27.7 C
Roma
Ven, 11 Giugno 2021

Ascensione del Signore – Anno B – 16 maggio 2021

Gesù dopo aver predicato, dopo essere stato messo a morte, dopo essere risorto e più volte apparso ai suoi amici, abbandona la storia del mondo che lo ha accolto. Lascia i luoghi in cui ha svolto, prima da semplice operaio il lavoro di artigiano nella bottega del padre, e poi, per tre anni, evangelizzando per le strade della Galilea, della Samaria, della Giudea. Ma prima di chiudere il sipario su questo mondo ha ancora una missione da affidare a coloro che ormai hanno vinto la loro paura, si sono scongelati dal loro timore.

VI Domenica di Pasqua – Anno B – 9 maggio 2021

Ciò che stupisce nel rapporto tra Dio e gli uomini è che non solo l’uomo, da sempre, ha cercato Dio, ma è Dio stesso che si è messo alla ricerca dell’uomo. Se si vuole essere più precisi sarebbe meglio riconoscere che Dio stesso ha messo nel cuore dell’uomo il desiderio di cercarlo, di incontrarlo. Difatti Sant’Agostino afferma: ”Ci hai fatti per te, o Signore, e il nostro cuore è inquieto finché non riposa in te”.

V Domenica di Pasqua – Anno B – 2 maggio 2021

Gesù continua ad annunciare, ammaestrare e a proporsi attingendo, ancora una volta, dalla simbologia agricola. Ha parlato di pecore e di pastori, ora parla di vite e vigna. Il legame indissolubile tra la vite e i tralci, che di essa sono una emanazione, un frutto, lo slancio della vita che rinasce e si sviluppa; segna anche il legame che può intercorrere tra Gesù e ciascuno di noi. Lui vuole avere con ognuno un rapporto stretto perché di sé dice: “ Io sono la vite, voi i tralci”.

IV Domenica di Pasqua – Anno B – 25 aprile 2021

Il linguaggio biblico, sia dell’antico come quello del nuovo testamento, è pieno di simbolismo, di immagini, di parabole. Sono espedienti letterari per farsi comprendere. Evidentemente, per poter apprendere a pieno, occorre avere la chiave di lettura. Anche la cultura e la mentalità del popolo che è stato la culla della sacra scrittura è un altro elemento fondamentale da non sottovalutare per entrare nel complicato linguaggio biblico.

III Domenica di Pasqua – Anno B – 18 aprile 2021

La delusione regna sovrana e diventa guida cieca del cammino dei due discepoli che stanno andando ad Emmaus. Si scambiano le loro opinioni e uno inquina il cuore dell’altro appesantendolo della tristezza personale.

II Domenica di Pasqua – Anno B – 11 aprile 2021

Per Gesù è stato difficile farsi comprendere ed accettare da vivo, figuriamoci da risorto. Neppure i suoi amici più intimi, proprio quelli che lo hanno abbandonato, credono che davvero lui sia risorto. Si chiudono, si barricano dentro il cenacolo. Hanno paura. Gesù è risorto ed essi si lasciano seppellire dal terrore d’essere riconosciuti come suoi discepoli e perseguitati per questo. Giuda l’ha tradito, Pietro l’ha rinnegato, tutti sono fuggiti via terrorizzati.

Pasqua di Risurrezione – Anno B – 4 aprile 2021

Messa a morte la morte, Gesù ridà vita al suo corpo che era stato deposto nella tomba per ricevere l’imbalsamazione prima di chiudere definitivamente, dinanzi ad essa, il grande masso. La vita esplode quel mattino, l’ottavo della settimana, da dentro il sepolcro. La morte non può avere il sopravvento su colui che ha creato la vita.

Sabato Santo – Anno B – 3 aprile 2021

Tutto è compiuto. La tomba è stata sigillata. Il caso è archiviato. Gli uccisori di Gesù sono appagati. Si sono tolti il disturbo. Ma non si ricordano che colui che hanno soppresso aveva detto: “Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere” (Giovanni 2,18).

Venerdì Santo  – Anno B – 2 aprile 2021

Sant’Agostino afferma: “potuit gutta venit unda” Poteva salvarci con una goccia di sangue venne una valanga. Si, una valanga d’amore per riparare il male fatto dall’uomo. La croce sulla quale venne appeso e ucciso il figlio di Dio è lo spettacolo dell’eccedenza di Dio che vuole strafare, esagerare in amore.

Giovedì Santo – Anno B – 1 aprile 2021

Il triduo sacro inizia col giovedì santo. Concludendo la quaresima a cui si era dato inizio con l’austero rito dell’imposizione delle ceneri, siamo approdati, dopo il lungo e faticoso cammino quaresimale, nell’intimità del cenacolo. Qui troviamo Gesù intento, addirittura, a lavare i piedi dei suoi discepoli.

Domenica delle Palme – Anno B – 28 marzo 2021

Gesù, da provocato: “… salva te stesso scendendo dalla croce!”, diventa provocatore: “… Padre perdona loro perché non sanno quello che fanno”. Col perdono spiazza i suoi denigratori ed assassini ed alza la posta in gioco.

Solennità di San Giuseppe – Anno B – 19 marzo 2021

Giuseppe, lo sposo della Vergine Maria, è definito dal vangelo uomo giusto. La discendenza davidica fa di Gesù il “figlio di Davide”. Come vero sposo di Maria è lui stesso “padre di Gesù”, custode e capo della Sacra Famiglia. La vicenda umana di quest’uomo, voluto da Dio accanto alla Vergine Maria, è molto travagliata e visitata da momenti di tensione nei quali lui, mai, perde la fiducia in Dio.

IV Domenica di Quaresima – Anno B – 14 marzo 2021

Nell’educazione cristiana spesso sono state inculcate delle storture, dei travisamenti, oggi si direbbe delle “fake news” - false notizie. Spesso si crede che Dio sia un giustizionalista. Uno che aspetta che l’uomo cada in errore per condannarlo, escluderlo, addirittura, punirlo. Nulla di più falso. Nulla di più deturpante la limpidezza dell’immagine del vero Dio. “Lento all’ira, compassionevole…

II Domenica di Quaresima – Anno A – 28 febbraio 2021

Stare con Dio significa vivere in alto. Conoscere le vertigini dell’altitudine per poi scendere in basso e contagiare coloro che non hanno rivolto lo sguardo verso il cielo. Tornare in terra per raccontare quanto vissuto e sperimentato nelle altezze di Dio.
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
647FollowerSegui
311IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Governo pastorale, «nobile lavoro»

Per una riconciliazione liturgica

Desiderio e sequela

Paolo e il suo Vangelo

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility