13.9 C
Rome
giovedì, 25 Aprile 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Risponde il teologo Come ci si deve preparare a ricevere l’Eucaristia?

Come ci si deve preparare a ricevere l’Eucaristia?

Risponde il Teologo

- Advertisement -
 

Un lettore ci chiede una piccola guida alla preparazione che il fedele deve fare prima di accostarsi a ricevere l’Eucarestia.

Sono alla ricerca di una informazione spirituale. Come bisogna prepararsi prima di ricevere la Santa comunione eucaristica? E nei due o tre minuti che seguono, con il Corpo e Sangue di Cristo in noi, che cosa meditare… che cosa pensare interiormente in noi? Si può chiedere a Gesù anche qualche grazia spirituale o materiale?

Stefano Di Luzio

Risponde padre Lamberto Crociani, docente di Liturgia alla facoltà teologica dell’Italia centrale.

Gentile lettore, la sua richiesta mi ha lasciato perplesso e mi ha confermato ancora una volta che la celebrazione eucaristica resta un’esperienza di tipo devozionale, sia pure legata ad un obbligo canonico domenicale.

Innanzi tutto bisogna porre in risalto il senso della celebrazione, così come la descrive la costituzione conciliare sulla Liturgia: «culmine e fonte» della vita della Chiesa (nn. 9-10). Questo oltre a essere vero per i sacramenti dell’Iniziazione cristiana che nell’Eucaristia culminano, vale per la stessa celebrazione eucaristica, che è vertice di un’esperienza di vita quotidiana, che esprime la relazione d’amore con Dio e i fratelli, e fonte per la medesima esperienza.

La liturgia eucaristica non è un atto di devozione personale, ma l’incontro della comunità cristiana convocata da Padre per celebrare il mistero della salvezza, culminante nella Croce, Risurrezione e Ascensione al Cielo,  e tende a realizzare una comunità/comunione che diviene concreta nella partecipazione ai Santi Segni del Pane e della Coppa consacrati.

Il rendimento di grazie,  sempre solenne e pubblico, che inizia con la preghiera dopo la Comunione continua nella vita fino alla nuova celebrazione. Rendere grazie è realizzare quella carità che abbiamo attinto partecipando alla celebrazione «consapevolmente» vissuta.

Secondo questa prospettiva, pertanto, la cosiddetta preparazione alla Comunione altro non è che l’ascolto della Parola del Signore, il silenzio adorante che da questa Parola scaturisce, il canto gioioso che sgorga dal cuore per il dono del Signore. È un’intera comunità celebrante che si prepara o meglio tende nella gioia e nella speranza a raggiungere nei Santi Segni l’unità con Cristo e in Cristo: tale è l’esplicita teologia del Canone Romano.

Se entriamo sapientemente in questa prospettiva la partecipazione alla Tavola eucaristica non ci lega  a qualche momento da vivere intimamente col Cristo, ma ogni volta ci trasforma in Cristo, come già Sant’Agostino insegnava al suo popolo. Il cibo eucaristico, infatti, non si digerisce, ma ci trasforma, rendendoci tutti l’unico Corpo del Signore.

Non si tratta allora di dire un grazie e salutare fino alla prossima celebrazione quando farò di nuovo la comunione, non si tratta neppure di chiedere grazie, se non l’unica grazia che è il dono dello Spirito Santo per un momento di intimità con Gesù, ma piuttosto conformare la propria vita al Signore Risorto, come singoli e come comunità, perché l’Eucaristia ci rende membra gli uni degli altri.

La dimensione della preghiera personale – diversa dal rendimento di grazie liturgico (l’Eucaristia) – accompagna giorno dopo giorno la vita del singolo prima di tutto come ascolto della Parola, poi come luogo di riflessione e silenzio e dialogo ed anche come domanda di particolari doni.

So di non aver ottemperato alla sua richiesta, ma spero almeno di essere stato chiaro nel riproporre il senso della celebrazione eucaristica quale culmine e fonte della vita della Chiesa.

Lamberto Crociani

 
Tratto da: Toscana Oggi
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Come ci si deve preparare a ricevere l’Eucaristia?

Risponde il Teologo

  

- Advertisement -
 

Un lettore ci chiede una piccola guida alla preparazione che il fedele deve fare prima di accostarsi a ricevere l’Eucarestia.

Sono alla ricerca di una informazione spirituale. Come bisogna prepararsi prima di ricevere la Santa comunione eucaristica? E nei due o tre minuti che seguono, con il Corpo e Sangue di Cristo in noi, che cosa meditare… che cosa pensare interiormente in noi? Si può chiedere a Gesù anche qualche grazia spirituale o materiale?

Stefano Di Luzio

Risponde padre Lamberto Crociani, docente di Liturgia alla facoltà teologica dell’Italia centrale.

Gentile lettore, la sua richiesta mi ha lasciato perplesso e mi ha confermato ancora una volta che la celebrazione eucaristica resta un’esperienza di tipo devozionale, sia pure legata ad un obbligo canonico domenicale.

Innanzi tutto bisogna porre in risalto il senso della celebrazione, così come la descrive la costituzione conciliare sulla Liturgia: «culmine e fonte» della vita della Chiesa (nn. 9-10). Questo oltre a essere vero per i sacramenti dell’Iniziazione cristiana che nell’Eucaristia culminano, vale per la stessa celebrazione eucaristica, che è vertice di un’esperienza di vita quotidiana, che esprime la relazione d’amore con Dio e i fratelli, e fonte per la medesima esperienza.

La liturgia eucaristica non è un atto di devozione personale, ma l’incontro della comunità cristiana convocata da Padre per celebrare il mistero della salvezza, culminante nella Croce, Risurrezione e Ascensione al Cielo,  e tende a realizzare una comunità/comunione che diviene concreta nella partecipazione ai Santi Segni del Pane e della Coppa consacrati.

- Advertisement -

Il rendimento di grazie,  sempre solenne e pubblico, che inizia con la preghiera dopo la Comunione continua nella vita fino alla nuova celebrazione. Rendere grazie è realizzare quella carità che abbiamo attinto partecipando alla celebrazione «consapevolmente» vissuta.

Secondo questa prospettiva, pertanto, la cosiddetta preparazione alla Comunione altro non è che l’ascolto della Parola del Signore, il silenzio adorante che da questa Parola scaturisce, il canto gioioso che sgorga dal cuore per il dono del Signore. È un’intera comunità celebrante che si prepara o meglio tende nella gioia e nella speranza a raggiungere nei Santi Segni l’unità con Cristo e in Cristo: tale è l’esplicita teologia del Canone Romano.

Se entriamo sapientemente in questa prospettiva la partecipazione alla Tavola eucaristica non ci lega  a qualche momento da vivere intimamente col Cristo, ma ogni volta ci trasforma in Cristo, come già Sant’Agostino insegnava al suo popolo. Il cibo eucaristico, infatti, non si digerisce, ma ci trasforma, rendendoci tutti l’unico Corpo del Signore.

Non si tratta allora di dire un grazie e salutare fino alla prossima celebrazione quando farò di nuovo la comunione, non si tratta neppure di chiedere grazie, se non l’unica grazia che è il dono dello Spirito Santo per un momento di intimità con Gesù, ma piuttosto conformare la propria vita al Signore Risorto, come singoli e come comunità, perché l’Eucaristia ci rende membra gli uni degli altri.

La dimensione della preghiera personale – diversa dal rendimento di grazie liturgico (l’Eucaristia) – accompagna giorno dopo giorno la vita del singolo prima di tutto come ascolto della Parola, poi come luogo di riflessione e silenzio e dialogo ed anche come domanda di particolari doni.

So di non aver ottemperato alla sua richiesta, ma spero almeno di essere stato chiaro nel riproporre il senso della celebrazione eucaristica quale culmine e fonte della vita della Chiesa.

Lamberto Crociani

 
- Advertisement -
Tratto da: Toscana Oggi
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

271FansMi piace
725FollowerSegui
13,000FollowerSegui
563FollowerSegui
55IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

Consigli pubblicitari