11.8 C
Roma
Mer, 14 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiVita cristianaCome essere creativi nel modo di amare

Come essere creativi nel modo di amare

- Advertisement -

Abbiamo bisogno di un amore che ricominci sempre

Gesù ci chiama amici. Amico significa avere un rapporto da pari a pari. Questo mi commuove. È impossibile. Dio e l’uomo. Com’è possibile? Significa molto. Siamo amici di Gesù. Egli è nostro amico.

Condivide tutto con noi, confida in noi. Siamo liberi davanti a Lui, non siamo suoi schiavi. Sono libero di compiere ogni passo della mia vita senza Dio o dandogli la mano. Di amare o rifiutare l’amore.

Egli conta su di me, sul mio amore. E io conto su di Lui? Lo considero mio amico? Gli parlo con fiducia e senza paura? Come posso aver paura di un amico? L’amicizia è uno dei rapporti più disinteressati che esistano.

L’amico vero c’è sempre e non chiede nulla. Sopporta. Risponde sempre. Se non gli do attenzione in tempo non recrimina. Rispetta i miei tempi, il fatto che siamo diversi. Rendo grazie a Dio per i miei amici.

Mi commuove che Gesù mi chiami amico prima di morire. Mi mostra nuovamente il suo cuore umano che ha bisogno di riposo e che dà riposo.

Gesù ci chiede di amarci: “Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri”. Non dice di amare Lui. Non dice di fare miracoli, di convertire molti.

Ai suoi chiede solo di vivere fino all’estremo il mistero di ciò che hanno vissuto in quei tre anni: amarsi gli uni gli altri. Questo è ciò che hanno vissuto insieme. Semplice. Amare ed essere amati.

Vuole, però, che ci amiamo bene, come Egli stesso ci ha amati. Fino all’estremo, fino a dare la vita. Amando in modo creativo. Amando con tutta l’anima e con tutto il corpo.

Come imparare ad amare bene? Come si impara ad essere creativi? C’è tanta gente che si riconosce poco creativa nell’amore. Ha perso la capacità di sorprendere l’altro. Di cercare la sua felicità.

Non le vengono in mente forme nuove, vie originali. È semplicemente come se sopravvivesse sul campo di battaglia. Ma non ci sono progressi.

Nella vita ci sono persone che ci insegnano ad amare. Con il modo in cui ci amano, ci mostrano una via originale per crescere. L’amore si costruisce sulla fiducia e sull’ammirazione.

Come ci ricorda Joseph Zinker, “l’amore è la gioia per la mera esistenza della persona amata”. Non dobbiamo fare niente di speciale perché ci amino. Gli altri non devono fare niente di speciale per far sì che li amiamo. Amiamo in questo modo?

Dobbiamo rimanere nell’amore di Dio per poter poi rimanere nell’amore che doniamo. L’amore che doniamo non dipenda da come ci trattano, da ciò che ci danno in cambio. Il nostro amore resta fedele in mezzo alle difficoltà della vita?

Il nostro amore cresce quando è un amore che si rinnova ogni giorno. L’amore che non si reinnamora finisce per seccarsi.

Abbiamo bisogno di un amore che ricominci sempre. Che confidi pur avendo sperimentato molte volta la delusione. Un amore forte e saldo. Un amore profondo, che ami fin dalle viscere.

Un amore di gesti, creativo, che inventi forme nuove, che si reinventi ogni mattina. Un amore di risate e di lacrime. Di complicità e di pazienza. Un amore appassionato, perché l’amore freddo non è vero amore.

Un amore che rispetti e aspetti, che custodisca e taccia. Un amore che non esiga, ma accetti con gioia quello che riceve. Un amore paziente e servizievole. Un amore espresso in modi diversi. Tante forme quante le persone che esistono.

Un amore umano che tenda al divino, perché ogni amore finito sogna l’eternità. L’ideale sembra molto lontano e irraggiungibile, ma è quello che ci esorta a crescere ogni mattina.

Come poter amare con l’amore di Gesù nell’anima? Come poter amare con un amore infinito che spezzi i limiti della mia carne?

Diceva padre Josef Kentenich: “Dobbiamo avere davanti agli occhi mete elevate perché si risveglino in noi gli impulsi profondi e istintivi propri di chi deve raggiungere un obiettivo elevato. Santa Teresa dice che salire su una collinetta fatta da un topo non risveglia alcun impulso in me, ma se devo salire una montagna si ravvivano tutte le mie forze. Sparando, bisogna puntare più in alto per raggiungere un bersaglio che è più in basso”.

Gesù ci pone sempre ideali elevati, perché sogniamo le vette, perché non ci conformiamo a una vita mediocre.

Se le nostre aspirazioni sono a portata di mano, ci rilasseremo e ci lasceremo trascinare dalla vita. Se la meta sembra così lontana da sembrarci impossibile, quell’ideale accenderà il fuoco del cuore.

Gesù ci chiede di amarci gli uni gli altri con il suo amore. Sembra impossibile. Sogno un amore di questo tipo per la mia vita?

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Come essere creativi nel modo di amare

- Advertisement -

Abbiamo bisogno di un amore che ricominci sempre

Gesù ci chiama amici. Amico significa avere un rapporto da pari a pari. Questo mi commuove. È impossibile. Dio e l’uomo. Com’è possibile? Significa molto. Siamo amici di Gesù. Egli è nostro amico.

Condivide tutto con noi, confida in noi. Siamo liberi davanti a Lui, non siamo suoi schiavi. Sono libero di compiere ogni passo della mia vita senza Dio o dandogli la mano. Di amare o rifiutare l’amore.

Egli conta su di me, sul mio amore. E io conto su di Lui? Lo considero mio amico? Gli parlo con fiducia e senza paura? Come posso aver paura di un amico? L’amicizia è uno dei rapporti più disinteressati che esistano.

L’amico vero c’è sempre e non chiede nulla. Sopporta. Risponde sempre. Se non gli do attenzione in tempo non recrimina. Rispetta i miei tempi, il fatto che siamo diversi. Rendo grazie a Dio per i miei amici.

Mi commuove che Gesù mi chiami amico prima di morire. Mi mostra nuovamente il suo cuore umano che ha bisogno di riposo e che dà riposo.

- Advertisement -

Gesù ci chiede di amarci: “Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri”. Non dice di amare Lui. Non dice di fare miracoli, di convertire molti.

Ai suoi chiede solo di vivere fino all’estremo il mistero di ciò che hanno vissuto in quei tre anni: amarsi gli uni gli altri. Questo è ciò che hanno vissuto insieme. Semplice. Amare ed essere amati.

Vuole, però, che ci amiamo bene, come Egli stesso ci ha amati. Fino all’estremo, fino a dare la vita. Amando in modo creativo. Amando con tutta l’anima e con tutto il corpo.

Come imparare ad amare bene? Come si impara ad essere creativi? C’è tanta gente che si riconosce poco creativa nell’amore. Ha perso la capacità di sorprendere l’altro. Di cercare la sua felicità.

Non le vengono in mente forme nuove, vie originali. È semplicemente come se sopravvivesse sul campo di battaglia. Ma non ci sono progressi.

Nella vita ci sono persone che ci insegnano ad amare. Con il modo in cui ci amano, ci mostrano una via originale per crescere. L’amore si costruisce sulla fiducia e sull’ammirazione.

Come ci ricorda Joseph Zinker, “l’amore è la gioia per la mera esistenza della persona amata”. Non dobbiamo fare niente di speciale perché ci amino. Gli altri non devono fare niente di speciale per far sì che li amiamo. Amiamo in questo modo?

Dobbiamo rimanere nell’amore di Dio per poter poi rimanere nell’amore che doniamo. L’amore che doniamo non dipenda da come ci trattano, da ciò che ci danno in cambio. Il nostro amore resta fedele in mezzo alle difficoltà della vita?

Il nostro amore cresce quando è un amore che si rinnova ogni giorno. L’amore che non si reinnamora finisce per seccarsi.

Abbiamo bisogno di un amore che ricominci sempre. Che confidi pur avendo sperimentato molte volta la delusione. Un amore forte e saldo. Un amore profondo, che ami fin dalle viscere.

Un amore di gesti, creativo, che inventi forme nuove, che si reinventi ogni mattina. Un amore di risate e di lacrime. Di complicità e di pazienza. Un amore appassionato, perché l’amore freddo non è vero amore.

Un amore che rispetti e aspetti, che custodisca e taccia. Un amore che non esiga, ma accetti con gioia quello che riceve. Un amore paziente e servizievole. Un amore espresso in modi diversi. Tante forme quante le persone che esistono.

Un amore umano che tenda al divino, perché ogni amore finito sogna l’eternità. L’ideale sembra molto lontano e irraggiungibile, ma è quello che ci esorta a crescere ogni mattina.

Come poter amare con l’amore di Gesù nell’anima? Come poter amare con un amore infinito che spezzi i limiti della mia carne?

Diceva padre Josef Kentenich: “Dobbiamo avere davanti agli occhi mete elevate perché si risveglino in noi gli impulsi profondi e istintivi propri di chi deve raggiungere un obiettivo elevato. Santa Teresa dice che salire su una collinetta fatta da un topo non risveglia alcun impulso in me, ma se devo salire una montagna si ravvivano tutte le mie forze. Sparando, bisogna puntare più in alto per raggiungere un bersaglio che è più in basso”.

Gesù ci pone sempre ideali elevati, perché sogniamo le vette, perché non ci conformiamo a una vita mediocre.

Se le nostre aspirazioni sono a portata di mano, ci rilasseremo e ci lasceremo trascinare dalla vita. Se la meta sembra così lontana da sembrarci impossibile, quell’ideale accenderà il fuoco del cuore.

Gesù ci chiede di amarci gli uni gli altri con il suo amore. Sembra impossibile. Sogno un amore di questo tipo per la mia vita?

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
646FollowerSegui
223IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Gibran: Lazzaro e la sua amata

La Shoah alla luce del Sinai

Accompagnare gli adulti nella fede

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x