25.6 C
Rome
domenica, 25 Agosto 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C Assunzione della B.V.M. - Anno C - 15 agosto 2019

Assunzione della B.V.M. – Anno C – 15 agosto 2019

Maria SS.: Colei che scioglie i nodi.






    Dal Vangelo secondo Luca.

    In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda.
    Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo.
    Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».
    Allora Maria disse:
    «L’anima mia magnifica il Signore
    e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
    perché ha guardato l’umiltà della sua serva.
    D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
    Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente
    e Santo è il suo nome;
    di generazione in generazione la sua misericordia
    per quelli che lo temono.
    Ha spiegato la potenza del suo braccio,
    ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
    ha rovesciato i potenti dai troni,
    ha innalzato gli umili;
    ha ricolmato di beni gli affamati,
    ha rimandato i ricchi a mani vuote.
    Ha soccorso Israele, suo servo,
    ricordandosi della sua misericordia,
    come aveva detto ai nostri padri,
    per Abramo e la sua discendenza, per sempre».
    Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua”.




    Negli anni ’80, quando Papa Francesco era solo il sacerdote Jorge Bergoglio, scoprì durante un viaggio in Germania una immagine della Madonna la cosiddetta “Knotenloeserin” o Vergine che scioglie i nodi di cui riportò in Argentina varie riproduzioni e che è ormai l’oggetto di una forte venerazione popolare a Buenos Aires. L’immagine, attribuita al pittore settecentesco Johann Georg Melchior Schmidtner, si trova nella chiesa di St. Peter am Perlach ad Augusta, nel Sud della Baviera, e rappresenta la Madonna che scioglie i nodi di un lungo nastro che gli è offerto da angeli che si trovano alla destra del quadro, mentre altri angeli a sinistra raccolgono il tessuto ormai liscio. Il “sacerdote” Bergoglio fu colpito subito da quest’allegoria del ruolo di mediatrice della madre di Gesù e decise così di portarla con sé a Buenos Aires, dove iniziò a distribuirla a sacerdoti e fedeli.

    Il futuro Papa Francesco, celebrando la messa a San Josè del Talar l’8 dicembre del 2011, sottolineò che questa rappresentazione della Madonna illustra il fatto che “Dio, il quale distribuisce la sua Grazia a tutti i suoi figli, vuole che noi ci fidiamo di Lei, che le affidiamo i nodi dei nostri peccati per fare sì che Lei ci avvicini a suo figlio Gesù”. Il forte accento posto sul potere di mediazione della Madonna, così come il fatto che la “Desatanudos” deve essere invocata in caso di difficoltà, in particolare matrimoniali, l’hanno reso molto popolare fra i fedeli argentini, che all’ottavo giorno di ogni mese formano lunghe file davanti alla chiesa di San Josè del Talar, nel quartiere di Villa Devoto, per poter pregare e chiederle la sua intercessione.

    La solennità dell’Assunta in cielo che ci dona di vivere la certezza che Maria di Nazareth è in cielo in corpo e in anima diventa paradigmatica per ogni donna e per ogni uomo ricordando a ciascuno di noi che siamo vocati alla stessa realtà per cui fortemente siamo anche richiamati a vivere in modo da prepararci a questa dimensione. La Madonna, perché umile, docile e collaborativa con Dio, di cui è stata chiamata ad essere Madre, ci è di esempio perché, ciò che lei ha vissuto prima di noi, appartiene anche a noi qui in terra e poi nel cielo. Il cristiano è chiamato a guardare di più il cielo non solo per attingere nozioni metereologiche ma per imparare a pensare, amare, desiderare ed attendere Dio. La Madonna che ci guarda da lassù ci protegge e ci aiuta a prepararci ad abitare il cielo sciogliendo ogni nodo che ci tiene legati e zavorrati troppo, qua, in terra.




    Maria, Madre del Signore,
    splende sul cammino del popolo di Dio,
    segno di sicura speranza e consolazione.
    Per mezzo di lei, arca della nuova alleanza,
    la provvidenza del Padre ci dona Cristo
    parola e pane di vita eterna.

    Preghiamo insieme e diciamo:

    R. Santa Maria, intercedi per noi presso il tuo Figlio. 

    Perché sperimentando la beatitudine di chi ascolta la parola di Dio
    e la mette in pratica,
    attingiamo la certezza della risurrezione della carne
    nella gloria futura, preghiamo. R.

    Perché in ogni uomo vivente
    sappiamo vedere e onorare il tempio e la dimora dello Spirito,
    e riconoscere la gloria di Dio, preghiamo. R.

    Perché la famiglia benedetta dal Signore
    accolga nel frutto del grembo materno il dono inestimabile della vita umana
    destinata alla grazia e alla gloria eterna, preghiamo. R.

    Perché nei deboli, negli anziani e nei sofferenti
    la comunità di fede riconosca la visita del Signore,
    re e giudice degli ultimi tempi,
    presente nel più piccolo tra i nostri fratelli, preghiamo. R.

    Perché nella distensione delle ferie estive
    rinsaldiamo i vincoli di fede e di fraternità
    e con l’aiuto della Vergine Maria,
    non smarriamo mai la strada che di conduce alla patria del cielo, preghiamo. R.

    Accogli, o Padre, la preghiera del tuo popolo
    e fa’ che contemplando il mistero di Maria,
    associata in corpo e anima al trionfo del tuo Figlio,
    riconosciamo in ogni persona umana
    il segno della tua immagine
    e il riflesso della tua gloria.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    O Dio, che in questo sacrificio eucaristico ci hai resi partecipi della tua salvezza, fa’ che per l’intercessione della Vergine Maria assunta in cielo giungiamo alla gloria della risurrezione. Per Cristo nostro Signore.








    Dal Vangelo secondo Luca.

    In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda.
    Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo.
    Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».
    Allora Maria disse:
    «L’anima mia magnifica il Signore
    e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
    perché ha guardato l’umiltà della sua serva.
    D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
    Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente
    e Santo è il suo nome;
    di generazione in generazione la sua misericordia
    per quelli che lo temono.
    Ha spiegato la potenza del suo braccio,
    ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
    ha rovesciato i potenti dai troni,
    ha innalzato gli umili;
    ha ricolmato di beni gli affamati,
    ha rimandato i ricchi a mani vuote.
    Ha soccorso Israele, suo servo,
    ricordandosi della sua misericordia,
    come aveva detto ai nostri padri,
    per Abramo e la sua discendenza, per sempre».
    Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua”.




    Negli anni ’80, quando Papa Francesco era solo il sacerdote Jorge Bergoglio, scoprì durante un viaggio in Germania una immagine della Madonna la cosiddetta “Knotenloeserin” o Vergine che scioglie i nodi di cui riportò in Argentina varie riproduzioni e che è ormai l’oggetto di una forte venerazione popolare a Buenos Aires. L’immagine, attribuita al pittore settecentesco Johann Georg Melchior Schmidtner, si trova nella chiesa di St. Peter am Perlach ad Augusta, nel Sud della Baviera, e rappresenta la Madonna che scioglie i nodi di un lungo nastro che gli è offerto da angeli che si trovano alla destra del quadro, mentre altri angeli a sinistra raccolgono il tessuto ormai liscio. Il “sacerdote” Bergoglio fu colpito subito da quest’allegoria del ruolo di mediatrice della madre di Gesù e decise così di portarla con sé a Buenos Aires, dove iniziò a distribuirla a sacerdoti e fedeli.

    Il futuro Papa Francesco, celebrando la messa a San Josè del Talar l’8 dicembre del 2011, sottolineò che questa rappresentazione della Madonna illustra il fatto che “Dio, il quale distribuisce la sua Grazia a tutti i suoi figli, vuole che noi ci fidiamo di Lei, che le affidiamo i nodi dei nostri peccati per fare sì che Lei ci avvicini a suo figlio Gesù”. Il forte accento posto sul potere di mediazione della Madonna, così come il fatto che la “Desatanudos” deve essere invocata in caso di difficoltà, in particolare matrimoniali, l’hanno reso molto popolare fra i fedeli argentini, che all’ottavo giorno di ogni mese formano lunghe file davanti alla chiesa di San Josè del Talar, nel quartiere di Villa Devoto, per poter pregare e chiederle la sua intercessione.

    La solennità dell’Assunta in cielo che ci dona di vivere la certezza che Maria di Nazareth è in cielo in corpo e in anima diventa paradigmatica per ogni donna e per ogni uomo ricordando a ciascuno di noi che siamo vocati alla stessa realtà per cui fortemente siamo anche richiamati a vivere in modo da prepararci a questa dimensione. La Madonna, perché umile, docile e collaborativa con Dio, di cui è stata chiamata ad essere Madre, ci è di esempio perché, ciò che lei ha vissuto prima di noi, appartiene anche a noi qui in terra e poi nel cielo. Il cristiano è chiamato a guardare di più il cielo non solo per attingere nozioni metereologiche ma per imparare a pensare, amare, desiderare ed attendere Dio. La Madonna che ci guarda da lassù ci protegge e ci aiuta a prepararci ad abitare il cielo sciogliendo ogni nodo che ci tiene legati e zavorrati troppo, qua, in terra.




    Maria, Madre del Signore,
    splende sul cammino del popolo di Dio,
    segno di sicura speranza e consolazione.
    Per mezzo di lei, arca della nuova alleanza,
    la provvidenza del Padre ci dona Cristo
    parola e pane di vita eterna.

    Preghiamo insieme e diciamo:

    R. Santa Maria, intercedi per noi presso il tuo Figlio. 

    Perché sperimentando la beatitudine di chi ascolta la parola di Dio
    e la mette in pratica,
    attingiamo la certezza della risurrezione della carne
    nella gloria futura, preghiamo. R.

    Perché in ogni uomo vivente
    sappiamo vedere e onorare il tempio e la dimora dello Spirito,
    e riconoscere la gloria di Dio, preghiamo. R.

    Perché la famiglia benedetta dal Signore
    accolga nel frutto del grembo materno il dono inestimabile della vita umana
    destinata alla grazia e alla gloria eterna, preghiamo. R.

    Perché nei deboli, negli anziani e nei sofferenti
    la comunità di fede riconosca la visita del Signore,
    re e giudice degli ultimi tempi,
    presente nel più piccolo tra i nostri fratelli, preghiamo. R.

    Perché nella distensione delle ferie estive
    rinsaldiamo i vincoli di fede e di fraternità
    e con l’aiuto della Vergine Maria,
    non smarriamo mai la strada che di conduce alla patria del cielo, preghiamo. R.

    Accogli, o Padre, la preghiera del tuo popolo
    e fa’ che contemplando il mistero di Maria,
    associata in corpo e anima al trionfo del tuo Figlio,
    riconosciamo in ogni persona umana
    il segno della tua immagine
    e il riflesso della tua gloria.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    O Dio, che in questo sacrificio eucaristico ci hai resi partecipi della tua salvezza, fa’ che per l’intercessione della Vergine Maria assunta in cielo giungiamo alla gloria della risurrezione. Per Cristo nostro Signore.



B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Assunzione della B.V.M. – Anno C – 15 agosto 2019

Maria SS.: Colei che scioglie i nodi.






    Dal Vangelo secondo Luca.

    In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda.
    Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo.
    Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».
    Allora Maria disse:
    «L’anima mia magnifica il Signore
    e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
    perché ha guardato l’umiltà della sua serva.
    D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
    Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente
    e Santo è il suo nome;
    di generazione in generazione la sua misericordia
    per quelli che lo temono.
    Ha spiegato la potenza del suo braccio,
    ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
    ha rovesciato i potenti dai troni,
    ha innalzato gli umili;
    ha ricolmato di beni gli affamati,
    ha rimandato i ricchi a mani vuote.
    Ha soccorso Israele, suo servo,
    ricordandosi della sua misericordia,
    come aveva detto ai nostri padri,
    per Abramo e la sua discendenza, per sempre».
    Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua”.




    Negli anni ’80, quando Papa Francesco era solo il sacerdote Jorge Bergoglio, scoprì durante un viaggio in Germania una immagine della Madonna la cosiddetta “Knotenloeserin” o Vergine che scioglie i nodi di cui riportò in Argentina varie riproduzioni e che è ormai l’oggetto di una forte venerazione popolare a Buenos Aires. L’immagine, attribuita al pittore settecentesco Johann Georg Melchior Schmidtner, si trova nella chiesa di St. Peter am Perlach ad Augusta, nel Sud della Baviera, e rappresenta la Madonna che scioglie i nodi di un lungo nastro che gli è offerto da angeli che si trovano alla destra del quadro, mentre altri angeli a sinistra raccolgono il tessuto ormai liscio. Il “sacerdote” Bergoglio fu colpito subito da quest’allegoria del ruolo di mediatrice della madre di Gesù e decise così di portarla con sé a Buenos Aires, dove iniziò a distribuirla a sacerdoti e fedeli.

    Il futuro Papa Francesco, celebrando la messa a San Josè del Talar l’8 dicembre del 2011, sottolineò che questa rappresentazione della Madonna illustra il fatto che “Dio, il quale distribuisce la sua Grazia a tutti i suoi figli, vuole che noi ci fidiamo di Lei, che le affidiamo i nodi dei nostri peccati per fare sì che Lei ci avvicini a suo figlio Gesù”. Il forte accento posto sul potere di mediazione della Madonna, così come il fatto che la “Desatanudos” deve essere invocata in caso di difficoltà, in particolare matrimoniali, l’hanno reso molto popolare fra i fedeli argentini, che all’ottavo giorno di ogni mese formano lunghe file davanti alla chiesa di San Josè del Talar, nel quartiere di Villa Devoto, per poter pregare e chiederle la sua intercessione.

    La solennità dell’Assunta in cielo che ci dona di vivere la certezza che Maria di Nazareth è in cielo in corpo e in anima diventa paradigmatica per ogni donna e per ogni uomo ricordando a ciascuno di noi che siamo vocati alla stessa realtà per cui fortemente siamo anche richiamati a vivere in modo da prepararci a questa dimensione. La Madonna, perché umile, docile e collaborativa con Dio, di cui è stata chiamata ad essere Madre, ci è di esempio perché, ciò che lei ha vissuto prima di noi, appartiene anche a noi qui in terra e poi nel cielo. Il cristiano è chiamato a guardare di più il cielo non solo per attingere nozioni metereologiche ma per imparare a pensare, amare, desiderare ed attendere Dio. La Madonna che ci guarda da lassù ci protegge e ci aiuta a prepararci ad abitare il cielo sciogliendo ogni nodo che ci tiene legati e zavorrati troppo, qua, in terra.




    Maria, Madre del Signore,
    splende sul cammino del popolo di Dio,
    segno di sicura speranza e consolazione.
    Per mezzo di lei, arca della nuova alleanza,
    la provvidenza del Padre ci dona Cristo
    parola e pane di vita eterna.

    Preghiamo insieme e diciamo:

    R. Santa Maria, intercedi per noi presso il tuo Figlio. 

    Perché sperimentando la beatitudine di chi ascolta la parola di Dio
    e la mette in pratica,
    attingiamo la certezza della risurrezione della carne
    nella gloria futura, preghiamo. R.

    Perché in ogni uomo vivente
    sappiamo vedere e onorare il tempio e la dimora dello Spirito,
    e riconoscere la gloria di Dio, preghiamo. R.

    Perché la famiglia benedetta dal Signore
    accolga nel frutto del grembo materno il dono inestimabile della vita umana
    destinata alla grazia e alla gloria eterna, preghiamo. R.

    Perché nei deboli, negli anziani e nei sofferenti
    la comunità di fede riconosca la visita del Signore,
    re e giudice degli ultimi tempi,
    presente nel più piccolo tra i nostri fratelli, preghiamo. R.

    Perché nella distensione delle ferie estive
    rinsaldiamo i vincoli di fede e di fraternità
    e con l’aiuto della Vergine Maria,
    non smarriamo mai la strada che di conduce alla patria del cielo, preghiamo. R.

    Accogli, o Padre, la preghiera del tuo popolo
    e fa’ che contemplando il mistero di Maria,
    associata in corpo e anima al trionfo del tuo Figlio,
    riconosciamo in ogni persona umana
    il segno della tua immagine
    e il riflesso della tua gloria.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    O Dio, che in questo sacrificio eucaristico ci hai resi partecipi della tua salvezza, fa’ che per l’intercessione della Vergine Maria assunta in cielo giungiamo alla gloria della risurrezione. Per Cristo nostro Signore.



Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
845FollowerSegui
13,000FollowerSegui
598FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Guida alla Grecia biblica

Matino: L’allegria

“Non fare come gli ipocriti”

Libri consigliati – Aprile 2019

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO