26.7 C
Roma
Ven, 17 Settembre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno BAscensione del Signore - Anno B - 16 maggio 2021

Ascensione del Signore – Anno B – 16 maggio 2021

Ascende il Signore tra canti di gioia.






    Dal Vangelo secondo Marco

    “In quel tempo, [ Gesù apparve agli Undici ] e disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno».
    Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio.
    Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni
    che la accompagnavano”.




    Gesù dopo aver predicato, dopo essere stato messo a morte, dopo essere risorto e più volte apparso ai suoi amici, abbandona la storia del mondo che lo ha accolto. Lascia i luoghi in cui ha svolto, prima da semplice operaio il lavoro di artigiano nella bottega del padre, e poi, per tre anni, evangelizzando per le strade della Galilea, della Samaria, della Giudea. Ma prima di chiudere il sipario su questo mondo ha ancora una missione da affidare a coloro che ormai hanno vinto la loro paura, si sono scongelati dal loro timore. Li convoca su di un monte e dice loro: “Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura”. Affida a loro, sparuto, impreparato, renitente gruppo di povere persone, il suo stesso compito, la sua medesima missione. Portare fino ai confini della terra la salvezza che lui ha procurato morendo sulla croce e risorgendo da morte. Dio non ha paura delle nostre debolezze e fragilità. Non cerca uomini e donne dai poteri particolari. A lui non interessa la muscolatura corporea ma quella del cuore, dell’entusiasmo, del desiderio di testimoniare.

    Dio non si scandalizza se coloro che chiama a collaborare con lui non ne sono capaci, rinunciano, sbagliano. Lo sapeva bene che doveva camminare con le gambe fragili di poveri pescatori. Che doveva fidarsi dell’entusiasmo che facilmente si assopisce di coloro che agiscono per impeto. Lui conta sulle buone intenzioni, i risultati non gli importano o, comunque, non sono prioritari e non segnano l’ago della bilancia.

    Essi, carichi di fragilità  lo stesso partirono, andarono, si fidarono, si misero in competizione, in gioco. Chi si dona non lo fa in vista del risultato. I giocatori che scendono in campo per una competizione è chiaro che vorrebbero vincere ma può capitare di perdere, non per questo cessano di lottare, di donarsi, di ricominciare, di riprovare. L’evangelizzazione richiede la stessa dedizione, lotta. Lo stesso stile agonistico. E allora occorre darsi da fare nella convinzione comunque che il tutto non è frutto di strategie, anche se ben pensate, articolate ed espletate, quanto piuttosto dono e frutto dello Spirito di Dio che suscita, accompagna, feconda e fa pervenire ai risultati utili. L’evangelizzazione anche quella che oggi viene definita nuova è un frutto sinergico tra la disponibilità umana, quindi fragile e la potenza divina dello Spirito, quindi garanzia.

    “Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano”. Gesù garantisce dei segni per verificare la veridicità e la genuinità: “… parleranno lingue nuove… “. Il cristiano di questi giorni deve parlare lingue nuove, non certo quelle fonetiche ma quelle testimoniali. Il mondo ha bisogno di segni concreti che non possono che essere quelli del servizio gratuito, generoso e totalizzante. Chi agisce insegna prima e meglio di chi parla. E il cristiano deve essere colui che parla con la vita, con i segni del servizio che è la lingua più universalmente conosciuta.




    Dio, nostro Padre, con la risurrezione del suo Figlio
    ci ha rigenerati ad una speranza viva.
    Tutti gli uomini, anche senza saperlo, attendono Dio.
    Facciamoci portavoce, mediante la preghiera,
    di questa attesa universale.

    R. Illumina la nostra vita, Signore.

    Perché la carità operosa renda visibile la nostra fede,
    come lampada che illumina tutta la nostra casa
    e si irradia nel mondo intero, preghiamo. R.

    Perché ognuno di noi si senta debitore del grande beneficio della redenzione,
    ed essendo stato salvato per grazia di Dio,
    si faccia cooperatore responsabile della salvezza, preghiamo. R.

    Perché le comunità ecclesiali
    nei territori di missione e nelle antiche stazioni cristiane,
    possano disporre di tutti i ministeri e dei carismi necessari
    all’edificazione del regno, preghiamo. R.

    Perché la misericordia del Signore ci dia occhi
    per vedere il Figlio dell’uomo che passa accanto a noi
    nella persona dei poveri e dei sofferenti, preghiamo. R.

    Perché anche i fratelli che si dicono senza Dio
    si aprano alla conoscenza e all’amore del Padre,
    che non abbandona nessuno e non è mai senza l’uomo, preghiamo. R.

    O Padre, che ci hai innestato
    in Cristo tuo Figlio, crocifisso e risorto,
    donaci di narrare a quanti incontreremo
    le grandi opere della salvezza.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    Dio onnipotente ed eterno, che alla tua Chiesa pellegrina sulla terra fai gustare i divini misteri, suscita in noi il desiderio del cielo, dove hai innalzato l’uomo accanto a te nella gloria. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Marco

“In quel tempo, [ Gesù apparve agli Undici ] e disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno».
Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio.
Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni
che la accompagnavano”.



Gesù dopo aver predicato, dopo essere stato messo a morte, dopo essere risorto e più volte apparso ai suoi amici, abbandona la storia del mondo che lo ha accolto. Lascia i luoghi in cui ha svolto, prima da semplice operaio il lavoro di artigiano nella bottega del padre, e poi, per tre anni, evangelizzando per le strade della Galilea, della Samaria, della Giudea. Ma prima di chiudere il sipario su questo mondo ha ancora una missione da affidare a coloro che ormai hanno vinto la loro paura, si sono scongelati dal loro timore. Li convoca su di un monte e dice loro: “Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura”. Affida a loro, sparuto, impreparato, renitente gruppo di povere persone, il suo stesso compito, la sua medesima missione. Portare fino ai confini della terra la salvezza che lui ha procurato morendo sulla croce e risorgendo da morte. Dio non ha paura delle nostre debolezze e fragilità. Non cerca uomini e donne dai poteri particolari. A lui non interessa la muscolatura corporea ma quella del cuore, dell’entusiasmo, del desiderio di testimoniare.

Dio non si scandalizza se coloro che chiama a collaborare con lui non ne sono capaci, rinunciano, sbagliano. Lo sapeva bene che doveva camminare con le gambe fragili di poveri pescatori. Che doveva fidarsi dell’entusiasmo che facilmente si assopisce di coloro che agiscono per impeto. Lui conta sulle buone intenzioni, i risultati non gli importano o, comunque, non sono prioritari e non segnano l’ago della bilancia.

Essi, carichi di fragilità  lo stesso partirono, andarono, si fidarono, si misero in competizione, in gioco. Chi si dona non lo fa in vista del risultato. I giocatori che scendono in campo per una competizione è chiaro che vorrebbero vincere ma può capitare di perdere, non per questo cessano di lottare, di donarsi, di ricominciare, di riprovare. L’evangelizzazione richiede la stessa dedizione, lotta. Lo stesso stile agonistico. E allora occorre darsi da fare nella convinzione comunque che il tutto non è frutto di strategie, anche se ben pensate, articolate ed espletate, quanto piuttosto dono e frutto dello Spirito di Dio che suscita, accompagna, feconda e fa pervenire ai risultati utili. L’evangelizzazione anche quella che oggi viene definita nuova è un frutto sinergico tra la disponibilità umana, quindi fragile e la potenza divina dello Spirito, quindi garanzia.

“Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano”. Gesù garantisce dei segni per verificare la veridicità e la genuinità: “… parleranno lingue nuove… “. Il cristiano di questi giorni deve parlare lingue nuove, non certo quelle fonetiche ma quelle testimoniali. Il mondo ha bisogno di segni concreti che non possono che essere quelli del servizio gratuito, generoso e totalizzante. Chi agisce insegna prima e meglio di chi parla. E il cristiano deve essere colui che parla con la vita, con i segni del servizio che è la lingua più universalmente conosciuta.



Dio, nostro Padre, con la risurrezione del suo Figlio
ci ha rigenerati ad una speranza viva.
Tutti gli uomini, anche senza saperlo, attendono Dio.
Facciamoci portavoce, mediante la preghiera,
di questa attesa universale.

R. Illumina la nostra vita, Signore.

Perché la carità operosa renda visibile la nostra fede,
come lampada che illumina tutta la nostra casa
e si irradia nel mondo intero, preghiamo. R.

Perché ognuno di noi si senta debitore del grande beneficio della redenzione,
ed essendo stato salvato per grazia di Dio,
si faccia cooperatore responsabile della salvezza, preghiamo. R.

Perché le comunità ecclesiali
nei territori di missione e nelle antiche stazioni cristiane,
possano disporre di tutti i ministeri e dei carismi necessari
all’edificazione del regno, preghiamo. R.

Perché la misericordia del Signore ci dia occhi
per vedere il Figlio dell’uomo che passa accanto a noi
nella persona dei poveri e dei sofferenti, preghiamo. R.

Perché anche i fratelli che si dicono senza Dio
si aprano alla conoscenza e all’amore del Padre,
che non abbandona nessuno e non è mai senza l’uomo, preghiamo. R.

O Padre, che ci hai innestato
in Cristo tuo Figlio, crocifisso e risorto,
donaci di narrare a quanti incontreremo
le grandi opere della salvezza.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Dio onnipotente ed eterno, che alla tua Chiesa pellegrina sulla terra fai gustare i divini misteri, suscita in noi il desiderio del cielo, dove hai innalzato l’uomo accanto a te nella gloria. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Ascensione del Signore – Anno B – 16 maggio 2021

Ascende il Signore tra canti di gioia.



Dal Vangelo secondo Marco

“In quel tempo, [ Gesù apparve agli Undici ] e disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno».
Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio.
Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni
che la accompagnavano”.



Gesù dopo aver predicato, dopo essere stato messo a morte, dopo essere risorto e più volte apparso ai suoi amici, abbandona la storia del mondo che lo ha accolto. Lascia i luoghi in cui ha svolto, prima da semplice operaio il lavoro di artigiano nella bottega del padre, e poi, per tre anni, evangelizzando per le strade della Galilea, della Samaria, della Giudea. Ma prima di chiudere il sipario su questo mondo ha ancora una missione da affidare a coloro che ormai hanno vinto la loro paura, si sono scongelati dal loro timore. Li convoca su di un monte e dice loro: “Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura”. Affida a loro, sparuto, impreparato, renitente gruppo di povere persone, il suo stesso compito, la sua medesima missione. Portare fino ai confini della terra la salvezza che lui ha procurato morendo sulla croce e risorgendo da morte. Dio non ha paura delle nostre debolezze e fragilità. Non cerca uomini e donne dai poteri particolari. A lui non interessa la muscolatura corporea ma quella del cuore, dell’entusiasmo, del desiderio di testimoniare.

Dio non si scandalizza se coloro che chiama a collaborare con lui non ne sono capaci, rinunciano, sbagliano. Lo sapeva bene che doveva camminare con le gambe fragili di poveri pescatori. Che doveva fidarsi dell’entusiasmo che facilmente si assopisce di coloro che agiscono per impeto. Lui conta sulle buone intenzioni, i risultati non gli importano o, comunque, non sono prioritari e non segnano l’ago della bilancia.

Essi, carichi di fragilità  lo stesso partirono, andarono, si fidarono, si misero in competizione, in gioco. Chi si dona non lo fa in vista del risultato. I giocatori che scendono in campo per una competizione è chiaro che vorrebbero vincere ma può capitare di perdere, non per questo cessano di lottare, di donarsi, di ricominciare, di riprovare. L’evangelizzazione richiede la stessa dedizione, lotta. Lo stesso stile agonistico. E allora occorre darsi da fare nella convinzione comunque che il tutto non è frutto di strategie, anche se ben pensate, articolate ed espletate, quanto piuttosto dono e frutto dello Spirito di Dio che suscita, accompagna, feconda e fa pervenire ai risultati utili. L’evangelizzazione anche quella che oggi viene definita nuova è un frutto sinergico tra la disponibilità umana, quindi fragile e la potenza divina dello Spirito, quindi garanzia.

“Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano”. Gesù garantisce dei segni per verificare la veridicità e la genuinità: “… parleranno lingue nuove… “. Il cristiano di questi giorni deve parlare lingue nuove, non certo quelle fonetiche ma quelle testimoniali. Il mondo ha bisogno di segni concreti che non possono che essere quelli del servizio gratuito, generoso e totalizzante. Chi agisce insegna prima e meglio di chi parla. E il cristiano deve essere colui che parla con la vita, con i segni del servizio che è la lingua più universalmente conosciuta.



Dio, nostro Padre, con la risurrezione del suo Figlio
ci ha rigenerati ad una speranza viva.
Tutti gli uomini, anche senza saperlo, attendono Dio.
Facciamoci portavoce, mediante la preghiera,
di questa attesa universale.

R. Illumina la nostra vita, Signore.

Perché la carità operosa renda visibile la nostra fede,
come lampada che illumina tutta la nostra casa
e si irradia nel mondo intero, preghiamo. R.

Perché ognuno di noi si senta debitore del grande beneficio della redenzione,
ed essendo stato salvato per grazia di Dio,
si faccia cooperatore responsabile della salvezza, preghiamo. R.

Perché le comunità ecclesiali
nei territori di missione e nelle antiche stazioni cristiane,
possano disporre di tutti i ministeri e dei carismi necessari
all’edificazione del regno, preghiamo. R.

Perché la misericordia del Signore ci dia occhi
per vedere il Figlio dell’uomo che passa accanto a noi
nella persona dei poveri e dei sofferenti, preghiamo. R.

Perché anche i fratelli che si dicono senza Dio
si aprano alla conoscenza e all’amore del Padre,
che non abbandona nessuno e non è mai senza l’uomo, preghiamo. R.

O Padre, che ci hai innestato
in Cristo tuo Figlio, crocifisso e risorto,
donaci di narrare a quanti incontreremo
le grandi opere della salvezza.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Dio onnipotente ed eterno, che alla tua Chiesa pellegrina sulla terra fai gustare i divini misteri, suscita in noi il desiderio del cielo, dove hai innalzato l’uomo accanto a te nella gloria. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
316IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x