16.3 C
Roma
Lun, 17 Maggio 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiVita cristianaApp pro gender per bambini: dal parrucchiere al robot, niente più sessi

App pro gender per bambini: dal parrucchiere al robot, niente più sessi

- Advertisement -

Toca Boca e Tinybop inventano giochi virtuali dove la differenza di genere non esiste più

La confusione di genere si nasconde e prolifera nelle App per bambini. Che siano destinati alle bambine o ai bambini, i giochi sono proposti in spazi comuni, senza soluzione di continuità.

Gli sviluppatori di applicazioni, denuncia Agensir (24 febbraio), stanno procedendo in questa direzione. Ci sono dei casi, in particolare, in cui la logica gender è palesata senza giri di parole: stiamo parlando delle App per smartphone “Toca Hair Salon” e “Tinybop”.

IL PARRUCCHIERE VIRTUALE

“Toca Hair Salon” è una delle applicazioni più popolari di Toca Boca, uno sviluppatore di applicazioni per bambini con sede a Stoccolma, New York e San Francisco. Le attività si svolgono in un parrucchiere virtuale disegnato con un uso abbondante di colori caramellosi. I capelli, con poche ditate sullo schermo, possono essere tagliati, fatti ricrescere, arricciati, colorati e ricomposti all’infinito in mille assurde geometrie tricologiche.

GENERE SESSUALE AMBIGUO

Fra i clienti virtuali di questa applicazione, spiega Agensir, ci sono personaggi caratterizzati come ragazze o come ragazzi; ci sono però anche un paio di tipologie di personaggi virtuali il cui genere sessuale è decisamente ambiguo. Mathilda Engman, responsabile del marketing di Toca Boca, dice chiaramente che l’obiettivo della società è quello «di non conformarsi ai tradizionali target di genere». Come se l’opzione maschile/femminile fosse ormai un optional superato. «I nostri personaggi sono eccentrici per essere accattivanti con tutti i nostri piccoli clienti».

“MISCHIARE” PEZZI DI ROBOT

Insomma tutto è lecito di fronte all’esigenza di fatturato. Non esiste scala di valori che regga. La pensano allo stesso modo a Tinybop, altra società di riferimento per la distribuzione di App per bambini. Tra le 8 principali, “Tinybop” ha messo in vendita una applicazione per costruire “robot” virtuali, “Robot factory” . I bambini, di entrambi i sessi, possono assemblare i pezzi come vogliono e i risultati sono spesso molto fantasiosi.

MA LA DIFFERENZA DI GENERE RESISTE

In questo modo si possono creare molto semplicemente robot “misti”, formati da parti maschili e femminili. Nei focus group seguiti dagli psicologi, però, hanno scoperto che i bambini si riferiscono alle loro creazioni attribuendo una differenza di genere: sono sempre “lei” o “lui”. Una bambina più cresciuta aveva costruito addirittura il suo fidanzatino.

«Nonostante le forzate strategie di marketing dei grandi gruppi, i bambini, per il momento – evidenzia ancora l’agenzia dei vescovi –sembrano sapere ancora cosa sia una differenza di genere. Per il momento».

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

App pro gender per bambini: dal parrucchiere al robot, niente più sessi

- Advertisement -

Toca Boca e Tinybop inventano giochi virtuali dove la differenza di genere non esiste più

La confusione di genere si nasconde e prolifera nelle App per bambini. Che siano destinati alle bambine o ai bambini, i giochi sono proposti in spazi comuni, senza soluzione di continuità.

Gli sviluppatori di applicazioni, denuncia Agensir (24 febbraio), stanno procedendo in questa direzione. Ci sono dei casi, in particolare, in cui la logica gender è palesata senza giri di parole: stiamo parlando delle App per smartphone “Toca Hair Salon” e “Tinybop”.

IL PARRUCCHIERE VIRTUALE

- Advertisement -

“Toca Hair Salon” è una delle applicazioni più popolari di Toca Boca, uno sviluppatore di applicazioni per bambini con sede a Stoccolma, New York e San Francisco. Le attività si svolgono in un parrucchiere virtuale disegnato con un uso abbondante di colori caramellosi. I capelli, con poche ditate sullo schermo, possono essere tagliati, fatti ricrescere, arricciati, colorati e ricomposti all’infinito in mille assurde geometrie tricologiche.

GENERE SESSUALE AMBIGUO

Fra i clienti virtuali di questa applicazione, spiega Agensir, ci sono personaggi caratterizzati come ragazze o come ragazzi; ci sono però anche un paio di tipologie di personaggi virtuali il cui genere sessuale è decisamente ambiguo. Mathilda Engman, responsabile del marketing di Toca Boca, dice chiaramente che l’obiettivo della società è quello «di non conformarsi ai tradizionali target di genere». Come se l’opzione maschile/femminile fosse ormai un optional superato. «I nostri personaggi sono eccentrici per essere accattivanti con tutti i nostri piccoli clienti».

“MISCHIARE” PEZZI DI ROBOT

Insomma tutto è lecito di fronte all’esigenza di fatturato. Non esiste scala di valori che regga. La pensano allo stesso modo a Tinybop, altra società di riferimento per la distribuzione di App per bambini. Tra le 8 principali, “Tinybop” ha messo in vendita una applicazione per costruire “robot” virtuali, “Robot factory” . I bambini, di entrambi i sessi, possono assemblare i pezzi come vogliono e i risultati sono spesso molto fantasiosi.

MA LA DIFFERENZA DI GENERE RESISTE

In questo modo si possono creare molto semplicemente robot “misti”, formati da parti maschili e femminili. Nei focus group seguiti dagli psicologi, però, hanno scoperto che i bambini si riferiscono alle loro creazioni attribuendo una differenza di genere: sono sempre “lei” o “lui”. Una bambina più cresciuta aveva costruito addirittura il suo fidanzatino.

«Nonostante le forzate strategie di marketing dei grandi gruppi, i bambini, per il momento – evidenzia ancora l’agenzia dei vescovi –sembrano sapere ancora cosa sia una differenza di genere. Per il momento».

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
650FollowerSegui
303IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Salire a Gerusalemme

Razzismo 2.0, l’odio online

Gibran: Lazzaro e la sua amata

Lo Spirito nell’agire umano

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x