19.4 C
Rome
martedì, 16 Luglio 2019

Santissima Trinità – Anno C – 16 luglio 2019

Dio non è solo, isolato e, beatamente, chiuso in se stesso. Sarebbe troppo riduttivo ed “egoisticamente” incomprensibile. Dio è una comunità d’amore. D’altronde non potrebbe essere altrimenti. E’ nella natura stessa dell’amore relazionarsi, fare spazio all’altro, dedicarsi a lui, accoglierlo, accompagnarlo, custodirlo.

Domenica di Pentecoste – Anno C – 9 giugno 2019

Gesù, attratto dalla forza gravitazionale del cielo, è asceso presso il Padre da cui fu inviato. Non se n’è andato sbattendo la porta, nemmeno per delusione e tantomeno per ripicca. E’ andato perché, non lasciando orfani gli uomini, invia presso di loro il “Paraclito - Colui che è chiamato accanto", uno che si schiera a nostro favore, un compagno di viaggio, un difensore: lo Spirito Santo

Ascensione del Signore – Anno C – 2 giugno 2019

Gesù è venuto sulla terra perché aveva nostalgia degli uomini, di mischiarsi tra loro, d’essere uno di loro per portare la salvezza, per ridare un senso, per insegnare ad amare. Al termine della missione ha nostalgia di Dio e ritorna al Padre portando con sé l’umanità. Non solo quella di cui si è rivestito annidandosi nel Grembo verginale di Maria, ma, in lui e con lui, ogni uomo.

VI Domenica di Pasqua – Anno C – 26 maggio 2019

Shalom! E’ il tipico modo di salutarsi da parte degli ebrei. Chi lo pronunzia auspica, per il suo interlocutore: sicurezza, salute, benessere e prosperità. Il significato principale che si attribuisce a questo saluto è, comunque, pace. Non una pace nel senso dell’assenza della guerra, delle ostilità e degli attriti, ma quella pace che è serenità interiore, benessere spirituale.

V Domenica di Pasqua – Anno C – 19 maggio 2019

Amore! E’ una delle parole più usate ma, talvolta, anche abusate. Quando è pronunciata male “brucia le labbra” dicevano i rabbini. Ma quando è tradita, interpretata in modo improprio, abusata, addirittura rischia di diventare devastante, distruttiva. L’amore è un’arte. Tutti crediamo d’esserne maestri, pochi si professano, umilmente, allievi. Avere fame d’amore, sentirsi in debito d’amore, chiedersi come amare, tormentarsi per non aver amato abbastanza, questo è vero amore.

IV Domenica di Pasqua – Anno C – 12 maggio 2019

Una delle forme più nobili per relazionarsi in modo corretto e redditizio è il dialogo. Esso fa parte delle capacità e delle caratteristiche tipiche del genere umano. La relazione dialogica si manifesta in moti modi: parole, gesti, sensazioni, mimiche. Il dialogo presuppone delle regole perché sia celebrato in modo conforme e confortevole per la mutua edificazione. L’educazione dialogica molto spesso manca nel nostro relazionarci perché siamo viziati e abitati più dal desiderio di rispondere che di capire. Difatti, molte volte, si ascolta per rispondere e non per capire.

III Domenica del Tempo di Pasqua – Anno C – 5 maggio 2019

L’uomo da solo, senza Dio, brancola sempre nel buio, nell’incertezza, e, ogni suo gesto, è infruttifero, come senza risultati fu la pesca degli amici di Gesù per tutta la nottata. Nel momento in cui, fidandosi di uno sconosciuto, perché non si accorsero che Gesù in persona comparve davanti a loro, gettarono le reti lo riconobbero perché la pesca fu straordinaria. Dio si riconosce sempre dall’abbondanza, dalla sazietà, dalla completezza.

II domenica di Pasqua – Anno C – 28 aprile 2019

È sempre Dio che raggiunge l’uomo. E’ stato così nel paradiso terreste, nell’Incarnazione, ad Emmaus, quando è lontano a motivo del peccato, o, semplicemente, ogni volta che si chiude, raggomitola, miopamente e riduttivamente, in se stesso. Ma quando Dio raggiunge l’uomo non lo rimprovera, ma prevale la gioia di averlo ritrovato, anzi gli fa festa. [Continua a leggere].

Domenica di Pasqua – Anno C – 21 aprile 2019

Pasqua: passaggio, rinnovamento, rinascita. La mestizia per la morte, la sconfitta per la delusione, lo scoraggiamento per la fine, debbono cedere il passo alla sinfonia della speranza e al trionfo della vita. E’ ciò che è accaduto alle prime testimoni della tomba vuota. Le donne, che quando è ancora buio, mosse dalla bussola del cuore, vanno verso il giardino dove era stato sepolto Gesù in una tomba scavata nella roccia e mai abitata prima di allora.

Venerdì Santo – Anno C – 19 aprile 2019

"Il Crocifisso non è un ornamento, non è un’opera d’arte, con tante pietre preziose, come se ne vedono: il Crocifisso è il Mistero dell’‘annientamento’ di Dio, per amore" (Papa Francesco). [Continua a leggere].

Giovedì Santo – Anno C – 18 aprile 2019

Servire, amare, dimenticare se stessi, permettere d’essere esclusi, abbandonati, rifiutati per amore, allora nasce un nuovo mondo. Questo è il seme di una nuova umanità. La chiesa, diceva Paolo VI, nella “Popolorum progressio” (26 marzo 1967) è “esperta in umanità” perché predica, pratica e si nutre di amore attraverso la dimensione del servizio, della prossimità, dell’inclusione, del rispetto, dell’accoglienza. [Continua a leggere].

Domenica delle Palme – Anno C – 14 aprile 2019

Questa domenica, detta anche di passione, ci consegna un Gesù che dopo la gloria dell’accoglienza, subisce l’oltraggio del rifiuto. Dalle stelle alle stalle. Dalla gloria alla polvere. Ma per lui non è un problema, anzi una scelta [Continua a leggere...].

V Domenica di Quaresima – Anno C – 7 aprile 2019

“Donna ecco tuo figlio” dice Gesù alla Madre ai piedi della croce consegnandola alla cura e alle premure del discepolo che egli amava, Giovanni. “Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?” si rivolge così Gesù verso colei che, sorpresa in flagrante adulterio, gli viene sbattuta innanzi, per essere lapidata.

 IV Domenica di Quaresima – Anno C – 31 marzo 2019

Questa parabola, che ci svela la grandezza del cuore di Dio, ci fa comprendere come lui ci ama di un amore viscerale che, per narrarlo, occorre descriverlo come mater-paterno. Nella parabola, che rappresenta il dramma di una famiglia dove i figli si ribellano al padre, manca la figura materna. Essa viene addizionata a quella paterna, quasi a consegnarci una felice e profonda intuizione che è Dio padre e madre. Dio è un padre col cuore di madre...[Continua a leggere].

III Domenica di Quaresima – Anno C – 24 marzo 2019

Molte volte le inevitabile disgrazie della vita, anche quelle estreme: una malattia un incidente, una morte improvvisa; vengono, erroneamente,  lette come forme di punizione da parte di Dio o di giustizia divina. Nulla di più gratuito e falso. Significa accusare Dio d’essere vendicativo. Giudice monocratico che processa per direttissima senza neppure ascoltare la difesa...[Continua a leggere]

II Domenica di Quaresima – Anno C – 17 marzo 2019

Pregare rallegra il cuore, ristora la vita, immette in Dio. Pregare è iniettarsi Dio nelle vene come una flebo. La vita di Dio, nella mia vita. La sua forza, nella mia debolezza, il suo cuore, nel mio cuore, la sua misericordia come balsano che risana tutte le ferite causate dal peccato, dalla lontananza da lui...[Continua a leggere]
276FansMi piace
836FollowerSegui
13,000FollowerSegui
583FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

La Shoah alla luce del Sinai

Il Padre nostro e la tentazione

Parrocchia e civiltà urbana

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO