12 C
Rome
giovedì, 17 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana Che differenza c'è tra “padre” e “don”?

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

- Advertisement -

E quale titolo si utilizza per monaci e frati?

topic (1)

Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra “padre” e “don”?
Antonietta, Bari

Il termine “don”, come si legge nel vocabolario Treccani, è un “predicato d’onore che si antepone al nome e al cognome di ecclesiastici secolari”, cioè dei preti e dei diaconi diocesani. La stessa parola è anteposta al “nome di battesimo dei componenti le famiglie insignite di titoli di principe e di duca o dell’alta aristocrazia”. Nell’Italia del Sud è, infine, un “titolo di rispetto che si premette di solito al nome proprio di ogni persona di riguardo, con uso analogo a quello di signore. La derivazione è sempre la stessa: dal latinodominus, che significa “signore, padrone”. In altre parole, è come rivolgersi a una persona chiamandolo “signor”. E’ un uso soltanto italiano. Nei Paesi anglosassoni i preti sono sempre chiamati father,“padre”. Quest’ultima parola, nel nostro Paese, è un titolo reverenziale rivolto a monaci e frati che siano sacerdoti (ad esempio: padre Pio). A volte il termine si premete a una qualifica, come, ad esempio: i padri francescani, il padre provinciale, il padre priore, ecc. Lo stesso Papa è chiamato Santo Padre. C’è da dire che il termine non si usa per tutti i religiosi: i Salesiani o i Paolini non sono chiamati “padre”, ma con l’appellativo “don”. Al di là della terminologia, che risente delle abitudini e ha un’importanza relativa, ciò che conta è se noi preti siamo davvero “padri”, capaci di comunicare l’amore dell’unico vero Padre, quello dei cieli.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

  

- Advertisement -

E quale titolo si utilizza per monaci e frati?

topic (1)

Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra “padre” e “don”?
Antonietta, Bari

Il termine “don”, come si legge nel vocabolario Treccani, è un “predicato d’onore che si antepone al nome e al cognome di ecclesiastici secolari”, cioè dei preti e dei diaconi diocesani. La stessa parola è anteposta al “nome di battesimo dei componenti le famiglie insignite di titoli di principe e di duca o dell’alta aristocrazia”. Nell’Italia del Sud è, infine, un “titolo di rispetto che si premette di solito al nome proprio di ogni persona di riguardo, con uso analogo a quello di signore. La derivazione è sempre la stessa: dal latinodominus, che significa “signore, padrone”. In altre parole, è come rivolgersi a una persona chiamandolo “signor”. E’ un uso soltanto italiano. Nei Paesi anglosassoni i preti sono sempre chiamati father,“padre”. Quest’ultima parola, nel nostro Paese, è un titolo reverenziale rivolto a monaci e frati che siano sacerdoti (ad esempio: padre Pio). A volte il termine si premete a una qualifica, come, ad esempio: i padri francescani, il padre provinciale, il padre priore, ecc. Lo stesso Papa è chiamato Santo Padre. C’è da dire che il termine non si usa per tutti i religiosi: i Salesiani o i Paolini non sono chiamati “padre”, ma con l’appellativo “don”. Al di là della terminologia, che risente delle abitudini e ha un’importanza relativa, ciò che conta è se noi preti siamo davvero “padri”, capaci di comunicare l’amore dell’unico vero Padre, quello dei cieli.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO