Cookie Consent by Free Privacy Policy website
15 C
Roma
Gio, 28 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno BAssunzione della Beata Vergine Maria - Anno B - 15 agosto 2021

Assunzione della Beata Vergine Maria – Anno B – 15 agosto 2021

L’amore come carburante per i passi che ci portano agli altri






    Dal Vangelo secondo Luca

    “In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. 

    Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. 

    Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».

    Allora Maria disse: 

    «L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

    perché ha guardato l’umiltà della sua serva. D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata. Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente e Santo è il suo nome; di generazione in generazione la sua misericordia per quelli che lo temono. Ha spiegato la potenza del suo braccio, ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore; ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili; ha ricolmato di beni gli affamati,

    ha rimandato i ricchi a mani vuote. Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia, come aveva detto ai nostri padri, per Abramo e la sua discendenza, per sempre». Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.




    La premura materna di Maria si esprime non solo nell’accoglienza dell’invito di Dio a diventare sua madre, ma anche nel suo scomodarsi per mettersi in viaggio ed andare a servire sua cugina Elisabetta ormai prossima al parto. Era stato l’angelo stesso che l’aveva informata della gravidanza della parente adducendola come comprova che “a Dio nulla è impossibile”, perché lei era sterile.

    “In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda”. Servire, come sceglie Maria di fare in favore della cugina, scomoda sempre se stessi. “Si alzò e andò”. “In fretta”. Questa solerzia, non richiesta ma attuata, qualifica ulteriormente l’intensità del donarsi. Non lo fa per la circostanza, non lo fa tanto per, ma è convinta e lo dimostra con l’incedere del suo passo: la fretta. Proprio come quando si fa qualcosa che si desidera. È l’amore la forza di ogni passo, di ogni decisione e di ogni progetto. Il carburante che permette ai nostri passi di essere accelerati è l’amore che poniamo nei gesti e nelle scelte che effettuiamo. E Maria, la Madre di Dio, di questo carburante è il “distributore”. È il “serbatoio” del Dio fatto uomo. Nel suo andare porta con sé materialmente e biologicamente il Verbo incarnato nel suo grembo.

    Ogni passo mosso per andare incontro all’altro è portatore dell’amore di Dio. Anche noi, ponendoci al servizio gli uni degli altri, diventiamo portatori di Dio. Ogni carezza data a chi la desidera, ogni aiuto donato a chi ne necessità, ogni ascolto manifestato nei confronti di chi vuole essere capito, sono un dono di Dio che facciamo a coloro che ricevono le nostre premure ed attenzioni. Dio è amore e ogni volta che si vive, si celebra, si partecipa l’amore lì c’è Dio. Ed è l’amore la vera, l’unica medicina, che guarisce da ogni malattia.

    Maria, una volta raggiunta la casa di Elisabetta, da lei riceve il grande elogio che le sia mai stato manifestato:” E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto”. A questo riconoscimento lei risponde lodando e glorificando Dio con il canto del magnificat. Chi è umile riconosce sempre la latente presenza di Dio nella sua vita e nella sua storia e Maria ci insegna che chi lo ascolta ed è a lui docile diventa anche sua madre, padre, figlio, fratello e sorella. Oggi anche il nostro cuore si deve sciogliere nel canto di ringraziamento a Dio padre per averci messo accanto una donna simile: Maria sua Madre. Modello di ascolto, dono, servizio e dedizione.




    Maria, Madre del Signore,
    splende sul cammino del popolo di Dio,
    segno di sicura speranza e consolazione.
    Per mezzo di lei, arca della nuova alleanza,
    la provvidenza del Padre ci dona Cristo
    parola e pane di vita eterna.

    Preghiamo insieme e diciamo:

    R. Santa Maria, intercedi per noi presso il tuo Figlio.

    Perché sperimentando la beatitudine di chi ascolta la parola di Dio
    e la mette in pratica,
    attingiamo la certezza della risurrezione della carne
    nella gloria futura, preghiamo. R.

    Perché in ogni uomo vivente
    sappiamo vedere e onorare il tempio e la dimora dello Spirito,
    e riconoscere la gloria di Dio, preghiamo. R.

    Perché la famiglia benedetta dal Signore
    accolga nel frutto del grembo materno il dono inestimabile della vita umana
    destinata alla grazia e alla gloria eterna, preghiamo. R.

    Perché nei deboli, negli anziani e nei sofferenti
    la comunità di fede riconosca la visita del Signore,
    re e giudice degli ultimi tempi,
    presente nel più piccolo tra i nostri fratelli, preghiamo. R.

    Perché nella distensione delle ferie estive
    rinsaldiamo i vincoli di fede e di fraternità
    e con l’aiuto della Vergine Maria,
    non smarriamo mai la strada che di conduce alla patria del cielo, preghiamo. R.

    Accogli, o Padre, la preghiera del tuo popolo
    e fa’ che contemplando il mistero di Maria,
    associata in corpo e anima al trionfo del tuo Figlio,
    riconosciamo in ogni persona umana
    il segno della tua immagine
    e il riflesso della tua gloria.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    O Signore, che ci hai nutriti con i sacramenti della salvezza, fa’ che per intercessione della beata Vergine Maria assunta in cielo giungiamo alla gloria della risurrezione. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Luca

“In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. 

Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. 

Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».

Allora Maria disse: 

«L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l’umiltà della sua serva. D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata. Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente e Santo è il suo nome; di generazione in generazione la sua misericordia per quelli che lo temono. Ha spiegato la potenza del suo braccio, ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore; ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili; ha ricolmato di beni gli affamati,

ha rimandato i ricchi a mani vuote. Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia, come aveva detto ai nostri padri, per Abramo e la sua discendenza, per sempre». Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.



La premura materna di Maria si esprime non solo nell’accoglienza dell’invito di Dio a diventare sua madre, ma anche nel suo scomodarsi per mettersi in viaggio ed andare a servire sua cugina Elisabetta ormai prossima al parto. Era stato l’angelo stesso che l’aveva informata della gravidanza della parente adducendola come comprova che “a Dio nulla è impossibile”, perché lei era sterile.

“In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda”. Servire, come sceglie Maria di fare in favore della cugina, scomoda sempre se stessi. “Si alzò e andò”. “In fretta”. Questa solerzia, non richiesta ma attuata, qualifica ulteriormente l’intensità del donarsi. Non lo fa per la circostanza, non lo fa tanto per, ma è convinta e lo dimostra con l’incedere del suo passo: la fretta. Proprio come quando si fa qualcosa che si desidera. È l’amore la forza di ogni passo, di ogni decisione e di ogni progetto. Il carburante che permette ai nostri passi di essere accelerati è l’amore che poniamo nei gesti e nelle scelte che effettuiamo. E Maria, la Madre di Dio, di questo carburante è il “distributore”. È il “serbatoio” del Dio fatto uomo. Nel suo andare porta con sé materialmente e biologicamente il Verbo incarnato nel suo grembo.

Ogni passo mosso per andare incontro all’altro è portatore dell’amore di Dio. Anche noi, ponendoci al servizio gli uni degli altri, diventiamo portatori di Dio. Ogni carezza data a chi la desidera, ogni aiuto donato a chi ne necessità, ogni ascolto manifestato nei confronti di chi vuole essere capito, sono un dono di Dio che facciamo a coloro che ricevono le nostre premure ed attenzioni. Dio è amore e ogni volta che si vive, si celebra, si partecipa l’amore lì c’è Dio. Ed è l’amore la vera, l’unica medicina, che guarisce da ogni malattia.

Maria, una volta raggiunta la casa di Elisabetta, da lei riceve il grande elogio che le sia mai stato manifestato:” E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto”. A questo riconoscimento lei risponde lodando e glorificando Dio con il canto del magnificat. Chi è umile riconosce sempre la latente presenza di Dio nella sua vita e nella sua storia e Maria ci insegna che chi lo ascolta ed è a lui docile diventa anche sua madre, padre, figlio, fratello e sorella. Oggi anche il nostro cuore si deve sciogliere nel canto di ringraziamento a Dio padre per averci messo accanto una donna simile: Maria sua Madre. Modello di ascolto, dono, servizio e dedizione.



Maria, Madre del Signore,
splende sul cammino del popolo di Dio,
segno di sicura speranza e consolazione.
Per mezzo di lei, arca della nuova alleanza,
la provvidenza del Padre ci dona Cristo
parola e pane di vita eterna.

Preghiamo insieme e diciamo:

R. Santa Maria, intercedi per noi presso il tuo Figlio.

Perché sperimentando la beatitudine di chi ascolta la parola di Dio
e la mette in pratica,
attingiamo la certezza della risurrezione della carne
nella gloria futura, preghiamo. R.

Perché in ogni uomo vivente
sappiamo vedere e onorare il tempio e la dimora dello Spirito,
e riconoscere la gloria di Dio, preghiamo. R.

Perché la famiglia benedetta dal Signore
accolga nel frutto del grembo materno il dono inestimabile della vita umana
destinata alla grazia e alla gloria eterna, preghiamo. R.

Perché nei deboli, negli anziani e nei sofferenti
la comunità di fede riconosca la visita del Signore,
re e giudice degli ultimi tempi,
presente nel più piccolo tra i nostri fratelli, preghiamo. R.

Perché nella distensione delle ferie estive
rinsaldiamo i vincoli di fede e di fraternità
e con l’aiuto della Vergine Maria,
non smarriamo mai la strada che di conduce alla patria del cielo, preghiamo. R.

Accogli, o Padre, la preghiera del tuo popolo
e fa’ che contemplando il mistero di Maria,
associata in corpo e anima al trionfo del tuo Figlio,
riconosciamo in ogni persona umana
il segno della tua immagine
e il riflesso della tua gloria.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



O Signore, che ci hai nutriti con i sacramenti della salvezza, fa’ che per intercessione della beata Vergine Maria assunta in cielo giungiamo alla gloria della risurrezione. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Assunzione della Beata Vergine Maria – Anno B – 15 agosto 2021

L’amore come carburante per i passi che ci portano agli altri



Dal Vangelo secondo Luca

“In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. 

Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. 

Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».

Allora Maria disse: 

«L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l’umiltà della sua serva. D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata. Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente e Santo è il suo nome; di generazione in generazione la sua misericordia per quelli che lo temono. Ha spiegato la potenza del suo braccio, ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore; ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili; ha ricolmato di beni gli affamati,

ha rimandato i ricchi a mani vuote. Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia, come aveva detto ai nostri padri, per Abramo e la sua discendenza, per sempre». Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.



La premura materna di Maria si esprime non solo nell’accoglienza dell’invito di Dio a diventare sua madre, ma anche nel suo scomodarsi per mettersi in viaggio ed andare a servire sua cugina Elisabetta ormai prossima al parto. Era stato l’angelo stesso che l’aveva informata della gravidanza della parente adducendola come comprova che “a Dio nulla è impossibile”, perché lei era sterile.

“In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda”. Servire, come sceglie Maria di fare in favore della cugina, scomoda sempre se stessi. “Si alzò e andò”. “In fretta”. Questa solerzia, non richiesta ma attuata, qualifica ulteriormente l’intensità del donarsi. Non lo fa per la circostanza, non lo fa tanto per, ma è convinta e lo dimostra con l’incedere del suo passo: la fretta. Proprio come quando si fa qualcosa che si desidera. È l’amore la forza di ogni passo, di ogni decisione e di ogni progetto. Il carburante che permette ai nostri passi di essere accelerati è l’amore che poniamo nei gesti e nelle scelte che effettuiamo. E Maria, la Madre di Dio, di questo carburante è il “distributore”. È il “serbatoio” del Dio fatto uomo. Nel suo andare porta con sé materialmente e biologicamente il Verbo incarnato nel suo grembo.

Ogni passo mosso per andare incontro all’altro è portatore dell’amore di Dio. Anche noi, ponendoci al servizio gli uni degli altri, diventiamo portatori di Dio. Ogni carezza data a chi la desidera, ogni aiuto donato a chi ne necessità, ogni ascolto manifestato nei confronti di chi vuole essere capito, sono un dono di Dio che facciamo a coloro che ricevono le nostre premure ed attenzioni. Dio è amore e ogni volta che si vive, si celebra, si partecipa l’amore lì c’è Dio. Ed è l’amore la vera, l’unica medicina, che guarisce da ogni malattia.

Maria, una volta raggiunta la casa di Elisabetta, da lei riceve il grande elogio che le sia mai stato manifestato:” E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto”. A questo riconoscimento lei risponde lodando e glorificando Dio con il canto del magnificat. Chi è umile riconosce sempre la latente presenza di Dio nella sua vita e nella sua storia e Maria ci insegna che chi lo ascolta ed è a lui docile diventa anche sua madre, padre, figlio, fratello e sorella. Oggi anche il nostro cuore si deve sciogliere nel canto di ringraziamento a Dio padre per averci messo accanto una donna simile: Maria sua Madre. Modello di ascolto, dono, servizio e dedizione.



Maria, Madre del Signore,
splende sul cammino del popolo di Dio,
segno di sicura speranza e consolazione.
Per mezzo di lei, arca della nuova alleanza,
la provvidenza del Padre ci dona Cristo
parola e pane di vita eterna.

Preghiamo insieme e diciamo:

R. Santa Maria, intercedi per noi presso il tuo Figlio.

Perché sperimentando la beatitudine di chi ascolta la parola di Dio
e la mette in pratica,
attingiamo la certezza della risurrezione della carne
nella gloria futura, preghiamo. R.

Perché in ogni uomo vivente
sappiamo vedere e onorare il tempio e la dimora dello Spirito,
e riconoscere la gloria di Dio, preghiamo. R.

Perché la famiglia benedetta dal Signore
accolga nel frutto del grembo materno il dono inestimabile della vita umana
destinata alla grazia e alla gloria eterna, preghiamo. R.

Perché nei deboli, negli anziani e nei sofferenti
la comunità di fede riconosca la visita del Signore,
re e giudice degli ultimi tempi,
presente nel più piccolo tra i nostri fratelli, preghiamo. R.

Perché nella distensione delle ferie estive
rinsaldiamo i vincoli di fede e di fraternità
e con l’aiuto della Vergine Maria,
non smarriamo mai la strada che di conduce alla patria del cielo, preghiamo. R.

Accogli, o Padre, la preghiera del tuo popolo
e fa’ che contemplando il mistero di Maria,
associata in corpo e anima al trionfo del tuo Figlio,
riconosciamo in ogni persona umana
il segno della tua immagine
e il riflesso della tua gloria.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



O Signore, che ci hai nutriti con i sacramenti della salvezza, fa’ che per intercessione della beata Vergine Maria assunta in cielo giungiamo alla gloria della risurrezione. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
322IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Dossetti: L’eterno e la storia

Le 217 domande di Gesù

Wénin: Abramo

Teilhard, rivoluzione teologica

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x