19.7 C
Roma
Sab, 24 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Etica e Vita Charlie Gard, il Papa: curarlo fino alla fine

Charlie Gard, il Papa: curarlo fino alla fine

- Advertisement -
 
Il direttore della Sala stampa vaticana Burke: Francesco auspica che non si trascuri il desiderio dei genitori
 
DOMENICO AGASSO JR
CITTÀ DEL VATICANO

Accompagnarlo come desiderano i suoi genitori. Dunque, curarlo fino alla fine. È l’appello lanciato da papa Francesco per Charlie Gard, il bimbo inglese, malato incurabile, che dovrebbe essere accompagnato alla morte sulla base di distinte decisioni giudiziarie emesse da tre differenti corti inglesi, di diverso grado, e da ultimo dalla Corte europea dei Diritti dell’Uomo. Lo riporta il direttore della Sala stampa della Santa Sede, Greg Burke. 

 

 

«Il Santo Padre», dichiara il Portavoce vaticano, «segue con affetto e commozione la vicenda del piccolo ed esprime la propria vicinanza ai suoi genitori». Per essi «prega, auspicando che non si trascuri il loro desiderio di accompagnare e curare sino alla fine il proprio bimbo».  

 

Queste sono ore di attesa e di angoscia per i familiari del piccolo Charlie prima che vengano staccati i macchinari che lo tengono in vita. Chris Gard e Connie Yates – scrive il Teleghaph online – stanno trascorrendo gli ultimi giorni con il loro piccolo di 10 mesi, colpito dalla sindrome da deperimento mitocondriale, una malattia classificata come incurabile. Il bimbo, che a causa della patologia non può vedere, sentire, muoversi, piangere e neppure deglutire senza assistenza delle macchine è ricoverato al Great Ormond Street Hospital di Londra. 

 

Ieri i medici hanno concesso ai genitori una breve proroga prima di dire addio al figlio. 

 

Il caso di Charlie è stato al centro di una battaglia legale. I genitori hanno chiesto di sottoporre il figlio a una terapia sperimentale negli Usa ma gli specialisti dell’ospedale si sono detti certi che tale trattamento non lo avrebbe aiutato. Nella vicenda è stata chiamata anche la Corte europea dei Diritti umani, come prima avevano fatto i tribunali del Regno Unito nei vari gradi d’appello, che martedì scorso si è pronunciata in favore dei medici del Great Ormond Street Hospital. 

 

«Difendere la vita umana, soprattutto quando è ferita dalla malattia, è un impegno d’amore che Dio affida ad ogni uomo», ha scritto ieri in un tweet il Pontefice in cui, senza citarla esplicitamente, ha fatto riferimento alla vicenda del piccolo Charlie.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Charlie Gard, il Papa: curarlo fino alla fine

  

- Advertisement -
 
Il direttore della Sala stampa vaticana Burke: Francesco auspica che non si trascuri il desiderio dei genitori
 
DOMENICO AGASSO JR
CITTÀ DEL VATICANO

Accompagnarlo come desiderano i suoi genitori. Dunque, curarlo fino alla fine. È l’appello lanciato da papa Francesco per Charlie Gard, il bimbo inglese, malato incurabile, che dovrebbe essere accompagnato alla morte sulla base di distinte decisioni giudiziarie emesse da tre differenti corti inglesi, di diverso grado, e da ultimo dalla Corte europea dei Diritti dell’Uomo. Lo riporta il direttore della Sala stampa della Santa Sede, Greg Burke. 

 

 

«Il Santo Padre», dichiara il Portavoce vaticano, «segue con affetto e commozione la vicenda del piccolo ed esprime la propria vicinanza ai suoi genitori». Per essi «prega, auspicando che non si trascuri il loro desiderio di accompagnare e curare sino alla fine il proprio bimbo».  

 

Queste sono ore di attesa e di angoscia per i familiari del piccolo Charlie prima che vengano staccati i macchinari che lo tengono in vita. Chris Gard e Connie Yates – scrive il Teleghaph online – stanno trascorrendo gli ultimi giorni con il loro piccolo di 10 mesi, colpito dalla sindrome da deperimento mitocondriale, una malattia classificata come incurabile. Il bimbo, che a causa della patologia non può vedere, sentire, muoversi, piangere e neppure deglutire senza assistenza delle macchine è ricoverato al Great Ormond Street Hospital di Londra. 

- Advertisement -

 

Ieri i medici hanno concesso ai genitori una breve proroga prima di dire addio al figlio. 

 

Il caso di Charlie è stato al centro di una battaglia legale. I genitori hanno chiesto di sottoporre il figlio a una terapia sperimentale negli Usa ma gli specialisti dell’ospedale si sono detti certi che tale trattamento non lo avrebbe aiutato. Nella vicenda è stata chiamata anche la Corte europea dei Diritti umani, come prima avevano fatto i tribunali del Regno Unito nei vari gradi d’appello, che martedì scorso si è pronunciata in favore dei medici del Great Ormond Street Hospital. 

 

«Difendere la vita umana, soprattutto quando è ferita dalla malattia, è un impegno d’amore che Dio affida ad ogni uomo», ha scritto ieri in un tweet il Pontefice in cui, senza citarla esplicitamente, ha fatto riferimento alla vicenda del piccolo Charlie.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
632FollowerSegui
123IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x