22.9 C
Rome
mercoledì, 26 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Risponde il teologo Che significato ha l’attributo di «figlio di Dio» usato per Gesù?

Che significato ha l’attributo di «figlio di Dio» usato per Gesù?

- Advertisement -

Com’era possibile che gli ebrei non si scandalizzassero dell’espressione «Figlio di Dio» usata spesso per Gesù? Risponde don Francesco Carensi, docente di Sacra Scrittura alla Facoltà Teologica dell’Italia Centrale. 

Gesù viene chiamato  per la prima volta «Figlio di Dio» dal Battista («E ho visto e testimoniato che questi è il figlio di Dio») e poi da alcuni discepoli. Sembra quindi che tale attributo fosse normale per l’epoca e non scandalizzasse il popolo, anche se scandalizzò i farisei e il potere sacerdotale. Ma come era possibile chiamare Gesù figlio di Dio se per Israele Jahvè era l’unico Dio? O forse tale attributo aveva un diverso significato?

Daniela Nucci

Per comprendere l’uso del titolo figlio dell’uomo, si deve confrontarsi con il vangelo di Marco, che compare in passi di importanza capitale: nel titolo del libro, (1,1), poi nel battesimo (1,11), nel racconto della trasfigurazione, (15,39) al centro del vangelo (9,7) e infine nella confessione del centurione ai piedi della croce (15,39). Titoli equivalenti a «Figlio di Dio» sono anche «figlio» (13,32), e «Figlio del benedetto» (14,61).

La morte di Gesù in Marco (15,39) è il momento in cui la confessione del centurione rivela il significato autentico di «figlio di Dio». Ciò  che i demoni già sapevano, ma che dicevano nel peggiore dei modi, (1,25-34), ciò che la voce dal cielo aveva proclamato solo per Gesù (1,11), o per pochi discepoli frastornati (9,7), quella relazione intima che Gesù intratteneva con il Padre, (14,32-42), ora viene resa pubblica, ed è al momento della morte del figlio che lo diventa.

Nel vangelo di Matteo nel titolo Figlio di Dio, si riverbera la tradizione di Israele, figlio di Dio, del messia e del servo. Che Gesù sia Figlio di Dio in  un senso unico lo si può evincere: dalla sua coscienza di un  rapporto unico con il padre, dal suo essere conosciuto pienamente solo dal padre, dal potere totale a lui trasmesso, e infine dalla distinzione mio /vostro padre. Matteo sottolinea sia l’origine davidica di Gesù, ma anche quella dallo spirito. La formula più vicina alla divinità è quella del battesimo di Gesù e quella trinitaria del battesimo cristiano (Mt 28,19). In ambiente giudaico era impossibile chiamare Gesù Dio, perché Dio indicava solo il Padre.

Nell’Antico Testamento in greco (la versione dei Settanta), IHWH appare Dio in quanto SIGNORE, la sua potenza si esprime nella sua Signoria assoluta. In questo senso il potere di Gesù (Mi è stato dato ogni potere), esprime la sua relazione unica con il padre, ma con un influsso salvifico per tutti.

Nel vangelo di Giovanni, il titolo figlio di Dio rivela l’identità del Gesù terreno. Ma il mistero della persona di Gesù si rivela nella gloria terrena del Figlio Unigenito, sperimentata dagli apostoli nei segni. Il titolo di figlio di Dio, come del resto tutti i titoli cristologici, aiuta a rileggere e a esplicitare, servendosi di figure veterotestamentarie o della letteratura giudaica intertestamentaria, l’dentità e la dignità di Gesù di Nazaret all’interno e non al di fuori della sua storia. Non si deve mai dimenticare questo aggancio all’evento storico, sottolineato fortemente dai quattro vangeli, ma anche dall’annuncio della Chiesa primitiva. L’incarnazione è l’inserimento di  Dio nella storia.

Nell’applicazione dei titoli cristologici a Gesù di Nazaret avviene ciò che la dogmatica chiamerà comunicatio idiomatum: lo scambio mutuo di proprietà che appartengono di diritto all’umanità e alla divinità. Questo scambio avviene secondo un regola ben precisa. Il concilio di Calcedonia userà 4 verbi  per indicare il modo in cui avviene questa comunicazione: senza confusione, senza mutamento, senza divisione e senza separazione. Se l’applicazione dei titoli cristologici significasse divinizzare Gesù, sfalsando la sua umanità, si finirebbe per mitizzare la fede cristiana. E si tradirebbe la regola di Calcedonia. Dunque la storia di Gesù costituisce il criterio di discernimento con cui vanno utilizzati i vari titoli, quale quello di Figlio di Dio, elaborati da tradizione giudeo palestinese, giudeo ellenistica ed ellenistica.

Francesco Carensi

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Che significato ha l’attributo di «figlio di Dio» usato per Gesù?

  

- Advertisement -

Com’era possibile che gli ebrei non si scandalizzassero dell’espressione «Figlio di Dio» usata spesso per Gesù? Risponde don Francesco Carensi, docente di Sacra Scrittura alla Facoltà Teologica dell’Italia Centrale. 

Gesù viene chiamato  per la prima volta «Figlio di Dio» dal Battista («E ho visto e testimoniato che questi è il figlio di Dio») e poi da alcuni discepoli. Sembra quindi che tale attributo fosse normale per l’epoca e non scandalizzasse il popolo, anche se scandalizzò i farisei e il potere sacerdotale. Ma come era possibile chiamare Gesù figlio di Dio se per Israele Jahvè era l’unico Dio? O forse tale attributo aveva un diverso significato?

Daniela Nucci

Per comprendere l’uso del titolo figlio dell’uomo, si deve confrontarsi con il vangelo di Marco, che compare in passi di importanza capitale: nel titolo del libro, (1,1), poi nel battesimo (1,11), nel racconto della trasfigurazione, (15,39) al centro del vangelo (9,7) e infine nella confessione del centurione ai piedi della croce (15,39). Titoli equivalenti a «Figlio di Dio» sono anche «figlio» (13,32), e «Figlio del benedetto» (14,61).

La morte di Gesù in Marco (15,39) è il momento in cui la confessione del centurione rivela il significato autentico di «figlio di Dio». Ciò  che i demoni già sapevano, ma che dicevano nel peggiore dei modi, (1,25-34), ciò che la voce dal cielo aveva proclamato solo per Gesù (1,11), o per pochi discepoli frastornati (9,7), quella relazione intima che Gesù intratteneva con il Padre, (14,32-42), ora viene resa pubblica, ed è al momento della morte del figlio che lo diventa.

- Advertisement -

Nel vangelo di Matteo nel titolo Figlio di Dio, si riverbera la tradizione di Israele, figlio di Dio, del messia e del servo. Che Gesù sia Figlio di Dio in  un senso unico lo si può evincere: dalla sua coscienza di un  rapporto unico con il padre, dal suo essere conosciuto pienamente solo dal padre, dal potere totale a lui trasmesso, e infine dalla distinzione mio /vostro padre. Matteo sottolinea sia l’origine davidica di Gesù, ma anche quella dallo spirito. La formula più vicina alla divinità è quella del battesimo di Gesù e quella trinitaria del battesimo cristiano (Mt 28,19). In ambiente giudaico era impossibile chiamare Gesù Dio, perché Dio indicava solo il Padre.

Nell’Antico Testamento in greco (la versione dei Settanta), IHWH appare Dio in quanto SIGNORE, la sua potenza si esprime nella sua Signoria assoluta. In questo senso il potere di Gesù (Mi è stato dato ogni potere), esprime la sua relazione unica con il padre, ma con un influsso salvifico per tutti.

Nel vangelo di Giovanni, il titolo figlio di Dio rivela l’identità del Gesù terreno. Ma il mistero della persona di Gesù si rivela nella gloria terrena del Figlio Unigenito, sperimentata dagli apostoli nei segni. Il titolo di figlio di Dio, come del resto tutti i titoli cristologici, aiuta a rileggere e a esplicitare, servendosi di figure veterotestamentarie o della letteratura giudaica intertestamentaria, l’dentità e la dignità di Gesù di Nazaret all’interno e non al di fuori della sua storia. Non si deve mai dimenticare questo aggancio all’evento storico, sottolineato fortemente dai quattro vangeli, ma anche dall’annuncio della Chiesa primitiva. L’incarnazione è l’inserimento di  Dio nella storia.

Nell’applicazione dei titoli cristologici a Gesù di Nazaret avviene ciò che la dogmatica chiamerà comunicatio idiomatum: lo scambio mutuo di proprietà che appartengono di diritto all’umanità e alla divinità. Questo scambio avviene secondo un regola ben precisa. Il concilio di Calcedonia userà 4 verbi  per indicare il modo in cui avviene questa comunicazione: senza confusione, senza mutamento, senza divisione e senza separazione. Se l’applicazione dei titoli cristologici significasse divinizzare Gesù, sfalsando la sua umanità, si finirebbe per mitizzare la fede cristiana. E si tradirebbe la regola di Calcedonia. Dunque la storia di Gesù costituisce il criterio di discernimento con cui vanno utilizzati i vari titoli, quale quello di Figlio di Dio, elaborati da tradizione giudeo palestinese, giudeo ellenistica ed ellenistica.

Francesco Carensi

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato di SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
272FansMi piace
799FollowerSegui
13,000FollowerSegui
581FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

La speranza di Giobbe

I profeti minori “quadriformi”

“Non fare come gli ipocriti”

Le tre lettere di Giovanni

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO