Cookie Consent by Free Privacy Policy website
10.6 C
Roma
Sab, 16 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno BBattesimo del Signore - Anno B - 10 gennaio 2021

Battesimo del Signore – Anno B – 10 gennaio 2021

Perché suoi figli amati, Dio ci chiama tutti per nome






    Dal Vangelo secondo Marco

    “In quel tempo, Giovanni proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».

    Ed ecco, in quei giorni, Gesù venne da Nazaret di Galilea e fu battezzato nel Giordano da Giovanni. E, subito, uscendo dall’acqua, vide squarciarsi i cieli e lo Spirito discendere verso di lui come una colomba. E venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento»”.




    Un giorno, quando siamo stati battezzati, il cielo si è squarciato per noi e una voce che non si è materializzata, ma si è compiuta nel rito stesso, è come se avesse detto:” «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento»”. Non una parola sentita ma un sacramento celebrato. E il sacramento, come è nella sua natura, ci ha donato quanto la parola voleva significarci. Da quel momento siamo stati rivestiti di Dio, di divinità. La nostra vita è cambiata perché è stata immersa totalmente in quella di Dio. Siamo diventati, e lo siamo realmente, figli di Dio. Immersi, ma non sommersi, nella santissima Trinità.

    La relazione tra Dio e noi non è superficiale, occasionale, ma profonda ed eterna. Per sempre saremo figli di questo Padre che ci ha eletti e rivestiti di dignità e santità. Ha donato sé stesso a noi. Ci ha riempiti di sé. Ha scelto la nostra vita come luogo di residenza, si è donato sostanzialmente, ontologicamente, ha travasato il suo “Essere” nel nostro “essere”. E, da quel momento, la nostra vita è cambiata per sempre.

    Il dono di santità, di immacolatezza, ricevuti nel battesimo, sono significati ed esplicati nel rito della consegna della veste bianca che viene consegnata al neo battezzato: ”….Sei diventato nuova creatura, e ti sei rivestito di Cristo. Questa veste bianca sia segno della tua nuova dignità: aiutato dalle parole e dall’esempio dei tuoi cari, portala senza macchia per la vita eterna” (Rito del Battesimo).

    Questo dono di paternità Dio lo compie in ogni uomo e donna che ricevono l’acqua battesimale, senza distinzioni, preferenze, agevolazioni e compensi. Lui ci rende figli senza merito. Perché l’amore non si deve mai meritare ma solo accogliere. Dunque si diventa figli per dono, ma si deve vivere da figli per impegno e dedizione. Per vocazione. “Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto e grazia su grazia” (Giovanni 1,16). Tutti abbiamo attinto dall’amore sorgivo di Dio, senza estinguerne la portata. “La sorgente, infatti, dà sempre molto di più di quanto basti all’assetato” (San Bernardo). Da lui abbiamo ricevuto tutto ciò che, innanzitutto, siamo e, poi, abbiamo. Nessun respiro, segmento, nessuna frazione della nostra vita è estranea all’amore di Dio. Ci accompagna ovunque e comunque perché depositata dentro di noi. Dio si fida di ciascuno dei suoi figli. Ci ama non perché meritevoli o comunque capaci di corrispondenza. Dio ci ama a prescindere. Il suo amore non può essere guadagnato perché è gratuito, totale e apicale.

    Ma se Dio ama i suoi figli, i figli debbono amarsi tra di loro. Ecco la vocazione battesimale alla quale siamo chiamati per rendere ragione della figliolanza divina ricevuta nel battesimo. Facciamo parte della stessa famiglia: la chiesa, di cui siamo diventati ”pietre vive”, scelte e preziose. Papa Leone Magno colmo di ammirazione esclama: “Riconosci, o cristiano, la tua dignità!”. Ireneo da Lione invece esortava: “cristiano diventa ciò che sei”. Siamo figli di Dio amati e chiamati per nome e allora onoriamo questo dono vivendo da figli e di conseguenza da fratelli nella famiglia ecclesiale.




    A Dio, che ha manifestato tutto il suo amore
    donandoci il Figlio suo per mezzo della Vergine Maria,
    rivolgiamo con fiducia le nostre invocazioni.

    R. Confermaci nel tuo Spirito, Signore.

    Per tutti i battezzati, per i genitori e i padrini, perché professino gioiosamente la fede in Dio Padre che ci ha creati, in Dio Figlio che ci ha redenti, in Dio Spirito Santo che ci ha santificati, preghiamo. R.

    Per tutti i confermati nella santa Cresima con il dono dello Spirito, perché diventino visibilmente somiglianti a Cristo, testimone fedele del Padre, e siano associati alla missione apostolica della Chiesa, preghiamo. R.

    Per la famiglia, Chiesa domestica, consacrata dal sacramento del Matrimonio, perché nella fedeltà al patto nuziale e nella partecipazione alla mensa eucaristica manifesti il quotidiano prodigio dell’amore che sempre si rinnova in Cristo sposo e Signore, preghiamo. R.

    Per i pastori del popolo di Dio, per tutti i ministri della carità e del Vangelo, per le vergini consacrate, per i catechisti, per i poveri e i sofferenti, perché nell’adesione fiduciosa alla volontà del Padre, costruiscano la Chiesa pellegrina nel mondo, preghiamo. R.

    O Padre, che nell’acqua del Battesimo, nell’unzione dello Spirito, nella benedizione nuziale, fai risuonare la tua voce che invita a seguire Cristo tuo Figlio, trasformaci in testimoni luminosi della tua gloria. Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    † Dio misericordioso, che ci hai nutriti alla tua mensa, concedi a noi tuoi fedeli di ascoltare come discepoli il tuo Cristo, per chiamarci ed essere realmente tuoi figli. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Marco

“In quel tempo, Giovanni proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».

Ed ecco, in quei giorni, Gesù venne da Nazaret di Galilea e fu battezzato nel Giordano da Giovanni. E, subito, uscendo dall’acqua, vide squarciarsi i cieli e lo Spirito discendere verso di lui come una colomba. E venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento»”.



Un giorno, quando siamo stati battezzati, il cielo si è squarciato per noi e una voce che non si è materializzata, ma si è compiuta nel rito stesso, è come se avesse detto:” «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento»”. Non una parola sentita ma un sacramento celebrato. E il sacramento, come è nella sua natura, ci ha donato quanto la parola voleva significarci. Da quel momento siamo stati rivestiti di Dio, di divinità. La nostra vita è cambiata perché è stata immersa totalmente in quella di Dio. Siamo diventati, e lo siamo realmente, figli di Dio. Immersi, ma non sommersi, nella santissima Trinità.

La relazione tra Dio e noi non è superficiale, occasionale, ma profonda ed eterna. Per sempre saremo figli di questo Padre che ci ha eletti e rivestiti di dignità e santità. Ha donato sé stesso a noi. Ci ha riempiti di sé. Ha scelto la nostra vita come luogo di residenza, si è donato sostanzialmente, ontologicamente, ha travasato il suo “Essere” nel nostro “essere”. E, da quel momento, la nostra vita è cambiata per sempre.

Il dono di santità, di immacolatezza, ricevuti nel battesimo, sono significati ed esplicati nel rito della consegna della veste bianca che viene consegnata al neo battezzato: ”….Sei diventato nuova creatura, e ti sei rivestito di Cristo. Questa veste bianca sia segno della tua nuova dignità: aiutato dalle parole e dall’esempio dei tuoi cari, portala senza macchia per la vita eterna” (Rito del Battesimo).

Questo dono di paternità Dio lo compie in ogni uomo e donna che ricevono l’acqua battesimale, senza distinzioni, preferenze, agevolazioni e compensi. Lui ci rende figli senza merito. Perché l’amore non si deve mai meritare ma solo accogliere. Dunque si diventa figli per dono, ma si deve vivere da figli per impegno e dedizione. Per vocazione. “Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto e grazia su grazia” (Giovanni 1,16). Tutti abbiamo attinto dall’amore sorgivo di Dio, senza estinguerne la portata. “La sorgente, infatti, dà sempre molto di più di quanto basti all’assetato” (San Bernardo). Da lui abbiamo ricevuto tutto ciò che, innanzitutto, siamo e, poi, abbiamo. Nessun respiro, segmento, nessuna frazione della nostra vita è estranea all’amore di Dio. Ci accompagna ovunque e comunque perché depositata dentro di noi. Dio si fida di ciascuno dei suoi figli. Ci ama non perché meritevoli o comunque capaci di corrispondenza. Dio ci ama a prescindere. Il suo amore non può essere guadagnato perché è gratuito, totale e apicale.

Ma se Dio ama i suoi figli, i figli debbono amarsi tra di loro. Ecco la vocazione battesimale alla quale siamo chiamati per rendere ragione della figliolanza divina ricevuta nel battesimo. Facciamo parte della stessa famiglia: la chiesa, di cui siamo diventati ”pietre vive”, scelte e preziose. Papa Leone Magno colmo di ammirazione esclama: “Riconosci, o cristiano, la tua dignità!”. Ireneo da Lione invece esortava: “cristiano diventa ciò che sei”. Siamo figli di Dio amati e chiamati per nome e allora onoriamo questo dono vivendo da figli e di conseguenza da fratelli nella famiglia ecclesiale.



A Dio, che ha manifestato tutto il suo amore
donandoci il Figlio suo per mezzo della Vergine Maria,
rivolgiamo con fiducia le nostre invocazioni.

R. Confermaci nel tuo Spirito, Signore.

Per tutti i battezzati, per i genitori e i padrini, perché professino gioiosamente la fede in Dio Padre che ci ha creati, in Dio Figlio che ci ha redenti, in Dio Spirito Santo che ci ha santificati, preghiamo. R.

Per tutti i confermati nella santa Cresima con il dono dello Spirito, perché diventino visibilmente somiglianti a Cristo, testimone fedele del Padre, e siano associati alla missione apostolica della Chiesa, preghiamo. R.

Per la famiglia, Chiesa domestica, consacrata dal sacramento del Matrimonio, perché nella fedeltà al patto nuziale e nella partecipazione alla mensa eucaristica manifesti il quotidiano prodigio dell’amore che sempre si rinnova in Cristo sposo e Signore, preghiamo. R.

Per i pastori del popolo di Dio, per tutti i ministri della carità e del Vangelo, per le vergini consacrate, per i catechisti, per i poveri e i sofferenti, perché nell’adesione fiduciosa alla volontà del Padre, costruiscano la Chiesa pellegrina nel mondo, preghiamo. R.

O Padre, che nell’acqua del Battesimo, nell’unzione dello Spirito, nella benedizione nuziale, fai risuonare la tua voce che invita a seguire Cristo tuo Figlio, trasformaci in testimoni luminosi della tua gloria. Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



† Dio misericordioso, che ci hai nutriti alla tua mensa, concedi a noi tuoi fedeli di ascoltare come discepoli il tuo Cristo, per chiamarci ed essere realmente tuoi figli. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Battesimo del Signore – Anno B – 10 gennaio 2021

Perché suoi figli amati, Dio ci chiama tutti per nome



Dal Vangelo secondo Marco

“In quel tempo, Giovanni proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».

Ed ecco, in quei giorni, Gesù venne da Nazaret di Galilea e fu battezzato nel Giordano da Giovanni. E, subito, uscendo dall’acqua, vide squarciarsi i cieli e lo Spirito discendere verso di lui come una colomba. E venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento»”.



Un giorno, quando siamo stati battezzati, il cielo si è squarciato per noi e una voce che non si è materializzata, ma si è compiuta nel rito stesso, è come se avesse detto:” «Tu sei il Figlio mio, l’amato: in te ho posto il mio compiacimento»”. Non una parola sentita ma un sacramento celebrato. E il sacramento, come è nella sua natura, ci ha donato quanto la parola voleva significarci. Da quel momento siamo stati rivestiti di Dio, di divinità. La nostra vita è cambiata perché è stata immersa totalmente in quella di Dio. Siamo diventati, e lo siamo realmente, figli di Dio. Immersi, ma non sommersi, nella santissima Trinità.

La relazione tra Dio e noi non è superficiale, occasionale, ma profonda ed eterna. Per sempre saremo figli di questo Padre che ci ha eletti e rivestiti di dignità e santità. Ha donato sé stesso a noi. Ci ha riempiti di sé. Ha scelto la nostra vita come luogo di residenza, si è donato sostanzialmente, ontologicamente, ha travasato il suo “Essere” nel nostro “essere”. E, da quel momento, la nostra vita è cambiata per sempre.

Il dono di santità, di immacolatezza, ricevuti nel battesimo, sono significati ed esplicati nel rito della consegna della veste bianca che viene consegnata al neo battezzato: ”….Sei diventato nuova creatura, e ti sei rivestito di Cristo. Questa veste bianca sia segno della tua nuova dignità: aiutato dalle parole e dall’esempio dei tuoi cari, portala senza macchia per la vita eterna” (Rito del Battesimo).

Questo dono di paternità Dio lo compie in ogni uomo e donna che ricevono l’acqua battesimale, senza distinzioni, preferenze, agevolazioni e compensi. Lui ci rende figli senza merito. Perché l’amore non si deve mai meritare ma solo accogliere. Dunque si diventa figli per dono, ma si deve vivere da figli per impegno e dedizione. Per vocazione. “Dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto e grazia su grazia” (Giovanni 1,16). Tutti abbiamo attinto dall’amore sorgivo di Dio, senza estinguerne la portata. “La sorgente, infatti, dà sempre molto di più di quanto basti all’assetato” (San Bernardo). Da lui abbiamo ricevuto tutto ciò che, innanzitutto, siamo e, poi, abbiamo. Nessun respiro, segmento, nessuna frazione della nostra vita è estranea all’amore di Dio. Ci accompagna ovunque e comunque perché depositata dentro di noi. Dio si fida di ciascuno dei suoi figli. Ci ama non perché meritevoli o comunque capaci di corrispondenza. Dio ci ama a prescindere. Il suo amore non può essere guadagnato perché è gratuito, totale e apicale.

Ma se Dio ama i suoi figli, i figli debbono amarsi tra di loro. Ecco la vocazione battesimale alla quale siamo chiamati per rendere ragione della figliolanza divina ricevuta nel battesimo. Facciamo parte della stessa famiglia: la chiesa, di cui siamo diventati ”pietre vive”, scelte e preziose. Papa Leone Magno colmo di ammirazione esclama: “Riconosci, o cristiano, la tua dignità!”. Ireneo da Lione invece esortava: “cristiano diventa ciò che sei”. Siamo figli di Dio amati e chiamati per nome e allora onoriamo questo dono vivendo da figli e di conseguenza da fratelli nella famiglia ecclesiale.



A Dio, che ha manifestato tutto il suo amore
donandoci il Figlio suo per mezzo della Vergine Maria,
rivolgiamo con fiducia le nostre invocazioni.

R. Confermaci nel tuo Spirito, Signore.

Per tutti i battezzati, per i genitori e i padrini, perché professino gioiosamente la fede in Dio Padre che ci ha creati, in Dio Figlio che ci ha redenti, in Dio Spirito Santo che ci ha santificati, preghiamo. R.

Per tutti i confermati nella santa Cresima con il dono dello Spirito, perché diventino visibilmente somiglianti a Cristo, testimone fedele del Padre, e siano associati alla missione apostolica della Chiesa, preghiamo. R.

Per la famiglia, Chiesa domestica, consacrata dal sacramento del Matrimonio, perché nella fedeltà al patto nuziale e nella partecipazione alla mensa eucaristica manifesti il quotidiano prodigio dell’amore che sempre si rinnova in Cristo sposo e Signore, preghiamo. R.

Per i pastori del popolo di Dio, per tutti i ministri della carità e del Vangelo, per le vergini consacrate, per i catechisti, per i poveri e i sofferenti, perché nell’adesione fiduciosa alla volontà del Padre, costruiscano la Chiesa pellegrina nel mondo, preghiamo. R.

O Padre, che nell’acqua del Battesimo, nell’unzione dello Spirito, nella benedizione nuziale, fai risuonare la tua voce che invita a seguire Cristo tuo Figlio, trasformaci in testimoni luminosi della tua gloria. Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



† Dio misericordioso, che ci hai nutriti alla tua mensa, concedi a noi tuoi fedeli di ascoltare come discepoli il tuo Cristo, per chiamarci ed essere realmente tuoi figli. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
319IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Il Libro della Sapienza

Eva e il serpente

Dianich: Vi racconto Gesù

Cosentino: Non è quel che credi

Il Padre nostro e la tentazione

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x