26.2 C
Rome
giovedì, 27 Giugno 2019
  • MEDIA

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Media Foto Clarice e Antônio, una prova che l’amore può essere davvero eterno

Clarice e Antônio, una prova che l’amore può essere davvero eterno

- Advertisement -

E voi, volete invecchiare così?

Stéphanny Lisboa ha voluto condividere con noi le fotografie dell’amica Rafaella Zanol.

La fotografa ha voluto raccontare un po’ l’idea che sta dietro le foto: “Essendo una persona che crede molto nell’amore, ho cercato di presentare una coppia”.

I protagonisti delle immagini, Clarice e Antônio, brasiliani, sono sposati da 57 anni, e considerando il fidanzamento stanno insieme da 58.

Si sono conosciuti nel 1958. Clarice aveva 19 anni ed era ricoverata nella Santa Casa di Cuiabá per riprendersi da un intervento alla cistifellea quando Antônio è andato a farle visita spinto da una zia.

Il ragazzo ha indossato il suo abito migliore e racconta che anche se debilitata Clarice era bellissima: “È stato amore a prima vista!

Le cose non sono state semplici, perché Antônio e Clarice vivevano in città diverse e il padre e i fratelli della ragazza non accettavano il loro rapporto. Antônio le scriveva lettere romantiche dicendo che non poteva vivere senza di lei, e andava da Cuiabá a Livramento sul camioncino che portava il latte in città. Non ha mai desistito, fin quando il padre di Clarice non gli ha concesso la mano della figlia.

Antônio ha lavorato come topografo, commerciante e consegnando verdure, rimanendo a volte lontano dalla moglie per settimane. Poi ha incontrato il professor Nilo Póvoas, che gli ha consigliato di tornare a studiare per avere una vita migliore, crescere a livello professionale e dare condizioni migliori alla sua famiglia. E così ha fatto, vincendo un concorso pubblico. Lui e Clarice sono andati ad abitare a Cuiabá.

La coppia racconta che non c’è una formula magica per far durare un’unione. L’importante è che ci siano rispetto e molto amore.

Dopo 57 anni, 3 figli e 5 nipoti, Antônio e Clarice hanno molto da raccontare.

Rafaella Zanol, la fotografa, ha approfittato della loro storia per lanciare un messaggio: “Correte, date un abbraccio stretto a vostro nonno o a vostra nonna se sono ancora qui, non rimandate! Se abitano in un’altra città, telefonate e dite loro quanto sono importanti per voi. E se se ne sono già andati, fermatevi un minuto, chiudete gli occhi e ricordate l’amore che vi hanno dato! Provare nostalgia è naturale, e se avete voglia di piangere fatelo pure!”

Complimenti per le fotografie e per la sensibilità, Rafaella.

Clarice-Antônio

Clarice e Antônio, grazie per tanto amore condiviso. Un amore come il vostro è davvero una fortuna!

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Foto di Rafaella Zanol

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Clarice e Antônio, una prova che l’amore può essere davvero eterno

  

- Advertisement -

E voi, volete invecchiare così?

Stéphanny Lisboa ha voluto condividere con noi le fotografie dell’amica Rafaella Zanol.

La fotografa ha voluto raccontare un po’ l’idea che sta dietro le foto: “Essendo una persona che crede molto nell’amore, ho cercato di presentare una coppia”.

I protagonisti delle immagini, Clarice e Antônio, brasiliani, sono sposati da 57 anni, e considerando il fidanzamento stanno insieme da 58.

Si sono conosciuti nel 1958. Clarice aveva 19 anni ed era ricoverata nella Santa Casa di Cuiabá per riprendersi da un intervento alla cistifellea quando Antônio è andato a farle visita spinto da una zia.

- Advertisement -

Il ragazzo ha indossato il suo abito migliore e racconta che anche se debilitata Clarice era bellissima: “È stato amore a prima vista!

Le cose non sono state semplici, perché Antônio e Clarice vivevano in città diverse e il padre e i fratelli della ragazza non accettavano il loro rapporto. Antônio le scriveva lettere romantiche dicendo che non poteva vivere senza di lei, e andava da Cuiabá a Livramento sul camioncino che portava il latte in città. Non ha mai desistito, fin quando il padre di Clarice non gli ha concesso la mano della figlia.

Antônio ha lavorato come topografo, commerciante e consegnando verdure, rimanendo a volte lontano dalla moglie per settimane. Poi ha incontrato il professor Nilo Póvoas, che gli ha consigliato di tornare a studiare per avere una vita migliore, crescere a livello professionale e dare condizioni migliori alla sua famiglia. E così ha fatto, vincendo un concorso pubblico. Lui e Clarice sono andati ad abitare a Cuiabá.

La coppia racconta che non c’è una formula magica per far durare un’unione. L’importante è che ci siano rispetto e molto amore.

Dopo 57 anni, 3 figli e 5 nipoti, Antônio e Clarice hanno molto da raccontare.

Rafaella Zanol, la fotografa, ha approfittato della loro storia per lanciare un messaggio: “Correte, date un abbraccio stretto a vostro nonno o a vostra nonna se sono ancora qui, non rimandate! Se abitano in un’altra città, telefonate e dite loro quanto sono importanti per voi. E se se ne sono già andati, fermatevi un minuto, chiudete gli occhi e ricordate l’amore che vi hanno dato! Provare nostalgia è naturale, e se avete voglia di piangere fatelo pure!”

Complimenti per le fotografie e per la sensibilità, Rafaella.

Clarice-Antônio

Clarice e Antônio, grazie per tanto amore condiviso. Un amore come il vostro è davvero una fortuna!

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Foto di Rafaella Zanol

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato di SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
272FansMi piace
804FollowerSegui
13,000FollowerSegui
582FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO