Cookie Consent by Free Privacy Policy website
16.2 C
Roma
Sab, 16 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiVita cristianaArmeni, Ue: Ankara riconosca il genocidio

Armeni, Ue: Ankara riconosca il genocidio

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che riconosce il genocidio degli armeni. Nel testo si chiede alla Turchia di “approfittare della commemorazione del centenario del genocidio armeno come importante opportunità” per riconoscere il genocidio stesso.

La risoluzione non vincolante chiede alla Turchia di “continuare i suoi sforzi per il riconoscimento del genocidio armeno,” secondo quanto si legge nel testo che commemora il centenario dell’inizio del genocidio dell’Armenia.

Il documento è stato approvato a larga maggioranza. Gli eurodeputati chiedono alla Turchia anche “l’apertura degli archivi per accettare il passato.” Il testo del Parlamento usa esplicitamente il termine “genocidio” in riferimento allo sterminio degli armeni avvenuto tra il 1915 e il 1917 ad opera dei turchi ottomani e chiede l’istituzione di una giornata mondiale per il ricordo dei genocidi.

Tuttavia, il testo è meno duro di altre risoluzioni approvate in passato in cui esplicitamente si definiva il riconoscimento turco del genocidio armeno come una “pre-condizione” per l’adesione della Turchia all’Ue. Questo riferimento è assente nel testo approvato oggi. Il documento accoglie come “un passo nella giusta direzione” le dichiarazioni delle massime autorità turche con cui sono state offerte le condoglianze agli armeni e sono state riconosciute “le atrocità” commesse contro gli armeni.

Le minacce del Presidente turco
Da parte sua, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva anticipato che “ignorerà” la risoluzione sul genocidio armeno dell’Europarlamento. “Entrerà da un orecchio e uscirà dall’altro” ha detto. Non solo: il presidente ha anche detto che gli oltre 100mila armeni che lavorano in Turchia non sono cittadini turchi e dunque “li potremmo espellere anche se ancora non lo abbiamo fatto”; una minaccia già paventata nel 2010.

- Advertisement -

Ancora più dure le parole del premier turco Ahmet Davutoglu, che oggi ha accusato il Papa di avere aderito al “fronte del male” che complotterebbe contro la Turchia. “Un fronte del male s’è formato contro di noi, ora pure il Papa vi ha aderito”, ha detto.

La Turchia teme altri riconoscimenti internazionali del genocidio in vista delle commemorazioni per il primo centenario in programma nella capitale dell’Armenia, Erevan, il 24 aprile.

- Advertisement -
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Armeni, Ue: Ankara riconosca il genocidio

- Advertisement -

Il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che riconosce il genocidio degli armeni. Nel testo si chiede alla Turchia di “approfittare della commemorazione del centenario del genocidio armeno come importante opportunità” per riconoscere il genocidio stesso.

La risoluzione non vincolante chiede alla Turchia di “continuare i suoi sforzi per il riconoscimento del genocidio armeno,” secondo quanto si legge nel testo che commemora il centenario dell’inizio del genocidio dell’Armenia.

Il documento è stato approvato a larga maggioranza. Gli eurodeputati chiedono alla Turchia anche “l’apertura degli archivi per accettare il passato.” Il testo del Parlamento usa esplicitamente il termine “genocidio” in riferimento allo sterminio degli armeni avvenuto tra il 1915 e il 1917 ad opera dei turchi ottomani e chiede l’istituzione di una giornata mondiale per il ricordo dei genocidi.

Tuttavia, il testo è meno duro di altre risoluzioni approvate in passato in cui esplicitamente si definiva il riconoscimento turco del genocidio armeno come una “pre-condizione” per l’adesione della Turchia all’Ue. Questo riferimento è assente nel testo approvato oggi. Il documento accoglie come “un passo nella giusta direzione” le dichiarazioni delle massime autorità turche con cui sono state offerte le condoglianze agli armeni e sono state riconosciute “le atrocità” commesse contro gli armeni.

Le minacce del Presidente turco
Da parte sua, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva anticipato che “ignorerà” la risoluzione sul genocidio armeno dell’Europarlamento. “Entrerà da un orecchio e uscirà dall’altro” ha detto. Non solo: il presidente ha anche detto che gli oltre 100mila armeni che lavorano in Turchia non sono cittadini turchi e dunque “li potremmo espellere anche se ancora non lo abbiamo fatto”; una minaccia già paventata nel 2010.

- Advertisement -

Ancora più dure le parole del premier turco Ahmet Davutoglu, che oggi ha accusato il Papa di avere aderito al “fronte del male” che complotterebbe contro la Turchia. “Un fronte del male s’è formato contro di noi, ora pure il Papa vi ha aderito”, ha detto.

La Turchia teme altri riconoscimenti internazionali del genocidio in vista delle commemorazioni per il primo centenario in programma nella capitale dell’Armenia, Erevan, il 24 aprile.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
319IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

L’ateismo interroga la fede

Dell’essere e dell’amore

A scuola di preghiera

Accompagnare gli adulti nella fede

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x