20 C
Roma
Gio, 22 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale Cattolici, anglicani e i cristiani perseguitati

Cattolici, anglicani e i cristiani perseguitati

È la constatazione-denuncia, contenuta nella Lettera al vescovo Philip Mounstephen del 16 aprile.

- Advertisement -
di: Marcello Matté

«I cristiani costituiscono una componente importante del tessuto sociale in quasi tutti i Paesi del mondo. Eppure, in molte parti le nostre sorelle e i nostri fratelli cristiani subiscono persecuzione di un’intensità ed estensione mai viste per molti secoli».

Justin Welby e Vincent Nichols

È la constatazione-denuncia, contenuta nella Lettera al vescovo Philip Mounstephen del 16 aprile, in forza della quale il card. Vincent Nichols, arcivescovo di Westminter (Londra) e il rev.mo Justin Welby, arcivescovo di Canterbury, hanno presentato una formale richiesta di indagine sulla persecuzione dei cristiani nel mondo al Ministero degli esteri del Regno Unito. Il vescovo Mounstephen è stato incaricato dal segretario di Stato per gli affari esteri Jeremy Hunt di censire le esperienze di comunità cristiane che si trovino esposte a fenomeni persecutori.

Le statistiche vanno dicendo di una persecuzione crescente, correlata al «disprezzo dei diritti umani. La libertà della fede cala ovunque quando le libertà essenziali sono conculcate» (Lorenzo Prezzi). «I perseguitati per la loro fede sono in crescita. I più colpiti sono i cristiani. Su 2 miliardi e 100 milioni sono immediatamente esposti alle violenze oltre 300 milioni. Uno su sette. È il primo dato del Rapporto 2018 sulla libertà religiosa nel mondo, proposto dall’associazione pontificia Aiuto alla Chiesa che soffre (ACS).

Poco più di un mese dopo, l’Indice mondiale delle persecuzioni dei cristiani 2019, pubblicato il 16 gennaio, confermava: «La religione è diventata un fattore rilevante in ordine al rispetto dei diritti umani. Essa è combattuta, strumentalizzata dai nazionalisti, o diviene essa stessa origine di movimenti violenti o estremisti. In ogni caso, la minoranza cristiana ne è vittima». Sono le parole introduttive di Michel Varton, al «Rapporto annuale» dell’organizzazione non governativa di origine protestante Portes ouvertes (che ha un riferimento anche in Italia e in molti paesi).

Scriveva Gabriele Passerini su SettimanaNews il 16 gennaio scorso: «A 70 anni dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo un cristiano su nove è a rischio persecuzione. 245 milioni di cristiani sono perseguitati. Il loro numero è in crescita da sei anni consecutivi. I cristiani uccisi nel 2018 sono 4.305, quelli in prigione sono 3.150. Le chiese distrutte sono 1.847».

«Negli ultimi anni ci siamo recati più volte in Medio Oriente, terra natale della nostra religione e uno degli epicentri delle persecuzioni. Là abbiamo incontrato quelli che soffrono a causa della loro fede. Ci hanno raccontato di aver dovuto fuggire dalle loro case, di essere stati spogliati dei loro averi e di aver visto uccidere i propri familiari». È la testimonianza dei due leader religiosi inglesi a sostegno della richiesta presentata al Foreign Office.

Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Cattolici, anglicani e i cristiani perseguitati

È la constatazione-denuncia, contenuta nella Lettera al vescovo Philip Mounstephen del 16 aprile.

  

- Advertisement -
di: Marcello Matté

«I cristiani costituiscono una componente importante del tessuto sociale in quasi tutti i Paesi del mondo. Eppure, in molte parti le nostre sorelle e i nostri fratelli cristiani subiscono persecuzione di un’intensità ed estensione mai viste per molti secoli».

Justin Welby e Vincent Nichols

È la constatazione-denuncia, contenuta nella Lettera al vescovo Philip Mounstephen del 16 aprile, in forza della quale il card. Vincent Nichols, arcivescovo di Westminter (Londra) e il rev.mo Justin Welby, arcivescovo di Canterbury, hanno presentato una formale richiesta di indagine sulla persecuzione dei cristiani nel mondo al Ministero degli esteri del Regno Unito. Il vescovo Mounstephen è stato incaricato dal segretario di Stato per gli affari esteri Jeremy Hunt di censire le esperienze di comunità cristiane che si trovino esposte a fenomeni persecutori.

Le statistiche vanno dicendo di una persecuzione crescente, correlata al «disprezzo dei diritti umani. La libertà della fede cala ovunque quando le libertà essenziali sono conculcate» (Lorenzo Prezzi). «I perseguitati per la loro fede sono in crescita. I più colpiti sono i cristiani. Su 2 miliardi e 100 milioni sono immediatamente esposti alle violenze oltre 300 milioni. Uno su sette. È il primo dato del Rapporto 2018 sulla libertà religiosa nel mondo, proposto dall’associazione pontificia Aiuto alla Chiesa che soffre (ACS).

Poco più di un mese dopo, l’Indice mondiale delle persecuzioni dei cristiani 2019, pubblicato il 16 gennaio, confermava: «La religione è diventata un fattore rilevante in ordine al rispetto dei diritti umani. Essa è combattuta, strumentalizzata dai nazionalisti, o diviene essa stessa origine di movimenti violenti o estremisti. In ogni caso, la minoranza cristiana ne è vittima». Sono le parole introduttive di Michel Varton, al «Rapporto annuale» dell’organizzazione non governativa di origine protestante Portes ouvertes (che ha un riferimento anche in Italia e in molti paesi).

Scriveva Gabriele Passerini su SettimanaNews il 16 gennaio scorso: «A 70 anni dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo un cristiano su nove è a rischio persecuzione. 245 milioni di cristiani sono perseguitati. Il loro numero è in crescita da sei anni consecutivi. I cristiani uccisi nel 2018 sono 4.305, quelli in prigione sono 3.150. Le chiese distrutte sono 1.847».

- Advertisement -

«Negli ultimi anni ci siamo recati più volte in Medio Oriente, terra natale della nostra religione e uno degli epicentri delle persecuzioni. Là abbiamo incontrato quelli che soffrono a causa della loro fede. Ci hanno raccontato di aver dovuto fuggire dalle loro case, di essere stati spogliati dei loro averi e di aver visto uccidere i propri familiari». È la testimonianza dei due leader religiosi inglesi a sostegno della richiesta presentata al Foreign Office.

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
631FollowerSegui
122IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Sposati e sii sottomessa, 2011

Perché le suore indossano il velo?

Libri Consigliati – Luglio 2018

Libri consigliati

Wilmer: Mosè, lezioni di deserto

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x