14.7 C
Rome
sabato, 21 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Teologia, Dottrina e Magistero Chiesa cattolica: sentieri interrotti

Chiesa cattolica: sentieri interrotti

Dobbiamo riconoscerlo: come Chiesa non siamo arrivati pronti allo snodo che stiamo attraversando in questo momento

- Advertisement -

di: Marcello Neri

Teologia della liberazione, gli scritti di Drewermann sul prete, mons. Battisti con la sua apertura ai laici a guida della comunità parrocchiale nella diocesi di Udine… casi concreti di una Chiesa che avrebbe potuto essere ma non è stata. Itinerari interrotti per cui oggi paghiamo anche un prezzo e davanti ai quali si pone un’esigenza di memoria e riflessione – per apprendere a costruire una Chiesa che non sia rispecchiamento delle nostre idee e concezioni.

Alla fine, dobbiamo riconoscerlo: come Chiesa non siamo arrivati pronti allo snodo che stiamo attraversando in questo momento, non siamo attrezzati al compito che si para davanti a noi. Dagli abusi alle forme della pastorale, dalla cultura alla politica, dalla vita spirituale al vivere insieme in società con altri.

Certo, non siamo soli nello spaesamento che si respira quotidianamente, anzi. L’agonia delle idee portanti della forma democratica è ben più drammatica di quella dei concetti base del catechismo parrocchiale, come lo è la paralisi di quelle anime illuminate e liberali che non si accorgono di essere state loro stesse una delle ragioni che ha portato all’estinzione dei paradigmi più luminosi e geniali dell’epoca moderna.

Non siamo all’altezza

Ma da noi stessi potevamo attenderci qualcosa di più di quello che si chiede ai rappresentanti delle istituzioni civili e della società umana. La radicalità del Vangelo pesa sulle nostre spalle e non su quelle del mondo, che ha i suoi pensieri e le sue misure. La differenza è compito nostro, ed essa (se mai ne fossimo capaci) dovrebbe essere di più alta qualità e umanamente apprezzabile.

È come se la Chiesa, e quindi tutti i discepoli e le discepole che la compongono, ad un certo punto si fosse persa per via: smarrendo la strada che il Signore le indicava per eccessiva preoccupazione di assicurarci previamente che fosse esattamente quella desiderata da lui.

Capisci che davanti a uno Spirito che soffia arioso (al ritmo dei tempi senza mai sottomettersi a essi) se procedi così non solo di strada ne fai poca, ma finisci anche per mancare quel viottolo un po’ nascosto che ti avrebbe riportato spedito sula via incerta che il Signore percorre spavaldo da secoli immemori.

Di molto dobbiamo chiedere scusa. Per l’innominabile del delitto dobbiamo espiare e riparare (e non solo chiedere perdono). Alle generazioni più giovani possiamo solo chiedere il favore di fare come se non ci fossimo – almeno per evitare di intralciarle ulteriormente, mostrando così che le riconosciamo all’altezza e mature della libertà e della fede.

Morte di pezzi di una Chiesa possibile

Tutto questo rimane; ma saremmo potuti arrivare a questo redde rationem con l’esigenza del Vangelo, da un lato, e la comunità degli esseri umani, dall’altro, con una grammatica dell’agire e uno stile della parola molto più signorili e degni.

Per convinzione di possedere un sapere superiore, saldo nella sua irrevocabilità e penetrante nel suo giudizio, abbiamo segato il tronco sul quale tutti stavamo. Al limite litigando tra noi su quale avrebbe dovuto essere il punto in cui tagliarlo, ma nessuno con l’idea che forse sarebbe stato meglio lasciarlo così come era con tutti quanti accoccolati sopra – un po’ traballanti e spauriti, certo, ma comunque insieme.

Di quelle potature paghiamo oggi un prezzo enorme.

L’istituzione stessa se ne accorge, ma non può porre alcun rimedio al «tempo perduto» inseguendo fantasmi a destra e a sinistra. Certo, può oggi forse allietare i cuori (di alcuni), e lasciar ben sperare per il futuro (si spera di tutti), la nomina di don Carlos Mattasoglio ad arcivescovo di Lima, ma la ricaduta ecclesiale di una teologia della liberazione non costretta a giustificarsi (e sfiancarsi) in ogni propria affermazione è qualcosa di irrevocabilmente perso. Può fare onore a mons. Wilmer il riconoscimento della pertinenza teologica ed ecclesiale dell’opera di Drewermann, ma questo non toglie nulla al fatto che per oltre trent’anni abbiamo formato preti quasi senza tenere minimamente conto delle cose che scriveva.

Di quale sapienza pastorale potremmo oggi disporre in Italia, non solo riguardo alla parrocchia come comunità cristiana che vive in un determinato spazio dell’umana quotidianità, ma anche come luogo dell’attiva partecipazione dei cristiani/e comuni alla formazione del prete, se il «coordinatore parrocchiale» immaginato da mons. Battisti per la sua diocesi di Udine nella seconda metà degli anni `90 non fosse stato sostanzialmente un bambino nato morto?

Il tallero della discordia

Di questi sentieri interrotti dovremmo coltivare oggi una fedele memoria; non però per dire altezzosamente che qualcuno decenni fa sbagliò tutto, né per celebrare una rancorosa vendetta postuma, ma semplicemente per essere tutti consapevoli di quello su cui nessuno oggi può più disporre nella Chiesa (né gli amici del cuore di Francesco, né quelli che lo vedono come il fumo negli occhi). Abbiamo fatto morire pezzi di Chiesa possibile – e a questo non c’è rimedio nella storia.

Negli ultimi quarant’anni ci siamo impoveriti di talenti evangelici, accumulando a dismisura talleri di una discordia irriconciliabile. Questo è l’esito che tutti ci accomuna – che ci piaccia o no.

Questa condizione della Chiesa non solo non rende onore all’Evangelo che tutti professiamo, ma non è neanche bella a vedersi. E francamente dovremmo vergognarci non poco se finiamo quotidianamente sui giornali solo perché garantiamo, oltre ogni più rosea aspettativa del demone comunicativo, il circo mediatico di fratelli e sorelle pronti a sgozzarsi tra loro in nome della più alta e onesta difesa di Dio. Invece, di questa condizione, francamente un po’ perversa, ci nutriamo ogni giorno per poter apparire legittimamente, e legittimati, sulla scena della comunicazione pubblica.

Oggi più che mai abbiamo bisogno di tenere insieme i pezzi più disparati di una Chiesa possibile, anche nella loro apparente contraddittorietà e incompatibilità. Così facendo, mostreremmo di aver imparato qualcosa dal passato, perché neanche coloro che allora plaudivano la morte di un pezzo di Chiesa ne sono usciti vincitori o più sicuri nelle loro idee.

Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Chiesa cattolica: sentieri interrotti

Dobbiamo riconoscerlo: come Chiesa non siamo arrivati pronti allo snodo che stiamo attraversando in questo momento

  

- Advertisement -

di: Marcello Neri

Teologia della liberazione, gli scritti di Drewermann sul prete, mons. Battisti con la sua apertura ai laici a guida della comunità parrocchiale nella diocesi di Udine… casi concreti di una Chiesa che avrebbe potuto essere ma non è stata. Itinerari interrotti per cui oggi paghiamo anche un prezzo e davanti ai quali si pone un’esigenza di memoria e riflessione – per apprendere a costruire una Chiesa che non sia rispecchiamento delle nostre idee e concezioni.

Alla fine, dobbiamo riconoscerlo: come Chiesa non siamo arrivati pronti allo snodo che stiamo attraversando in questo momento, non siamo attrezzati al compito che si para davanti a noi. Dagli abusi alle forme della pastorale, dalla cultura alla politica, dalla vita spirituale al vivere insieme in società con altri.

Certo, non siamo soli nello spaesamento che si respira quotidianamente, anzi. L’agonia delle idee portanti della forma democratica è ben più drammatica di quella dei concetti base del catechismo parrocchiale, come lo è la paralisi di quelle anime illuminate e liberali che non si accorgono di essere state loro stesse una delle ragioni che ha portato all’estinzione dei paradigmi più luminosi e geniali dell’epoca moderna.

Non siamo all’altezza

- Advertisement -

Ma da noi stessi potevamo attenderci qualcosa di più di quello che si chiede ai rappresentanti delle istituzioni civili e della società umana. La radicalità del Vangelo pesa sulle nostre spalle e non su quelle del mondo, che ha i suoi pensieri e le sue misure. La differenza è compito nostro, ed essa (se mai ne fossimo capaci) dovrebbe essere di più alta qualità e umanamente apprezzabile.

È come se la Chiesa, e quindi tutti i discepoli e le discepole che la compongono, ad un certo punto si fosse persa per via: smarrendo la strada che il Signore le indicava per eccessiva preoccupazione di assicurarci previamente che fosse esattamente quella desiderata da lui.

Capisci che davanti a uno Spirito che soffia arioso (al ritmo dei tempi senza mai sottomettersi a essi) se procedi così non solo di strada ne fai poca, ma finisci anche per mancare quel viottolo un po’ nascosto che ti avrebbe riportato spedito sula via incerta che il Signore percorre spavaldo da secoli immemori.

Di molto dobbiamo chiedere scusa. Per l’innominabile del delitto dobbiamo espiare e riparare (e non solo chiedere perdono). Alle generazioni più giovani possiamo solo chiedere il favore di fare come se non ci fossimo – almeno per evitare di intralciarle ulteriormente, mostrando così che le riconosciamo all’altezza e mature della libertà e della fede.

Morte di pezzi di una Chiesa possibile

Tutto questo rimane; ma saremmo potuti arrivare a questo redde rationem con l’esigenza del Vangelo, da un lato, e la comunità degli esseri umani, dall’altro, con una grammatica dell’agire e uno stile della parola molto più signorili e degni.

Per convinzione di possedere un sapere superiore, saldo nella sua irrevocabilità e penetrante nel suo giudizio, abbiamo segato il tronco sul quale tutti stavamo. Al limite litigando tra noi su quale avrebbe dovuto essere il punto in cui tagliarlo, ma nessuno con l’idea che forse sarebbe stato meglio lasciarlo così come era con tutti quanti accoccolati sopra – un po’ traballanti e spauriti, certo, ma comunque insieme.

Di quelle potature paghiamo oggi un prezzo enorme.

L’istituzione stessa se ne accorge, ma non può porre alcun rimedio al «tempo perduto» inseguendo fantasmi a destra e a sinistra. Certo, può oggi forse allietare i cuori (di alcuni), e lasciar ben sperare per il futuro (si spera di tutti), la nomina di don Carlos Mattasoglio ad arcivescovo di Lima, ma la ricaduta ecclesiale di una teologia della liberazione non costretta a giustificarsi (e sfiancarsi) in ogni propria affermazione è qualcosa di irrevocabilmente perso. Può fare onore a mons. Wilmer il riconoscimento della pertinenza teologica ed ecclesiale dell’opera di Drewermann, ma questo non toglie nulla al fatto che per oltre trent’anni abbiamo formato preti quasi senza tenere minimamente conto delle cose che scriveva.

Di quale sapienza pastorale potremmo oggi disporre in Italia, non solo riguardo alla parrocchia come comunità cristiana che vive in un determinato spazio dell’umana quotidianità, ma anche come luogo dell’attiva partecipazione dei cristiani/e comuni alla formazione del prete, se il «coordinatore parrocchiale» immaginato da mons. Battisti per la sua diocesi di Udine nella seconda metà degli anni `90 non fosse stato sostanzialmente un bambino nato morto?

Il tallero della discordia

Di questi sentieri interrotti dovremmo coltivare oggi una fedele memoria; non però per dire altezzosamente che qualcuno decenni fa sbagliò tutto, né per celebrare una rancorosa vendetta postuma, ma semplicemente per essere tutti consapevoli di quello su cui nessuno oggi può più disporre nella Chiesa (né gli amici del cuore di Francesco, né quelli che lo vedono come il fumo negli occhi). Abbiamo fatto morire pezzi di Chiesa possibile – e a questo non c’è rimedio nella storia.

Negli ultimi quarant’anni ci siamo impoveriti di talenti evangelici, accumulando a dismisura talleri di una discordia irriconciliabile. Questo è l’esito che tutti ci accomuna – che ci piaccia o no.

Questa condizione della Chiesa non solo non rende onore all’Evangelo che tutti professiamo, ma non è neanche bella a vedersi. E francamente dovremmo vergognarci non poco se finiamo quotidianamente sui giornali solo perché garantiamo, oltre ogni più rosea aspettativa del demone comunicativo, il circo mediatico di fratelli e sorelle pronti a sgozzarsi tra loro in nome della più alta e onesta difesa di Dio. Invece, di questa condizione, francamente un po’ perversa, ci nutriamo ogni giorno per poter apparire legittimamente, e legittimati, sulla scena della comunicazione pubblica.

Oggi più che mai abbiamo bisogno di tenere insieme i pezzi più disparati di una Chiesa possibile, anche nella loro apparente contraddittorietà e incompatibilità. Così facendo, mostreremmo di aver imparato qualcosa dal passato, perché neanche coloro che allora plaudivano la morte di un pezzo di Chiesa ne sono usciti vincitori o più sicuri nelle loro idee.

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Il Vangelo di Marco

La preghiera, la sete, le radici

Un solo Libro, due eredi

“Beati” nel nostro tempo

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO