10.2 C
Roma
Gio, 25 Febbraio 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno A Ascensione del Signore - Anno A - 1 giugno 2014.

Ascensione del Signore – Anno A – 1 giugno 2014.

- Advertisement -

2

Nel ritorno….l’inizio.

At 1, 1-11; Ef 1, 17-23; Mt 28, 16-20

Ascende il Signore tra canti di gioia.

Non è difficile, oggi, parlar male della Chiesa; la storia e la cronaca, infatti, presentano molti avvenimenti che segnano in maniera negativa la sua reputazione. Tuttavia, è evidente anche, come il riconoscere le pagine più belle della sua esperienza umana e spirituale sia un dovere.  Per completezza, inoltre, è necessario domandarsi se basti semplicemente il dato storico, se basti la sola cronaca per comprendere “chi” sia la Chiesa.

Per quanto gli aspetti negativi della storia e dell’attualità della Chiesa facciano soffrire coloro che le vogliono bene, proprio questi confermano che essa è costituzionalmente una comunità ferita.

Durante le apparizioni del Risorto ai suoi discepoli, questi vengono definiti da Matteo: «gli undici» (Mt 28, 16); la dolorosa esperienza del dodicesimo è posta in evidenza e rappresenta ancora un trauma di difficile superamento. I discepoli, nell’incontrare il Maestro, dubitarono persino di fronte alla straordinarietà dell’evento che stavano vivendo, eppure la descrizione del primo approccio con il Gesù postpasquale appare come una palese contraddizione: «quando essi lo videro, si prostrarono» (Mt 28, 17).

La Chiesa dunque, costituzionalmente è una comunità ferita e fragile, talvolta ambigua; ma è proprio in questa condizione che risiede il paradosso di un messaggio di speranza. In lei ciascuno di noi può trovare il suo spazio di crescita e, non essendo costituita da una élite di puri, è una comunità di peccatori che camminano, zoppicano, verso la santità e pertanto accogliente.

La prima e fondamentale dignità della Chiesa risiede nell’essere comunità convocata da Cristo. I discepoli sono convocati presso un monte senza nome, come a dire che questo non è un luogo geografico ma teologico: il monte è il luogo della rivelazione. La Chiesa è dunque comunità fragile, ma beneficata dalla rivelazione di Cristo nel corpo glorioso della risurrezione. Questa è una realtà complessa: storica e teologica; comunità di santi e di peccatori; investita di una dignità altissima; capace di miserie ma per questo testimone di una misericordia prima beneficiata e poi annunciata.

L’Ascensione del Signore è movimento dell’unico mistero pasquale che deve essere contemplato nella sua unità. Il crocefìsso risorto entra nella pienezza della sua trascendenza ascendendo al cielo. La «nube» (At 1, 9) che lo avvolge alla vista dei discepoli ne è immagine emblematica e significativa.

L’Ascensione costituisce l’inizio del tempo della Chiesa il cui protagonista è lo Spirito Santo; il suo ingresso nella sfera della trascendenza grazie all’intervento di quest’ultimo. Lo Spirito continua ad assisterla con la sua presenza discreta, efficace e solidale, mentre essa abita le piaghe della storia.

Giuseppe Gravante

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Ascensione del Signore – Anno A – 1 giugno 2014.

- Advertisement -

2

Nel ritorno….l’inizio.

At 1, 1-11; Ef 1, 17-23; Mt 28, 16-20

Ascende il Signore tra canti di gioia.

- Advertisement -

Non è difficile, oggi, parlar male della Chiesa; la storia e la cronaca, infatti, presentano molti avvenimenti che segnano in maniera negativa la sua reputazione. Tuttavia, è evidente anche, come il riconoscere le pagine più belle della sua esperienza umana e spirituale sia un dovere.  Per completezza, inoltre, è necessario domandarsi se basti semplicemente il dato storico, se basti la sola cronaca per comprendere “chi” sia la Chiesa.

Per quanto gli aspetti negativi della storia e dell’attualità della Chiesa facciano soffrire coloro che le vogliono bene, proprio questi confermano che essa è costituzionalmente una comunità ferita.

Durante le apparizioni del Risorto ai suoi discepoli, questi vengono definiti da Matteo: «gli undici» (Mt 28, 16); la dolorosa esperienza del dodicesimo è posta in evidenza e rappresenta ancora un trauma di difficile superamento. I discepoli, nell’incontrare il Maestro, dubitarono persino di fronte alla straordinarietà dell’evento che stavano vivendo, eppure la descrizione del primo approccio con il Gesù postpasquale appare come una palese contraddizione: «quando essi lo videro, si prostrarono» (Mt 28, 17).

La Chiesa dunque, costituzionalmente è una comunità ferita e fragile, talvolta ambigua; ma è proprio in questa condizione che risiede il paradosso di un messaggio di speranza. In lei ciascuno di noi può trovare il suo spazio di crescita e, non essendo costituita da una élite di puri, è una comunità di peccatori che camminano, zoppicano, verso la santità e pertanto accogliente.

La prima e fondamentale dignità della Chiesa risiede nell’essere comunità convocata da Cristo. I discepoli sono convocati presso un monte senza nome, come a dire che questo non è un luogo geografico ma teologico: il monte è il luogo della rivelazione. La Chiesa è dunque comunità fragile, ma beneficata dalla rivelazione di Cristo nel corpo glorioso della risurrezione. Questa è una realtà complessa: storica e teologica; comunità di santi e di peccatori; investita di una dignità altissima; capace di miserie ma per questo testimone di una misericordia prima beneficiata e poi annunciata.

L’Ascensione del Signore è movimento dell’unico mistero pasquale che deve essere contemplato nella sua unità. Il crocefìsso risorto entra nella pienezza della sua trascendenza ascendendo al cielo. La «nube» (At 1, 9) che lo avvolge alla vista dei discepoli ne è immagine emblematica e significativa.

L’Ascensione costituisce l’inizio del tempo della Chiesa il cui protagonista è lo Spirito Santo; il suo ingresso nella sfera della trascendenza grazie all’intervento di quest’ultimo. Lo Spirito continua ad assisterla con la sua presenza discreta, efficace e solidale, mentre essa abita le piaghe della storia.

Giuseppe Gravante

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
294FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
201IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

La teologia di papa Francesco

Un solo Libro, due eredi

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x