13.6 C
Roma
Mar, 1 Dicembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vaticano Cina, consacrato il primo vescovo dopo l’Accordo provvisorio

Cina, consacrato il primo vescovo dopo l’Accordo provvisorio

Mons. Antonio Yao Shun è stato consacrato vescovo con il Mandato Pontificio

- Advertisement -
Il direttore della Sala Stampa vaticana, Matteo Bruni, conferma che mons. Antonio Yao Shun è stato consacrato vescovo con il Mandato Pontificio

Debora Donnini – Città del Vaticano

“Posso confermare che S.E. Mons. Antonio Yao Shun, consacrato Vescovo di Jining/Wulanchabu, in Mongolia Interna (Cina), ha ricevuto il Mandato Pontificio, come affermato anche dal Vescovo Consacrante nel corso della cerimonia di ieri, 26 agosto 2019”. Così il direttore della Sala Stampa vaticana, Matteo Bruni, rispondendo alle domande dei giornalisti. La consacrazione episcopale di mons.  Antonio Yao “è la prima che avviene nella cornice dell’Accordo Provvisorio tra la Santa Sede e la Repubblica Popolare Cinese, firmato a Pechino il 22 settembre 2018”, spiega Bruni.

Antonio Yao Shun è stato ordinato vescovo della diocesi di Jining, nella provincia settentrionale della Mongolia interna nella quale vivono circa 70mila cattolici, da Paolo Meng Qinglu della diocesi di Hohhot. Altri vescovi co-consacranti sono stati Mattia Du Jiang della diocesi di Bameng, Li Jing della diocesi di Ningxia e Paolo Meng Ningyou della diocesi di Taiyuan. Attualmente tutti i vescovi cattolici in Cina sono in piena comunione con il Papa. Alla cerimonia erano presenti centinaia di sacerdoti e religiosi provenienti dalle zone circostanti.

Durante la cerimonia “è stato menzionato il mandato di Papa Francesco” ha affermato il vescovo Paolo Meng Qinglu. A riportarlo è il Global Times in un articolo sull’ordinazione nel quale vengono riferiti vari commenti positivi. Al quotidiano cinese, il vescovo ha anche detto che la cerimonia si è svolta in un’atmosfera “solenne, armoniosa e ordinata”.

“Misericordes sicut Pater” (Misericordiosi come il Padre) è il motto episcopale scelto dal vescovo Yao Shun. Le stesse parole di quello del Giubileo della Misericordia voluto da Papa Francesco. La formazione di Yao Shun, che oggi ha 54 anni, avviene nel Seminario nazionale di Pechino. Poi la specializzazione in liturgia anche all’estero, negli Stati Uniti e nelle Filippine: studia presso la St. John’s University di New York e il Paul VI Institute of Liturgy a Malaybalay. Dopo il rientro in Cina, continua a insegnare Liturgia presso il Seminario Nazionale di Pechino, dove è stato anche direttore spirituale. Ha avuto responsabilità nel Comitato liturgico nazionale. Successivamente, nel 2010, rientra nella diocesi di Jining per coadiuvare il suo predecessore Giovanni Liu Shigong, scomparso a 90 anni nel 2017.

Il suo nome come vescovo della diocesi di Jining era stato indicato all’unanimità, lo scorso aprile, dai rappresentanti della diocesi in un incontro guidato dal vescovo Meng Qinglu. Fra i rappresentanti, la componente preponderante era costituita da sacerdoti affiancati da alcuni rappresentanti laici e delle religiose. Dopo attenta valutazione, Yao Shun ha ricevuto il mandato apostolico e la nomina da parte del Papa. Quindi un altro frutto visibile, come ad esempio la presenza dei due vescovi della Cina Continentale al Sinodo sui giovani, di quell’Accordo provvisorio illuminato anche dal Messaggio che pochi giorni dopo Papa Francesco volle inviare ai cattolici cinesi e alla Chiesa universale.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Cina, consacrato il primo vescovo dopo l’Accordo provvisorio

Mons. Antonio Yao Shun è stato consacrato vescovo con il Mandato Pontificio

- Advertisement -
Il direttore della Sala Stampa vaticana, Matteo Bruni, conferma che mons. Antonio Yao Shun è stato consacrato vescovo con il Mandato Pontificio

Debora Donnini – Città del Vaticano

“Posso confermare che S.E. Mons. Antonio Yao Shun, consacrato Vescovo di Jining/Wulanchabu, in Mongolia Interna (Cina), ha ricevuto il Mandato Pontificio, come affermato anche dal Vescovo Consacrante nel corso della cerimonia di ieri, 26 agosto 2019”. Così il direttore della Sala Stampa vaticana, Matteo Bruni, rispondendo alle domande dei giornalisti. La consacrazione episcopale di mons.  Antonio Yao “è la prima che avviene nella cornice dell’Accordo Provvisorio tra la Santa Sede e la Repubblica Popolare Cinese, firmato a Pechino il 22 settembre 2018”, spiega Bruni.

Antonio Yao Shun è stato ordinato vescovo della diocesi di Jining, nella provincia settentrionale della Mongolia interna nella quale vivono circa 70mila cattolici, da Paolo Meng Qinglu della diocesi di Hohhot. Altri vescovi co-consacranti sono stati Mattia Du Jiang della diocesi di Bameng, Li Jing della diocesi di Ningxia e Paolo Meng Ningyou della diocesi di Taiyuan. Attualmente tutti i vescovi cattolici in Cina sono in piena comunione con il Papa. Alla cerimonia erano presenti centinaia di sacerdoti e religiosi provenienti dalle zone circostanti.

Durante la cerimonia “è stato menzionato il mandato di Papa Francesco” ha affermato il vescovo Paolo Meng Qinglu. A riportarlo è il Global Times in un articolo sull’ordinazione nel quale vengono riferiti vari commenti positivi. Al quotidiano cinese, il vescovo ha anche detto che la cerimonia si è svolta in un’atmosfera “solenne, armoniosa e ordinata”.

“Misericordes sicut Pater” (Misericordiosi come il Padre) è il motto episcopale scelto dal vescovo Yao Shun. Le stesse parole di quello del Giubileo della Misericordia voluto da Papa Francesco. La formazione di Yao Shun, che oggi ha 54 anni, avviene nel Seminario nazionale di Pechino. Poi la specializzazione in liturgia anche all’estero, negli Stati Uniti e nelle Filippine: studia presso la St. John’s University di New York e il Paul VI Institute of Liturgy a Malaybalay. Dopo il rientro in Cina, continua a insegnare Liturgia presso il Seminario Nazionale di Pechino, dove è stato anche direttore spirituale. Ha avuto responsabilità nel Comitato liturgico nazionale. Successivamente, nel 2010, rientra nella diocesi di Jining per coadiuvare il suo predecessore Giovanni Liu Shigong, scomparso a 90 anni nel 2017.

- Advertisement -

Il suo nome come vescovo della diocesi di Jining era stato indicato all’unanimità, lo scorso aprile, dai rappresentanti della diocesi in un incontro guidato dal vescovo Meng Qinglu. Fra i rappresentanti, la componente preponderante era costituita da sacerdoti affiancati da alcuni rappresentanti laici e delle religiose. Dopo attenta valutazione, Yao Shun ha ricevuto il mandato apostolico e la nomina da parte del Papa. Quindi un altro frutto visibile, come ad esempio la presenza dei due vescovi della Cina Continentale al Sinodo sui giovani, di quell’Accordo provvisorio illuminato anche dal Messaggio che pochi giorni dopo Papa Francesco volle inviare ai cattolici cinesi e alla Chiesa universale.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
290FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
640FollowerSegui
138IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x