18.1 C
Rome
domenica, 20 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana Chernobyl: 30 anni fa il disastro nucleare, il grazie del Papa ai...

Chernobyl: 30 anni fa il disastro nucleare, il grazie del Papa ai soccorritori

- Advertisement -

che l’uomo vuole esercitare sulle fonti di energia – sia quelle naturali, sia quelle artificiali come in fondo è l’energia atomica – c’è tutta la storia di questi decenni, anche la storia delle guerre di questi decenni. E per quanto riguarda, nello specifico, il nucleare, abbiamo avuto anche la tragedia di Fukushima, in Giappone, a dirci che il pericolo non è scomparso ed evidentemente neanche le giuste cautele sono state prese dopo la tragedia di Chernobyl.

D. – Chernobyl ormai è una zona praticamente disabitata; 30 anni dopo esiste ancora il dramma di quanti sono stati contaminati …

R. – Io sono stato due volte a Chernobyl e l’area intorno alla centrale nucleare, per un raggio di 30 km è un’area chiusa, dove c’è stato però il dramma dei ritorni, perché soprattutto gli anziani hanno incominciato a tornare nelle loro case noncuranti del pericolo. Quell’area è una vera lezione: bisognerebbe vederla, perché dal punto di vista naturale, essendo assente l’uomo, è diventata una cosa stupenda. C’è una natura meravigliosa, rigogliosa. Però, per l’uomo è una zona morta. Il problema delle radiazioni e delle contaminazioni è stato naturalmente notevole, ma essendo avvenuto in un’epoca ancora sovietica, subito dopo è stato anche largamente rimosso. Probabilmente il vero bilancio di Chernobyl non lo conosceremo mai. Sappiamo, però, che è stato un bilancio terribile.

D. – Dopo Chernobyl, ma soprattutto dopo Fukushima, nel mondo è cresciuto il dibattito su “nucleare sì” e “nucleare no”: contemporaneamente, si è fatto molto poco per sviluppare le energie rinnovabili e ci si è affidati ancora di più a quelle fossili …

R. – Io temo che tutti gli sforzi sono stati prodotti proprio per aumentare lo sfruttamento delle energie fossili. Oggi siamo in una situazione in cui il petrolio costa meno dell’acqua da tavola e quindi, purtroppo, non si può che prevedere un incremento dell’uso delle risorse energetiche di natura fossile che sono diventate anche poco costose.

D. – Potrà esistere un nucleare sicuro?

R. – Per essere onesti, le centrali nucleari nel mondo sono molte, funzionano, e gli incidenti drammatici sono stati pochi. Il problema del nucleare è che l’incidente nucleare è sempre terrificante e quindi ci chiediamo se si può parlare di nucleare sicuro… Il nucleare, se vogliamo dirla tutta, è sicuro quando non succede nulla …

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Chernobyl: 30 anni fa il disastro nucleare, il grazie del Papa ai soccorritori

  

- Advertisement -

che l’uomo vuole esercitare sulle fonti di energia – sia quelle naturali, sia quelle artificiali come in fondo è l’energia atomica – c’è tutta la storia di questi decenni, anche la storia delle guerre di questi decenni. E per quanto riguarda, nello specifico, il nucleare, abbiamo avuto anche la tragedia di Fukushima, in Giappone, a dirci che il pericolo non è scomparso ed evidentemente neanche le giuste cautele sono state prese dopo la tragedia di Chernobyl.

D. – Chernobyl ormai è una zona praticamente disabitata; 30 anni dopo esiste ancora il dramma di quanti sono stati contaminati …

R. – Io sono stato due volte a Chernobyl e l’area intorno alla centrale nucleare, per un raggio di 30 km è un’area chiusa, dove c’è stato però il dramma dei ritorni, perché soprattutto gli anziani hanno incominciato a tornare nelle loro case noncuranti del pericolo. Quell’area è una vera lezione: bisognerebbe vederla, perché dal punto di vista naturale, essendo assente l’uomo, è diventata una cosa stupenda. C’è una natura meravigliosa, rigogliosa. Però, per l’uomo è una zona morta. Il problema delle radiazioni e delle contaminazioni è stato naturalmente notevole, ma essendo avvenuto in un’epoca ancora sovietica, subito dopo è stato anche largamente rimosso. Probabilmente il vero bilancio di Chernobyl non lo conosceremo mai. Sappiamo, però, che è stato un bilancio terribile.

D. – Dopo Chernobyl, ma soprattutto dopo Fukushima, nel mondo è cresciuto il dibattito su “nucleare sì” e “nucleare no”: contemporaneamente, si è fatto molto poco per sviluppare le energie rinnovabili e ci si è affidati ancora di più a quelle fossili …

R. – Io temo che tutti gli sforzi sono stati prodotti proprio per aumentare lo sfruttamento delle energie fossili. Oggi siamo in una situazione in cui il petrolio costa meno dell’acqua da tavola e quindi, purtroppo, non si può che prevedere un incremento dell’uso delle risorse energetiche di natura fossile che sono diventate anche poco costose.

- Advertisement -

D. – Potrà esistere un nucleare sicuro?

R. – Per essere onesti, le centrali nucleari nel mondo sono molte, funzionano, e gli incidenti drammatici sono stati pochi. Il problema del nucleare è che l’incidente nucleare è sempre terrificante e quindi ci chiediamo se si può parlare di nucleare sicuro… Il nucleare, se vogliamo dirla tutta, è sicuro quando non succede nulla …

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
856FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Dieci parole per vivere

Dai racconti orali ai Vangeli

A scuola di preghiera

La Shoah alla luce del Sinai

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO