10.4 C
Roma
Lun, 8 Marzo 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale Azione cattolica: col Papa un minuto di preghiera per la pace

Azione cattolica: col Papa un minuto di preghiera per la pace

- Advertisement -

zione precisa. Quest’anno, questo “Minuto per la pace” vuole essere in ricordo delle vittime dei conflitti, in particolare il pensiero va ai rifugiati e a coloro che richiedono asilo, a coloro che arrivano e bussano alle porte dei nostri Paesi, ma anche a quanti muoiono attraversando il mare.

D. – Oggi, è richiesto alle persone di fermarsi, ovunque siano, qualsiasi cosa stiano facendo, per pregare un minuto secondo la propria tradizione religiosa. Un gesto semplicissimo per un intento così difficile…

R. – Certo, un gesto semplicissimo. Dedicare un minuto del nostro tempo alla preghiera per la pace è una proposta semplice, ma sappiamo anche quanto intensamente può essere davvero vissuto in tutto il mondo questo minuto. Quindi, crediamo davvero che la forza della preghiera mirata a chiedere, a invocare il dono della pace – che è un dono dello Spirito, un dono da accogliere – possa essere significativo. Quindi, anche nella semplicità e nella brevità della preghiera vogliamo davvero sottolineare quanto sia importante per noi fermarci un attimo e ricordare anche le vittime dei conflitti. Approfittando proprio del ricordo di questo secondo anniversario – lo abbiamo vissuto anche l’anno scorso – la scelta è quella di continuare incessantemente a pregare per la pace, anche con un gesto che potrebbe apparentemente sembrare semplice ma che è un gesto, quello di fermarsi a pregare per la pace, che in tantissimi appartenenti a religioni e vite diverse possono vivere in tutto il mondo.

D. – L’appello rimbalza dall’Argentina, al Medio Oriente, all’Africa, perché è coinvolta anche Bujumbura, la capitale del Burundi, fino a Piazza San Pietro, dove l’appuntamento sarà all’udienza generale domani…

R. – Sì, l’appuntamento è oggi a Roma all’udienza generale del mercoledì in Piazza San Pietro con un gruppo di giovani che simbolicamente rappresenteranno tutti i promotori. Poi, oltre all’udienza generale, ci sarà un ulteriore momento di preghiera alle 13 in punto nella Chiesa di Santo Spirito in Sassia, presieduto da mons. Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione e anche coordinatore del Giubileo della Misericordia. In quest’anno particolare di Giubileo straordinario della Misericordia, abbiamo scelto di vivere questo momento tutti insieme concretamente a Roma, in una chiesa, luogo simbolico che sicuramente ci vedrà riuniti in tanti proprio per ribadire il nostro impegno a favore della pace, un impegno che l’Azione Cattolica e altri organismi promotori provano a vivere nell’ordinarietà.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Azione cattolica: col Papa un minuto di preghiera per la pace

- Advertisement -

zione precisa. Quest’anno, questo “Minuto per la pace” vuole essere in ricordo delle vittime dei conflitti, in particolare il pensiero va ai rifugiati e a coloro che richiedono asilo, a coloro che arrivano e bussano alle porte dei nostri Paesi, ma anche a quanti muoiono attraversando il mare.

D. – Oggi, è richiesto alle persone di fermarsi, ovunque siano, qualsiasi cosa stiano facendo, per pregare un minuto secondo la propria tradizione religiosa. Un gesto semplicissimo per un intento così difficile…

R. – Certo, un gesto semplicissimo. Dedicare un minuto del nostro tempo alla preghiera per la pace è una proposta semplice, ma sappiamo anche quanto intensamente può essere davvero vissuto in tutto il mondo questo minuto. Quindi, crediamo davvero che la forza della preghiera mirata a chiedere, a invocare il dono della pace – che è un dono dello Spirito, un dono da accogliere – possa essere significativo. Quindi, anche nella semplicità e nella brevità della preghiera vogliamo davvero sottolineare quanto sia importante per noi fermarci un attimo e ricordare anche le vittime dei conflitti. Approfittando proprio del ricordo di questo secondo anniversario – lo abbiamo vissuto anche l’anno scorso – la scelta è quella di continuare incessantemente a pregare per la pace, anche con un gesto che potrebbe apparentemente sembrare semplice ma che è un gesto, quello di fermarsi a pregare per la pace, che in tantissimi appartenenti a religioni e vite diverse possono vivere in tutto il mondo.

D. – L’appello rimbalza dall’Argentina, al Medio Oriente, all’Africa, perché è coinvolta anche Bujumbura, la capitale del Burundi, fino a Piazza San Pietro, dove l’appuntamento sarà all’udienza generale domani…

R. – Sì, l’appuntamento è oggi a Roma all’udienza generale del mercoledì in Piazza San Pietro con un gruppo di giovani che simbolicamente rappresenteranno tutti i promotori. Poi, oltre all’udienza generale, ci sarà un ulteriore momento di preghiera alle 13 in punto nella Chiesa di Santo Spirito in Sassia, presieduto da mons. Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione e anche coordinatore del Giubileo della Misericordia. In quest’anno particolare di Giubileo straordinario della Misericordia, abbiamo scelto di vivere questo momento tutti insieme concretamente a Roma, in una chiesa, luogo simbolico che sicuramente ci vedrà riuniti in tanti proprio per ribadire il nostro impegno a favore della pace, un impegno che l’Azione Cattolica e altri organismi promotori provano a vivere nell’ordinarietà.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
201IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

La simbolica del grido nel Vangelo di Marco

Libri consigliati

Il Vangelo di Marco

Dell’essere e dell’amore

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x