26.7 C
Roma
Ven, 17 Settembre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiVita EcclesialeChi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?

Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Padre Cido Pereira risponde e approfitta per menzionare le Messe Gregoriane

“Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?” è la domanda posta a padre Cido Pereira, che tiene una rubrica di domande e risposte sulla rivista O São Paulo, dell’arcidiocesi brasiliana di San Paolo.

Il sacerdote ha risposto così al lettore che gli aveva posto la domanda: “È sbagliato segnare una Messa per i defunti e poi non partecipare alla celebrazione?”.

Silvio Roberto, di Jundiaí (San Paolo), mi ha inviato questa bella domanda.

Molti cattolici hanno l’abitudine di consegnare una lista di 20, 30 nomi di defunti o di dettare per telefono i nomi e non andare poi alla Messa. È una cosa un po’ strana quando diventa un’abitudine. È anche molto bello quando si segna una Messa Gregoriana, che consiste nella celebrazione di 30 Messe consecutive per un’anima con o senza la presenza fisica di chi le ha chieste.

- Advertisement -

Ci sono anche molte persone che, sapendo che siamo cattolici più fedeli, chiedono le nostre preghiere per loro. Quando mi viene chiesto mi piace dire: ‘Prego, certo, ma anche lei deve pregare’”.

“In questo tempo di pandemia”, ha proseguito padre Cido, “le persone anziane o con qualche malattia possono segnare delle Messe e assistervi attraverso i media sociali. La partecipazione alla Messa è importante perché preghiamo in comune, in comunità, e alimentiamo la nostra fede con il Pane della Parola e dell’Eucaristia.

Approfitto per dire che il piccolo contributo che darete nella colletta o quando segnate una Messa è un gesto d’amore nei confronti della vostra comunità, a vostro nome e a nome del defunto. Questo, però, non dev’essere mai richiesto come condizione perché la Messa venga celebrata. Dio sia con te, fratello mio”.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?

- Advertisement -

Padre Cido Pereira risponde e approfitta per menzionare le Messe Gregoriane

“Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?” è la domanda posta a padre Cido Pereira, che tiene una rubrica di domande e risposte sulla rivista O São Paulo, dell’arcidiocesi brasiliana di San Paolo.

Il sacerdote ha risposto così al lettore che gli aveva posto la domanda: “È sbagliato segnare una Messa per i defunti e poi non partecipare alla celebrazione?”.

Silvio Roberto, di Jundiaí (San Paolo), mi ha inviato questa bella domanda.

Molti cattolici hanno l’abitudine di consegnare una lista di 20, 30 nomi di defunti o di dettare per telefono i nomi e non andare poi alla Messa. È una cosa un po’ strana quando diventa un’abitudine. È anche molto bello quando si segna una Messa Gregoriana, che consiste nella celebrazione di 30 Messe consecutive per un’anima con o senza la presenza fisica di chi le ha chieste.

- Advertisement -

Ci sono anche molte persone che, sapendo che siamo cattolici più fedeli, chiedono le nostre preghiere per loro. Quando mi viene chiesto mi piace dire: ‘Prego, certo, ma anche lei deve pregare’”.

“In questo tempo di pandemia”, ha proseguito padre Cido, “le persone anziane o con qualche malattia possono segnare delle Messe e assistervi attraverso i media sociali. La partecipazione alla Messa è importante perché preghiamo in comune, in comunità, e alimentiamo la nostra fede con il Pane della Parola e dell’Eucaristia.

Approfitto per dire che il piccolo contributo che darete nella colletta o quando segnate una Messa è un gesto d’amore nei confronti della vostra comunità, a vostro nome e a nome del defunto. Questo, però, non dev’essere mai richiesto come condizione perché la Messa venga celebrata. Dio sia con te, fratello mio”.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
316IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

La teologia di papa Francesco

Marconi: L’infanzia di Maria

La Shoah alla luce del Sinai

Wilmer: Mosè, lezioni di deserto

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x