristo ha operato la Redenzione completamente e sino alla fine, al tempo stesso però non l’ha chiusa» (Salvifici doloris n.24). Questa partecipazione al dolore salvifico di Cristo «è qualcosa di più di una risposta astratta all’interrogativo sul senso della sofferenza» (Salvifici doloris n.26); è piuttosto un invito alla sua sequela.

I Santi ci attestano con la loro vita che questa modalità di offerta, in comunione con Cristo, fondata sull’amore di Dio e del prossimo, provoca una vera e propria trasfigurazione del dolore umano, che non viene peraltro annullato. Lo stesso Giovanni Paolo II ce lo ha mostrato con grande chiarezza nella sua stessa vita.

Così pure giovanissimi santi come Chiara Luce Badano, Benedetta Bianchi Porro e Carlo Acutis; santi bambini come Francesco e Giacinta di Fatima o Nennolina,  con la loro preghiera di intercessione e la loro sofferenza offerta.

Sono loro a spiegarci che cosa significa offrire a Dio il proprio dolore rivelandoci, come afferma Teresa di Lisieux in una lettera alla sorella Celina, che «il canto della nostra sofferenza, unita alla Sua sofferenza, è ciò che più rapisce il Suo cuore».

Diego Pancaldo

Originale: Toscana Oggi
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Come si fa ad offrire a Dio la propria sofferenza?

L'offerta della propria sofferenza non può significare un’accettazione passiva ed inerte del dolore umano.

  

- Advertisement -

Cosa vuol dire in concreto che si deve saper offrire le nostre sofferenze a Dio? Risponde don Diego Pancaldo, docente di Teologia spirituale alla Facoltà teologica dell’Italia centrale.

Trovandomi ad affrontare alcune gravi difficoltà in famiglia, mi sono sentito dire che il cristiano deve saper offrire a Dio la propria sofferenza. Vorrei capire meglio cosa significa esattamente: si tratta semplicemente di accettare il dolore, o è qualcosa di più?

Lettera firmata

L’offerta della propria sofferenza non può significare, alla luce della rivelazione cristiana, un’accettazione passiva ed inerte del dolore umano.

Cristo con le sue parole ed i suoi gesti ci invita ad un impegno attivo per eliminare tutto ciò che lo provoca. Offrire il proprio dolore a Dio significa piuttosto invocare la grazia di partecipare «a quella sofferenza mediante la quale si è compiuta la Redenzione», poiché «operando la Redenzione mediante la sofferenza, Cristo ha elevato insieme la sofferenza umana a livello di Redenzione». Così afferma Giovanni Paolo II nella Salvifici doloris al numero 19. La sofferenza, trasfigurata dall’amore, in comunione con Cristo diventa una delle espressioni più alte del culto spirituale, del culto secondo il Logos a cui il cristiano è chiamato: «Vi esorto dunque, fratelli, per la misericordia di Dio ad offrire i vostri corpi come sacrificio vivente, santo e gradito a Dio: è questo il vostro culto spirituale» (Rm 12,1).

Tale offerta è sofferenza per il Regno di Dio, è un «completare nella propria  carne quello che manca ai patimenti di Cristo in favore del Suo corpo che è la Chiesa» (Col 1,24). La sofferenza di Cristo infatti «rimane costantemente aperta ad ogni amore che si esprime nell’umana sofferenza» (Salvifici doloris n.24). Nella dimensione dell’amore infatti, osserva Giovanni Paolo II, la Redenzione «già compiuta fino in fondo, si compie, in un certo senso, costantemente. Cristo ha operato la Redenzione completamente e sino alla fine, al tempo stesso però non l’ha chiusa» (Salvifici doloris n.24). Questa partecipazione al dolore salvifico di Cristo «è qualcosa di più di una risposta astratta all’interrogativo sul senso della sofferenza» (Salvifici doloris n.26); è piuttosto un invito alla sua sequela.

I Santi ci attestano con la loro vita che questa modalità di offerta, in comunione con Cristo, fondata sull’amore di Dio e del prossimo, provoca una vera e propria trasfigurazione del dolore umano, che non viene peraltro annullato. Lo stesso Giovanni Paolo II ce lo ha mostrato con grande chiarezza nella sua stessa vita.

- Advertisement -

Così pure giovanissimi santi come Chiara Luce Badano, Benedetta Bianchi Porro e Carlo Acutis; santi bambini come Francesco e Giacinta di Fatima o Nennolina,  con la loro preghiera di intercessione e la loro sofferenza offerta.

Sono loro a spiegarci che cosa significa offrire a Dio il proprio dolore rivelandoci, come afferma Teresa di Lisieux in una lettera alla sorella Celina, che «il canto della nostra sofferenza, unita alla Sua sofferenza, è ciò che più rapisce il Suo cuore».

Diego Pancaldo

- Advertisement -
Originale: Toscana Oggi

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato di SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
272FansMi piace
800FollowerSegui
13,000FollowerSegui
578FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Accompagnare gli adulti nella fede

12 storie di ordinaria santità

Paolo e il suo Vangelo

Fusco: La gioia dell’ascolto

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO