14.2 C
Rome
Lun, 16 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Etica e Vita «Cattolici difendano vita come una madre»

«Cattolici difendano vita come una madre»

- Advertisement -

​“Quando il matrimonio è svilito a convivenza o ad accordo provvisorio tra due persone; quando la genitorialità è svincolata dall’amore e dalla fedeltà tra un uomo e una donna”; quando la sessualità “si riduce a mero strumento di soddisfazione, si compromette la vocazione integrale della persona umana e si fa passare un messaggio che condiziona fortemente le persone e soprattutto le nuove generazioni”. Lo ha detto questa mattina il cardinale presidente della Cei, Angelo Bagnasco, nell’intervento di apertura del convegno dell’associazione Scienza & Vita, “Quale scienza per quale vita?”, promosso oggi a Roma in occasione dei dieci anni di attività dell’associazione. In questo quadro, secondo il cardinale, i giovani “non vengono educati ai valori e agli ideali più alti, ma a loro surrogati, finendo per accontentarsi di obiettivi bassi”. “È a questo proposito – prosegue – che ho già avuto modo di parlare di ‘colonizzazione ideologica’, a indicare la pervasività delle concezioni contrarie alla vita o alla verità dell’uomo. È una colonizzazione perché è presente al punto di diventare dominante, assoluta, indiscussa perché invisibile eppure ben radicata”. Di qui l’importanza di proseguire “l’impegno di sensibilizzazione culturale e di formazione delle coscienze.

“Una madre che difende i figli che ha generato non teme nulla, ma è disposta a morire per loro. Così dobbiamo essere noi nel difendere la vita umana, senza temere fatiche e incomprensioni”.

“Come uomini e come credenti, è questo – ha scandito – il mandato specifico che vi siete assunti nell’Associazione, dobbiamo procurare una salutare interazione e integrazione tra scienza e vita, in modo che le scoperte scientifiche e tecnologiche giovino realmente all’uomo e siano concepite come un servizio alla vita, siano progettate già a questo fine, si discostino dalle logiche oscure del potere e da quelle scivolose della ricerca del piacere”.

“Una buona etica significa innanzitutto buona scienza”,“una buona scienza per una vita buona”. Il progresso della ricerca e della tecnologia non può prescindere “da un contesto valoriale di riferimento”. Lo ha detto Beatrice Lorenzin, ministro della Salute, nel suo intervento iniziale al convegno. Nel richiamare il contributo di riflessione offerto nel decennio dall’associazione su fronti come il nascere e il morire, la disabilità, le relazioni affettive, le neuroscienze, l’etica della ricerca, Lorenzin osserva che oggi “questioni solo apparentemente ‘più tecnichè” sollecitano domande “su quale società vogliamo costruire”.

Secondo Lorenzin, occorre offrire a tutti “garanzie di accessibilità” al Ssn “evitando intollerabili disuguaglianze”, e spiega che partendo dalle “evidenze di una buona scienza” è nato, fra le altre cose, il Piano nazionale per la fertilità “Difendi la tua fertilità. Prepara una culla nel tuo futuro”, presentato il 27 maggio, per “affrontare efficacemente il problema dell’emergenza demografica in Italia”, dove una coppia su cinque ha difficoltà ad avere un figlio. Nell’occasione, Lorenzin ha proposto anche l’estensione del bonus bebè ai primi 5 anni di vita del bambino e una Scuola di specializzazione in medicina della fertilità.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

«Cattolici difendano vita come una madre»

  

- Advertisement -

​“Quando il matrimonio è svilito a convivenza o ad accordo provvisorio tra due persone; quando la genitorialità è svincolata dall’amore e dalla fedeltà tra un uomo e una donna”; quando la sessualità “si riduce a mero strumento di soddisfazione, si compromette la vocazione integrale della persona umana e si fa passare un messaggio che condiziona fortemente le persone e soprattutto le nuove generazioni”. Lo ha detto questa mattina il cardinale presidente della Cei, Angelo Bagnasco, nell’intervento di apertura del convegno dell’associazione Scienza & Vita, “Quale scienza per quale vita?”, promosso oggi a Roma in occasione dei dieci anni di attività dell’associazione. In questo quadro, secondo il cardinale, i giovani “non vengono educati ai valori e agli ideali più alti, ma a loro surrogati, finendo per accontentarsi di obiettivi bassi”. “È a questo proposito – prosegue – che ho già avuto modo di parlare di ‘colonizzazione ideologica’, a indicare la pervasività delle concezioni contrarie alla vita o alla verità dell’uomo. È una colonizzazione perché è presente al punto di diventare dominante, assoluta, indiscussa perché invisibile eppure ben radicata”. Di qui l’importanza di proseguire “l’impegno di sensibilizzazione culturale e di formazione delle coscienze.

“Una madre che difende i figli che ha generato non teme nulla, ma è disposta a morire per loro. Così dobbiamo essere noi nel difendere la vita umana, senza temere fatiche e incomprensioni”.

“Come uomini e come credenti, è questo – ha scandito – il mandato specifico che vi siete assunti nell’Associazione, dobbiamo procurare una salutare interazione e integrazione tra scienza e vita, in modo che le scoperte scientifiche e tecnologiche giovino realmente all’uomo e siano concepite come un servizio alla vita, siano progettate già a questo fine, si discostino dalle logiche oscure del potere e da quelle scivolose della ricerca del piacere”.

“Una buona etica significa innanzitutto buona scienza”,“una buona scienza per una vita buona”. Il progresso della ricerca e della tecnologia non può prescindere “da un contesto valoriale di riferimento”. Lo ha detto Beatrice Lorenzin, ministro della Salute, nel suo intervento iniziale al convegno. Nel richiamare il contributo di riflessione offerto nel decennio dall’associazione su fronti come il nascere e il morire, la disabilità, le relazioni affettive, le neuroscienze, l’etica della ricerca, Lorenzin osserva che oggi “questioni solo apparentemente ‘più tecnichè” sollecitano domande “su quale società vogliamo costruire”.

Secondo Lorenzin, occorre offrire a tutti “garanzie di accessibilità” al Ssn “evitando intollerabili disuguaglianze”, e spiega che partendo dalle “evidenze di una buona scienza” è nato, fra le altre cose, il Piano nazionale per la fertilità “Difendi la tua fertilità. Prepara una culla nel tuo futuro”, presentato il 27 maggio, per “affrontare efficacemente il problema dell’emergenza demografica in Italia”, dove una coppia su cinque ha difficoltà ad avere un figlio. Nell’occasione, Lorenzin ha proposto anche l’estensione del bonus bebè ai primi 5 anni di vita del bambino e una Scuola di specializzazione in medicina della fertilità.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
610FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO