19.4 C
Rome
martedì, 16 Luglio 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale Benedetto XVI e la rinuncia contestata

Benedetto XVI e la rinuncia contestata

Hanno fatto molto rumore due lettere che il papa emerito, Benedetto XVI, ha scritto al cardinale tedesco Walter Brandmüller

- Advertisement -

di: Antonio Dall’Osto (a cura)

In questi giorni hanno fatto molto rumore due lettere che il papa emerito, Benedetto XVI, ha scritto al cardinale tedesco Walter Brandmüllerex Presidente del Comitato pontificio per le scienze storiche, per spiegare e difendere le sue dimissioni del 2013, contro le critiche che gli erano state mosse. Benedetto esprime tutto il suo rammarico soprattutto per il modo con cui Brandmüller aveva criticato pubblicamente questa sua decisione e spiega anche le ragioni per cui ha scelto di chiamarsi “papa emerito”.La prima delle due lettere è una risposta ad un commento del card. Brandmüller pubblicato il 28 ottobre 2017 in una lunga intervista al quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine ZeitungFAZ). Nella seconda, Benedetto dice di capire la sofferenza suscitata nel cardinale e in molti altri dalle sue dimissioni, ma si rammarica che questo fatto si sia trasformato in indignazione.Brandmüller è uno dei quattro cardinali che nel settembre 2016 aveva espresso una serie critica di domande a papa Francesco – i cosiddetti “dubia” – chiedendogli una chiarificazione circa il suo insegnamento sulla famiglia.Copie delle due lettere di Benedetto, scritte rispettivamente il 9 e il 23 novembre 2017, sono state pubblicate sul giornale tedesco Bild, il 20 settembre scorso e sono state riprese in sintesi anche dal New York Times nel medesimo giorno.Pubblichiamo più sotto i due testi in originale con una nostra traduzione.

Lettera di Benedetto XVI al card. Walter Brandmüller del 9.11.17

Benedetto XVI, prima lettera, 9 novembre 2017

Nell’intervista che lei recentemente ha rilasciato al FAZ, afferma che io con la “costruzione” del papa emerito avrei creato una figura che non esiste in tutta la storia della Chiesa. Lei sa naturalmente molto bene che – anche se molto raramente – alcuni papi si sono ritirati. Che cosa sono stati dopo? Papa emerito? O cos’altro?

Come lei sa, Pio XII, nel caso di un arresto da parte dei nazisti ha depositato una dichiarazione secondo cui, dal momento dell’arresto, non sarebbe più stato papa, ma di nuovo cardinale. Se questo ritorno al cardinalato sarebbe stato effettivamente possibile, non lo sappiamo. Nel mio caso, non sarebbe stato certamente significativo affermare semplicemente un ritorno al cardinalato. Sarei poi stato continuamente così esposto all’opinione pubblica, come lo è un cardinale, anzi di più, perché avrebbero visto in lui l’ex papa. Ciò, volere o no, avrebbe potuto avere delle conseguenze difficili nel contesto attuale.

Ho cercato con la figura del “papa emerito” di creare una situazione in cui diventare assolutamente inaccessibile e in cui sia chiaro che c’è un solo un papa. Se lei conosce una via migliore e crede di poter condannare quella da me scelta, la prego, me lo dica.

La saluto nel Signore

suo Benedetto

Lettera di Benedetto XVI al card. Walter Brandmüller del 23.11.17

Benedetto XVI. seconda lettera, 23 novembre 2017

Eminenza,

dalla sua cordiale lettera del 15 novembre posso dedurre che lei in futuro non vorrà più esprimersi pubblicamente sulla questione del mio ritiro, e per questo la ringrazio.

Posso capire bene il profondo dolore che ha provocato in lei e in molti altri la fine del mio pontificato. Ma il dolore è diventato in molti – e mi sembra anche in lei – un’indignazione, che ora non riguarda più semplicemente il mio ritiro, ma si estende sempre più anche alla mia persona e al mio pontificato nel suo insieme. In tal modo viene svalutato un’intero pontificato e reso un tutt’uno con il dolore per la situazione della Chiesa di oggi.

Dall’unione di questi elementi deriva, poco alla volta, un nuovo genere di divulgazione di cui potrebbe essere tipico il libretto scritto da Fabrizio Grasso La rinuncia (Algra Editore, Viagrande, Catania 2017). Tutto ciò mi riempie di preoccupazione e proprio per questo la finale della sua intervista al FAZ mi ha turbato profondante perché, in effetti, favorisce questo stesso stato d’animo.

Preghiamo piuttosto, come lei ha fatto al termine della sua lettera, che il Signore venga in aiuto alla sua Chiesa,

Con la mia apostolica benedizione,

suo Benedetto

Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Benedetto XVI e la rinuncia contestata

Hanno fatto molto rumore due lettere che il papa emerito, Benedetto XVI, ha scritto al cardinale tedesco Walter Brandmüller

  

- Advertisement -

di: Antonio Dall’Osto (a cura)

In questi giorni hanno fatto molto rumore due lettere che il papa emerito, Benedetto XVI, ha scritto al cardinale tedesco Walter Brandmüllerex Presidente del Comitato pontificio per le scienze storiche, per spiegare e difendere le sue dimissioni del 2013, contro le critiche che gli erano state mosse. Benedetto esprime tutto il suo rammarico soprattutto per il modo con cui Brandmüller aveva criticato pubblicamente questa sua decisione e spiega anche le ragioni per cui ha scelto di chiamarsi “papa emerito”.La prima delle due lettere è una risposta ad un commento del card. Brandmüller pubblicato il 28 ottobre 2017 in una lunga intervista al quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine ZeitungFAZ). Nella seconda, Benedetto dice di capire la sofferenza suscitata nel cardinale e in molti altri dalle sue dimissioni, ma si rammarica che questo fatto si sia trasformato in indignazione.Brandmüller è uno dei quattro cardinali che nel settembre 2016 aveva espresso una serie critica di domande a papa Francesco – i cosiddetti “dubia” – chiedendogli una chiarificazione circa il suo insegnamento sulla famiglia.Copie delle due lettere di Benedetto, scritte rispettivamente il 9 e il 23 novembre 2017, sono state pubblicate sul giornale tedesco Bild, il 20 settembre scorso e sono state riprese in sintesi anche dal New York Times nel medesimo giorno.Pubblichiamo più sotto i due testi in originale con una nostra traduzione.

Lettera di Benedetto XVI al card. Walter Brandmüller del 9.11.17

Benedetto XVI, prima lettera, 9 novembre 2017

Nell’intervista che lei recentemente ha rilasciato al FAZ, afferma che io con la “costruzione” del papa emerito avrei creato una figura che non esiste in tutta la storia della Chiesa. Lei sa naturalmente molto bene che – anche se molto raramente – alcuni papi si sono ritirati. Che cosa sono stati dopo? Papa emerito? O cos’altro?

Come lei sa, Pio XII, nel caso di un arresto da parte dei nazisti ha depositato una dichiarazione secondo cui, dal momento dell’arresto, non sarebbe più stato papa, ma di nuovo cardinale. Se questo ritorno al cardinalato sarebbe stato effettivamente possibile, non lo sappiamo. Nel mio caso, non sarebbe stato certamente significativo affermare semplicemente un ritorno al cardinalato. Sarei poi stato continuamente così esposto all’opinione pubblica, come lo è un cardinale, anzi di più, perché avrebbero visto in lui l’ex papa. Ciò, volere o no, avrebbe potuto avere delle conseguenze difficili nel contesto attuale.

- Advertisement -

Ho cercato con la figura del “papa emerito” di creare una situazione in cui diventare assolutamente inaccessibile e in cui sia chiaro che c’è un solo un papa. Se lei conosce una via migliore e crede di poter condannare quella da me scelta, la prego, me lo dica.

La saluto nel Signore

suo Benedetto

Lettera di Benedetto XVI al card. Walter Brandmüller del 23.11.17

Benedetto XVI. seconda lettera, 23 novembre 2017

Eminenza,

dalla sua cordiale lettera del 15 novembre posso dedurre che lei in futuro non vorrà più esprimersi pubblicamente sulla questione del mio ritiro, e per questo la ringrazio.

Posso capire bene il profondo dolore che ha provocato in lei e in molti altri la fine del mio pontificato. Ma il dolore è diventato in molti – e mi sembra anche in lei – un’indignazione, che ora non riguarda più semplicemente il mio ritiro, ma si estende sempre più anche alla mia persona e al mio pontificato nel suo insieme. In tal modo viene svalutato un’intero pontificato e reso un tutt’uno con il dolore per la situazione della Chiesa di oggi.

Dall’unione di questi elementi deriva, poco alla volta, un nuovo genere di divulgazione di cui potrebbe essere tipico il libretto scritto da Fabrizio Grasso La rinuncia (Algra Editore, Viagrande, Catania 2017). Tutto ciò mi riempie di preoccupazione e proprio per questo la finale della sua intervista al FAZ mi ha turbato profondante perché, in effetti, favorisce questo stesso stato d’animo.

Preghiamo piuttosto, come lei ha fatto al termine della sua lettera, che il Signore venga in aiuto alla sua Chiesa,

Con la mia apostolica benedizione,

suo Benedetto

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
276FansMi piace
836FollowerSegui
13,000FollowerSegui
583FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Teilhard, rivoluzione teologica

Giovani all’ombra della luce

Il Libro della Sapienza

Desiderio e sequela

La Shoah alla luce del Sinai

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO