14.6 C
Rome
lunedì, 18 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Storie Come non desiderare che i miei amici e il mondo incontrino l’amore...

Come non desiderare che i miei amici e il mondo incontrino l’amore di Dio?

La vocazione di Chiara che si è consacrata a Dio coi voti definitivi.

- Advertisement -

Da questa domanda e dalla consapevolezza che da sola avrebbe perso anche se stessa, nasce la vocazione di Chiara che si è consacrata a Dio coi voti definitivi lo scorso marzo.

di Chiara Tanzi

1983, durante la vigilia di Natale a Carate Brianza, un imprenditore disse a un suo amico che cercava un uomo per aprire un ufficio a New York, per la sua azienda di scarpe di alta moda. Quell’amico indicò allora un giovane tra la folla: “Perché non mandi lui?”. Quel giovane era mio padre, Luigi, che sei mesi dopo si imbarcò in una nuova avventura americana, con il desiderio di portare nel mondo l’esperienza di vita cristiana del movimento di Comunione e liberazione. Approdò a New York senza neanche conoscere bene l’inglese, ma presto conobbe altri giovani lavoratori e con loro iniziò una Scuola di comunità, con il sostegno del Cardinale O’Connor.

Poco tempo dopo anche mia madre Suzanne, americana, si imbatté in quel gruppo che si riuniva ogni settimana, tra una cena al ristorante cinese e una riunione nella cattedrale di St. Patrick, e si sorprese così tanto dell’autenticità della loro amicizia che da quel momento non li lasciò più.
Così, dalla partenza di mio padre quando aveva 22 anni è nata tutta una storia che è arrivata fino a me, dando presto vita anche alla nostra famiglia. Dopo gli anni newyorchesi ci siamo trasferiti a Washington DC, e lì la comunità che mi aveva circondata, come grazia, fin dall’infanzia, è diventata una compagnia più stretta per me nei volti incontrati a Gs e nel Clu. Questa storia ha portato infine a una nuova partenza, la mia, alla stessa età di 22 anni. A me è toccato attraversare l’Atlantico in direzione inversa, per entrare nella Casa di formazione delle Missionarie di san Carlo a Roma nel 2012.

Ero ben consapevole però che io non potevo salvare nessuno, anzi, che nella solitudine avrei perso anche me stessa: avevo bisogno di una casa che custodisse e rendesse stabili e costruttivi i miei desideri più grandi. Con gratitudine ho riconosciuto nelle Missionarie la casa preparata da sempre per me, dove l’offerta della mia vita, seppur povera e fragile, poteva diventare una pietra nella costruzione della dimora di Cristo nel mondo. Ho capito che in questo il fattore decisivo non è il continente in cui mi trovo, ma l’essere dove Lui mi chiama ora. Oggi, professando i voti, sono piena di gratitudine per tutta la storia che mi precede, iniziata molto prima della mia nascita, e desidero abbandonarmi a Dio, persuasa che porterà a compimento ciò che ha iniziato con noi (cfr. Fil 1,6).Come è successo che sono “tornata indietro”, in Italia? è stata una decisione maturata mentre studiavo Storia e lingue straniere in una grande università statale, la University of Maryland a College Park. Sono stati per me anni ricchi di incontri con persone di ogni genere, e anche anni drammatici, in cui per la prima volta ho preso coscienza dell’immensa sofferenza generata da una cultura che vive senza Cristo, e per questo senza senso e senza amore duraturo. Allo stesso tempo, vivevo una coscienza sempre più grata di aver ricevuto tutto dalle mani di un Padre buono, di essere stata amata profondamente fin dall’inizio della mia esistenza. Come non desiderare che anche i miei amici potessero vivere questo stesso amore? Come non voler offrire tutta me stessa per andare a fondo di quell’amore e farlo conoscere a tutti?

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Come non desiderare che i miei amici e il mondo incontrino l’amore di Dio?

La vocazione di Chiara che si è consacrata a Dio coi voti definitivi.

  

- Advertisement -

Da questa domanda e dalla consapevolezza che da sola avrebbe perso anche se stessa, nasce la vocazione di Chiara che si è consacrata a Dio coi voti definitivi lo scorso marzo.

di Chiara Tanzi

1983, durante la vigilia di Natale a Carate Brianza, un imprenditore disse a un suo amico che cercava un uomo per aprire un ufficio a New York, per la sua azienda di scarpe di alta moda. Quell’amico indicò allora un giovane tra la folla: “Perché non mandi lui?”. Quel giovane era mio padre, Luigi, che sei mesi dopo si imbarcò in una nuova avventura americana, con il desiderio di portare nel mondo l’esperienza di vita cristiana del movimento di Comunione e liberazione. Approdò a New York senza neanche conoscere bene l’inglese, ma presto conobbe altri giovani lavoratori e con loro iniziò una Scuola di comunità, con il sostegno del Cardinale O’Connor.

Poco tempo dopo anche mia madre Suzanne, americana, si imbatté in quel gruppo che si riuniva ogni settimana, tra una cena al ristorante cinese e una riunione nella cattedrale di St. Patrick, e si sorprese così tanto dell’autenticità della loro amicizia che da quel momento non li lasciò più.
Così, dalla partenza di mio padre quando aveva 22 anni è nata tutta una storia che è arrivata fino a me, dando presto vita anche alla nostra famiglia. Dopo gli anni newyorchesi ci siamo trasferiti a Washington DC, e lì la comunità che mi aveva circondata, come grazia, fin dall’infanzia, è diventata una compagnia più stretta per me nei volti incontrati a Gs e nel Clu. Questa storia ha portato infine a una nuova partenza, la mia, alla stessa età di 22 anni. A me è toccato attraversare l’Atlantico in direzione inversa, per entrare nella Casa di formazione delle Missionarie di san Carlo a Roma nel 2012.

Ero ben consapevole però che io non potevo salvare nessuno, anzi, che nella solitudine avrei perso anche me stessa: avevo bisogno di una casa che custodisse e rendesse stabili e costruttivi i miei desideri più grandi. Con gratitudine ho riconosciuto nelle Missionarie la casa preparata da sempre per me, dove l’offerta della mia vita, seppur povera e fragile, poteva diventare una pietra nella costruzione della dimora di Cristo nel mondo. Ho capito che in questo il fattore decisivo non è il continente in cui mi trovo, ma l’essere dove Lui mi chiama ora. Oggi, professando i voti, sono piena di gratitudine per tutta la storia che mi precede, iniziata molto prima della mia nascita, e desidero abbandonarmi a Dio, persuasa che porterà a compimento ciò che ha iniziato con noi (cfr. Fil 1,6).Come è successo che sono “tornata indietro”, in Italia? è stata una decisione maturata mentre studiavo Storia e lingue straniere in una grande università statale, la University of Maryland a College Park. Sono stati per me anni ricchi di incontri con persone di ogni genere, e anche anni drammatici, in cui per la prima volta ho preso coscienza dell’immensa sofferenza generata da una cultura che vive senza Cristo, e per questo senza senso e senza amore duraturo. Allo stesso tempo, vivevo una coscienza sempre più grata di aver ricevuto tutto dalle mani di un Padre buono, di essere stata amata profondamente fin dall’inizio della mia esistenza. Come non desiderare che anche i miei amici potessero vivere questo stesso amore? Come non voler offrire tutta me stessa per andare a fondo di quell’amore e farlo conoscere a tutti?

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
870FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Gibran: Lazzaro e la sua amata

La tenerezza nel vangelo di Marco

Dialoghi sulla preghiera del cuore

Il mondo mistico dell’ebraismo

I settanta volti della Torah

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO