12 C
Roma
Mar, 20 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vaticano Béchara Raï: status di neutralità per il Libano contro le crisi

Béchara Raï: status di neutralità per il Libano contro le crisi

Il porporato propone una soluzione: l'Onu voti lo status di neutralità del Paese

- Advertisement -

Ancora difficoltà e proteste in Libano contro il carovita e la corruzione in un contesto di crisi aggravata dalla pandemia. La comunità internazionale, afferma il cardinale Béchara Boutros Raï, patriarca di Antiochia dei Maroniti, non risponde sufficientemente alle richieste di aiuto di Beirut e guarda con preoccupazione la presenza al governo degli sciiti filoiraniani hezbollah. Il porporato propone una soluzione: l’Onu voti lo status di neutralità del Paese

Giancarlo La Vella – Città del Vaticano

Da mesi il Libano attraversa una profonda crisi sociale, economica e politica, aggravata dalla pandemia. Dopo uno stallo politico-istituzionale durato almeno due anni il Paese ha ora un governo fortemente criticato dalla piazza. Continuano infatti le manifestazioni popolari contro il carovita e la corruzione. Gran parte della popolazione è alla fame, afferma ai nostri microfoni il cardinale Béchara Boutros Raï, patriarca di Antiochia dei Maroniti, e ora occorre una svolta, affinchè la comunità internazionale si rivolga al Libano per rispondere alla richiesta di aiuto fatta da Beirut.

Una neutralità necessaria

La crisi politica ha generato le difficoltà economiche e sociali. Nel parlamento libanese c’è una profonda divisione, dovuta alla presenza del gruppo sciita filoiraniano degli hezbollah, che ha un forte coinvolgimento nelle questioni internazionali dei Paesi vicini. Tutta questa situazione sta portando alla fame gran parte della popolazione. La mobilitazione della Chiesa, delle Caritas e delle organizzazioni umanitarie è forte di fronte ad una disoccupazione che naviga al 50%. C’è ovunque un grande bisogno, ma, prima di intervenire in aiuto del Libano, la comunità chiede la soluzione delle questioni politiche e riforme. Ma in questo momento – afferma il cardinale Béchara Boutros Raï – l’azione del governo è bloccata da una forte opposizione interna. Di fronte a queste difficoltà è opportuno, per il porporato, chiedere all’Onu la dichiarazione di Status di neutralità per il Libano. Questa decisione sbloccherebbe  – afferma – la posizione di attesa della comunità internazionale.

Il pluralismo, salvezza del Libano

Nella situazione attuale l’assetto istituzionale pluriconfessionale libanese rappresenta una garanzia per la pacifica convivenza e il dialogo. Cristiani maroniti, sunniti e sciiti hanno un loro preciso ruolo nella presidenza, nel governo e nel parlamento. La condivisione del potere e delle responsabilità di governo garantisce una risposta efficace ad ogni eventuale frizione. Non sarebbe stato possibile, al contrario, per un Paese di poco più di 4 milioni di abitanti, accogliere almeno 2 milioni di profughi siriani, in fuga da una guerra decennale, e palestinesi. Ma di certo, ricorda il cardinale Béchara Raï, non è semplice gestire una situazione del genere. La soluzione ideale sarebbe che i profughi tornassero nei luoghi d’origine, ma finchè c’è una guerra in corso ciò non è possibile. Bisogna salvare questo Paese accogliente, esorta il cardinale, e lo status della neutralità è la soluzione ai gravissimi problemi che stiamo affrontando.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Béchara Raï: status di neutralità per il Libano contro le crisi

Il porporato propone una soluzione: l'Onu voti lo status di neutralità del Paese

  

- Advertisement -

Ancora difficoltà e proteste in Libano contro il carovita e la corruzione in un contesto di crisi aggravata dalla pandemia. La comunità internazionale, afferma il cardinale Béchara Boutros Raï, patriarca di Antiochia dei Maroniti, non risponde sufficientemente alle richieste di aiuto di Beirut e guarda con preoccupazione la presenza al governo degli sciiti filoiraniani hezbollah. Il porporato propone una soluzione: l’Onu voti lo status di neutralità del Paese

Giancarlo La Vella – Città del Vaticano

Da mesi il Libano attraversa una profonda crisi sociale, economica e politica, aggravata dalla pandemia. Dopo uno stallo politico-istituzionale durato almeno due anni il Paese ha ora un governo fortemente criticato dalla piazza. Continuano infatti le manifestazioni popolari contro il carovita e la corruzione. Gran parte della popolazione è alla fame, afferma ai nostri microfoni il cardinale Béchara Boutros Raï, patriarca di Antiochia dei Maroniti, e ora occorre una svolta, affinchè la comunità internazionale si rivolga al Libano per rispondere alla richiesta di aiuto fatta da Beirut.

Una neutralità necessaria

La crisi politica ha generato le difficoltà economiche e sociali. Nel parlamento libanese c’è una profonda divisione, dovuta alla presenza del gruppo sciita filoiraniano degli hezbollah, che ha un forte coinvolgimento nelle questioni internazionali dei Paesi vicini. Tutta questa situazione sta portando alla fame gran parte della popolazione. La mobilitazione della Chiesa, delle Caritas e delle organizzazioni umanitarie è forte di fronte ad una disoccupazione che naviga al 50%. C’è ovunque un grande bisogno, ma, prima di intervenire in aiuto del Libano, la comunità chiede la soluzione delle questioni politiche e riforme. Ma in questo momento – afferma il cardinale Béchara Boutros Raï – l’azione del governo è bloccata da una forte opposizione interna. Di fronte a queste difficoltà è opportuno, per il porporato, chiedere all’Onu la dichiarazione di Status di neutralità per il Libano. Questa decisione sbloccherebbe  – afferma – la posizione di attesa della comunità internazionale.

- Advertisement -

Il pluralismo, salvezza del Libano

Nella situazione attuale l’assetto istituzionale pluriconfessionale libanese rappresenta una garanzia per la pacifica convivenza e il dialogo. Cristiani maroniti, sunniti e sciiti hanno un loro preciso ruolo nella presidenza, nel governo e nel parlamento. La condivisione del potere e delle responsabilità di governo garantisce una risposta efficace ad ogni eventuale frizione. Non sarebbe stato possibile, al contrario, per un Paese di poco più di 4 milioni di abitanti, accogliere almeno 2 milioni di profughi siriani, in fuga da una guerra decennale, e palestinesi. Ma di certo, ricorda il cardinale Béchara Raï, non è semplice gestire una situazione del genere. La soluzione ideale sarebbe che i profughi tornassero nei luoghi d’origine, ma finchè c’è una guerra in corso ciò non è possibile. Bisogna salvare questo Paese accogliente, esorta il cardinale, e lo status della neutralità è la soluzione ai gravissimi problemi che stiamo affrontando.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
632FollowerSegui
122IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x