11.8 C
Rome
Lun, 16 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Risponde il teologo Come è fatto l’Aldilà?

Come è fatto l’Aldilà?

- Advertisement -

«Nel pensare l’Aldilà siamo troppo condizionati dal modello della Divina Commedia?», chiede un lettore. Risponde padre Athos Turchi, docente di Filosofia alla facoltà teologica dell’Italia centrale.

Ho letto la risposta sulla teoria del Limbo (sul numero 2 di Toscana Oggi) e condivido il concetto, come anche quello relativo ad  un’aldilà diviso in settori. Dante con la sua Commedia ci ha illustrato il Paradiso, l’Inferno e il Purgatorio come luoghi in cui vengono proiettati i nostri sentimenti terreni di giudizio. Questo modo di pensare ci ha  condizionato in modo radicale ed in certo qual modo deviante. Ma mi permetto di farLe questa domanda: se sono «stati» ma non «luoghi» il Cristo Risorto dove sta se non in un «luogo»?

Ho sempre immaginato «terre nuove» e «cieli nuovi» situate in un’altra dimensione, quindi fuori dal cosmo mortale che la resurrezione ci garantisce subito o alla fine dei tempi. Forse sto facendo una grande confusione e chiedo aiuto.

La domanda si addentra in una questione un po’ complessa e complicata, perché nessuno è stato nell’Aldilà ed è tornato, e nessuno ha potuto dare una sbirciatina da qualche finestrino che dà sull’altro mondo. Perciò si ricostruisce male quello di cui non si sa quasi niente.

Nell’altro mondo o paradiso sappiamo che vi sono solo due corpi quello di Gesù e quello di sua madre Maria, tutto il resto sono anime in attesa della resurrezione dei loro corpi. Stando a quello che le parole significano vuol dire che vi sono solo due nature umane quella di Gesù e quella di Maria. Le anime mancando dei corpi non sono una natura umana, ma solo la parte spirituale della persona che era nella vita terrena.

Il problema come sia la corporeità nell’Aldilà, di cui chiede il lettore, per ora riguarda solo i corpi di Gesù e di Maria. Di primo acchito la risposta sembra facile: dato che Gesù e Maria sono subito saliti in cielo, il corpo è certamente quello che avevano al momento. Ma per gli altri esseri umani, che corpo resusciterà?

Su questo argomento abbiamo alcune informazioni: Gesù dopo la resurrezione e i testi di S. Paolo. Gesù, dicono i Vangeli, appariva ai discepoli più o meno come era stato in vita, ma non aveva le stesse caratteristiche della corporeità materiale, infatti ogni volta che lo incontravano i discepoli avevano difficoltà a riconoscerlo e lo facevano solo quando compiva qualche gesto che rivelava chi fosse. Inoltre si presentava in luoghi diversi passando muri e spazi e tempi, invitava a toccarlo e si mangiava un bel pesce a dimostrazione che il corpo che aveva era realmente un corpo fisico. Dunque c’era una fisicità che non aveva i caratteri della materialità. San Paolo, poi, dice: «Così anche la risurrezione dei morti: si semina corruttibile e risorge incorruttibile; si semina ignobile e risorge glorioso, si semina debole e risorge pieno di forza; si semina un corpo animale, risorge un corpo spirituale» (1 Cor 15,42ss).

Cosa se ne conclude? Che non sappiamo bene come potrà essere il nostro corpo glorioso e spirituale che riprenderemo alla resurrezione dei morti, e non possediamo categorie adatte per poterlo dire. Dai testi e dai fatti possiamo dedurre: a) che avremo il nostro corpo fisico; b) che ha perso le qualità tipiche della materialità di cui abbiamo esperienza in questo mondo cioè spazio-tempo; c) che sarà l’anima a permeare e a impregnare il corpo sì da renderlo vivo-spirituale, come nella semina la vita permane nella macerazione del chicco e rispunta come un germoglio nuovo e vitale. In altri termini, come ora nel mondo materiale la corporeità sottomette l’anima, nella resurrezione sarà l’anima a dare i caratteri di se stessa al corpo. Dunque il corpo sarà fisico ma non più materiale, perché la fisicità perde le qualità spazio-temporali della materia, cioè non ha più i caratteri che la fanno di questo mondo. In tal senso i corpi di Gesù e di Maria non hanno un luogo, perché ne prescindono, e non ne bisognano in quanto non occupano spazio. I cieli nuovi e le terre nuove avranno i medesimi requisiti, perché la luce di Dio eliminerà dalla materia quelle qualità che la separano da un rapporto diretto con Lui.

E secondo me la ragione sta nel contrario. Il mondo come ora noi siamo e esistiamo è dovuto alla separazione da Dio, ora, cioè, siamo in una dimensione che non è quella originaria perché un creato separato da Dio non ha senso. Il peccato d’origine ha spezzato la diretta comunione con Dio e ha fatto sì che il mondo entrasse in una dimensione che chiamo «materiale», dove si è imposta e vive la «quantità», cioè la divisibilità, che è ragione della morte. Ed è tale divisibilità che rende materialità la fisicità eterna, del primo creato, così come ora noi la percepiamo, ma in origine non era così: la fisicità non era materiale, perché non aveva né spazio e né tempo in quanto Dio aveva creato tutto nella vita e non c’era ombra di morte (materialità). Così interpreto: «Dio non ha creato la morte e non gode per la rovina dei viventi. Egli infatti ha creato tutte le cose perché esistano; le creature del mondo sono portatrici di salvezza, in esse non c’è veleno di morte, né il regno dei morti è sulla terra. La giustizia infatti è immortale» (Sap. 1,13-15). Infatti le caratteristiche della materialità che fanno dell’essere creato un mortale sono lo spazio-tempo, tolte queste il mondo ritornerebbe «eterno» cioè vivente, esistente, senza veleno di morte. Quando Dio lo creò era così, e di conseguenza lo stato «normale» del creato sarebbe come Dio lo creò e non come l’essere umano col peccato lo ha ridotto, e che ora costatiamo. In conclusione i corpi risorti riacquistano le loro originarie proprietà di vita eterna e, perdendo i caratteri di spazio-tempo, ritroveranno la diretta comunione con Dio senza necessità di occupare luoghi e zone materiali. Questo ce lo indica il fatto che il corpo-umanità di Gesù e di Maria non avevano contratto il peccato originale, e perciò tornano ad essere come Dio li aveva originariamente creati in intima comunione con Lui.

Athos Turchi

 

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Come è fatto l’Aldilà?

  

- Advertisement -

«Nel pensare l’Aldilà siamo troppo condizionati dal modello della Divina Commedia?», chiede un lettore. Risponde padre Athos Turchi, docente di Filosofia alla facoltà teologica dell’Italia centrale.

Ho letto la risposta sulla teoria del Limbo (sul numero 2 di Toscana Oggi) e condivido il concetto, come anche quello relativo ad  un’aldilà diviso in settori. Dante con la sua Commedia ci ha illustrato il Paradiso, l’Inferno e il Purgatorio come luoghi in cui vengono proiettati i nostri sentimenti terreni di giudizio. Questo modo di pensare ci ha  condizionato in modo radicale ed in certo qual modo deviante. Ma mi permetto di farLe questa domanda: se sono «stati» ma non «luoghi» il Cristo Risorto dove sta se non in un «luogo»?

Ho sempre immaginato «terre nuove» e «cieli nuovi» situate in un’altra dimensione, quindi fuori dal cosmo mortale che la resurrezione ci garantisce subito o alla fine dei tempi. Forse sto facendo una grande confusione e chiedo aiuto.

La domanda si addentra in una questione un po’ complessa e complicata, perché nessuno è stato nell’Aldilà ed è tornato, e nessuno ha potuto dare una sbirciatina da qualche finestrino che dà sull’altro mondo. Perciò si ricostruisce male quello di cui non si sa quasi niente.

Nell’altro mondo o paradiso sappiamo che vi sono solo due corpi quello di Gesù e quello di sua madre Maria, tutto il resto sono anime in attesa della resurrezione dei loro corpi. Stando a quello che le parole significano vuol dire che vi sono solo due nature umane quella di Gesù e quella di Maria. Le anime mancando dei corpi non sono una natura umana, ma solo la parte spirituale della persona che era nella vita terrena.

Il problema come sia la corporeità nell’Aldilà, di cui chiede il lettore, per ora riguarda solo i corpi di Gesù e di Maria. Di primo acchito la risposta sembra facile: dato che Gesù e Maria sono subito saliti in cielo, il corpo è certamente quello che avevano al momento. Ma per gli altri esseri umani, che corpo resusciterà?

- Advertisement -

Su questo argomento abbiamo alcune informazioni: Gesù dopo la resurrezione e i testi di S. Paolo. Gesù, dicono i Vangeli, appariva ai discepoli più o meno come era stato in vita, ma non aveva le stesse caratteristiche della corporeità materiale, infatti ogni volta che lo incontravano i discepoli avevano difficoltà a riconoscerlo e lo facevano solo quando compiva qualche gesto che rivelava chi fosse. Inoltre si presentava in luoghi diversi passando muri e spazi e tempi, invitava a toccarlo e si mangiava un bel pesce a dimostrazione che il corpo che aveva era realmente un corpo fisico. Dunque c’era una fisicità che non aveva i caratteri della materialità. San Paolo, poi, dice: «Così anche la risurrezione dei morti: si semina corruttibile e risorge incorruttibile; si semina ignobile e risorge glorioso, si semina debole e risorge pieno di forza; si semina un corpo animale, risorge un corpo spirituale» (1 Cor 15,42ss).

Cosa se ne conclude? Che non sappiamo bene come potrà essere il nostro corpo glorioso e spirituale che riprenderemo alla resurrezione dei morti, e non possediamo categorie adatte per poterlo dire. Dai testi e dai fatti possiamo dedurre: a) che avremo il nostro corpo fisico; b) che ha perso le qualità tipiche della materialità di cui abbiamo esperienza in questo mondo cioè spazio-tempo; c) che sarà l’anima a permeare e a impregnare il corpo sì da renderlo vivo-spirituale, come nella semina la vita permane nella macerazione del chicco e rispunta come un germoglio nuovo e vitale. In altri termini, come ora nel mondo materiale la corporeità sottomette l’anima, nella resurrezione sarà l’anima a dare i caratteri di se stessa al corpo. Dunque il corpo sarà fisico ma non più materiale, perché la fisicità perde le qualità spazio-temporali della materia, cioè non ha più i caratteri che la fanno di questo mondo. In tal senso i corpi di Gesù e di Maria non hanno un luogo, perché ne prescindono, e non ne bisognano in quanto non occupano spazio. I cieli nuovi e le terre nuove avranno i medesimi requisiti, perché la luce di Dio eliminerà dalla materia quelle qualità che la separano da un rapporto diretto con Lui.

E secondo me la ragione sta nel contrario. Il mondo come ora noi siamo e esistiamo è dovuto alla separazione da Dio, ora, cioè, siamo in una dimensione che non è quella originaria perché un creato separato da Dio non ha senso. Il peccato d’origine ha spezzato la diretta comunione con Dio e ha fatto sì che il mondo entrasse in una dimensione che chiamo «materiale», dove si è imposta e vive la «quantità», cioè la divisibilità, che è ragione della morte. Ed è tale divisibilità che rende materialità la fisicità eterna, del primo creato, così come ora noi la percepiamo, ma in origine non era così: la fisicità non era materiale, perché non aveva né spazio e né tempo in quanto Dio aveva creato tutto nella vita e non c’era ombra di morte (materialità). Così interpreto: «Dio non ha creato la morte e non gode per la rovina dei viventi. Egli infatti ha creato tutte le cose perché esistano; le creature del mondo sono portatrici di salvezza, in esse non c’è veleno di morte, né il regno dei morti è sulla terra. La giustizia infatti è immortale» (Sap. 1,13-15). Infatti le caratteristiche della materialità che fanno dell’essere creato un mortale sono lo spazio-tempo, tolte queste il mondo ritornerebbe «eterno» cioè vivente, esistente, senza veleno di morte. Quando Dio lo creò era così, e di conseguenza lo stato «normale» del creato sarebbe come Dio lo creò e non come l’essere umano col peccato lo ha ridotto, e che ora costatiamo. In conclusione i corpi risorti riacquistano le loro originarie proprietà di vita eterna e, perdendo i caratteri di spazio-tempo, ritroveranno la diretta comunione con Dio senza necessità di occupare luoghi e zone materiali. Questo ce lo indica il fatto che il corpo-umanità di Gesù e di Maria non avevano contratto il peccato originale, e perciò tornano ad essere come Dio li aveva originariamente creati in intima comunione con Lui.

Athos Turchi

 

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
610FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

I settanta volti della Torah

Fusco: La gioia dell’ascolto

Dai racconti orali ai Vangeli

Le 217 domande di Gesù

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO