11.8 C
Rome
lunedì, 18 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa “Amare e servire, altrimenti la Chiesa diventa un’istituzione vuota”

“Amare e servire, altrimenti la Chiesa diventa un’istituzione vuota”

La Chiesa una mera istituzione sociale?

- Advertisement -
 
A Santa Marta il Papa esorta alla vera umiltà usando un termine «militare» per spiegare l’atteggiamento del credente verso Gesù: «subordinazione». «Lui è il più grande, io sono il servo, nessuno può usarlo o oltrepassarlo»
 

SALVATORE CERNUZIO
CITTÀ DEL VATICANO

Due comandamenti, «amare il prossimo» e «servire gli uni gli altri», un’avvertenza: non siamo più grandi di Gesù, «Lui è il più grande, io sono il servo, nessuno può passargli davanti». A Santa Marta Francesco ribadisce i fondamenti del cristianesimo prendendo in prestito una parola del lessico militare per chiarire la giusta collocazione del credente rispetto a Cristo: «subordinazione».  

Gesù stesso lo ha detto ai suoi discepoli durante l’Ultima Cena: «Voi potete servire», ma «non siete più grandi di me». Proprio quel brano evangelico offre lo spunto al Pontefice per la sua riflessione mattutina, riportata da Vatican News. In quell’ultimo momento di raccoglimento con i suoi, il Figlio di Dio compie due gesti che «sono due istituzioni» e «che sono il fondamento, per così dire, della sua dottrina»: l’Eucaristia, per insegnare l’amore, e la lavanda dei piedi, per insegnare il servizio. «Da questi gesti – sottolinea il Papa – nascono i due comandamenti che faranno crescere la Chiesa se noi siamo fedeli».  
 
Agli apostoli Gesù spiega che un servo non è mai più grande di colui che lo invia, del padrone. «Amare il prossimo come me stesso», è il lascito del Messia che si arricchisce di «un passo» in più: «Amare il prossimo come io vi ho amato».  
 
E come ci ama Gesù? «Senza limiti», «fino alla fine», rimarca Bergoglio. La Chiesa è chiamata a seguire questo esempio, altrimenti – avverte – «non va avanti, la Chiesa non respira… Non cresce, si trasforma in una istituzione vuota, di apparenze, di gesti senza fecondità». 
 
Dobbiamo allora «andare nel suo corpo», nel corpo di Cristo, esorta Francesco. Come si fa? Servendo l’altro. «Lavate i piedi gli uni agli altri, come io ho lavato a voi i piedi», diceva Gesù. Chiarendo tuttavia che «voi potete servire, ma inviati da me, mandati da me. Voi non siete più grandi di me». Un servo, infatti, «non è più grande del suo padrone, né un inviato è più grande di chi lo ha mandato».  
 
Da questa consapevolezza nasce «l’umiltà». Quella vera, non «l’umiltà finta», precisa il Pontefice. «Non possiamo oltrepassare Gesù, non possiamo usare Gesù. Lui è il Signore, non noi. Questo è il testamento del Signore. Si dà da mangiare e bere, e ci dice: amatevi così. Lava i piedi, e ci dice: servitevi così, ma state attenti, un servo mai è più grande di quello che lo invia, del padrone».  
 
«Sono parole e gesti contundenti: è il fondamento della Chiesa», osserva il Pontefice. E assicura: «Se noi andiamo avanti con queste tre cose, non sbaglieremo mai». Lo hanno testimoniato e lo testimoniano ancora oggi tanti martiri e santi: loro «sono andati avanti così: con questa consapevolezza di essere servi».  
 
Un’altra consapevolezza è necessaria: Gesù sa tutto di noi, ci conosce fino in fondo. «Io conosco quelli che ho scelto», diceva Egli stesso, «so che uno di voi mi tradirà». Francesco conclude quindi chiedendo a tutti di «lasciare che lo sguardo di Gesù entri in me». «Sentiremo tante cose: sentiremo amore, sentiremo forse nulla… saremo bloccati lì, sentiremo vergogna. Ma lasciare sempre che lo sguardo di Gesù venga. Lo stesso sguardo con il quale guardava a cena, quella sera, i suoi. Signore tu conosci, tu sai tutto». 

Originale: Vatican Insider
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

“Amare e servire, altrimenti la Chiesa diventa un’istituzione vuota”

La Chiesa una mera istituzione sociale?

  

- Advertisement -
 
A Santa Marta il Papa esorta alla vera umiltà usando un termine «militare» per spiegare l’atteggiamento del credente verso Gesù: «subordinazione». «Lui è il più grande, io sono il servo, nessuno può usarlo o oltrepassarlo»
 

SALVATORE CERNUZIO
CITTÀ DEL VATICANO

Due comandamenti, «amare il prossimo» e «servire gli uni gli altri», un’avvertenza: non siamo più grandi di Gesù, «Lui è il più grande, io sono il servo, nessuno può passargli davanti». A Santa Marta Francesco ribadisce i fondamenti del cristianesimo prendendo in prestito una parola del lessico militare per chiarire la giusta collocazione del credente rispetto a Cristo: «subordinazione».  

Gesù stesso lo ha detto ai suoi discepoli durante l’Ultima Cena: «Voi potete servire», ma «non siete più grandi di me». Proprio quel brano evangelico offre lo spunto al Pontefice per la sua riflessione mattutina, riportata da Vatican News. In quell’ultimo momento di raccoglimento con i suoi, il Figlio di Dio compie due gesti che «sono due istituzioni» e «che sono il fondamento, per così dire, della sua dottrina»: l’Eucaristia, per insegnare l’amore, e la lavanda dei piedi, per insegnare il servizio. «Da questi gesti – sottolinea il Papa – nascono i due comandamenti che faranno crescere la Chiesa se noi siamo fedeli».  
 
Agli apostoli Gesù spiega che un servo non è mai più grande di colui che lo invia, del padrone. «Amare il prossimo come me stesso», è il lascito del Messia che si arricchisce di «un passo» in più: «Amare il prossimo come io vi ho amato».  
 
E come ci ama Gesù? «Senza limiti», «fino alla fine», rimarca Bergoglio. La Chiesa è chiamata a seguire questo esempio, altrimenti – avverte – «non va avanti, la Chiesa non respira… Non cresce, si trasforma in una istituzione vuota, di apparenze, di gesti senza fecondità». 
 
Dobbiamo allora «andare nel suo corpo», nel corpo di Cristo, esorta Francesco. Come si fa? Servendo l’altro. «Lavate i piedi gli uni agli altri, come io ho lavato a voi i piedi», diceva Gesù. Chiarendo tuttavia che «voi potete servire, ma inviati da me, mandati da me. Voi non siete più grandi di me». Un servo, infatti, «non è più grande del suo padrone, né un inviato è più grande di chi lo ha mandato».  
 
Da questa consapevolezza nasce «l’umiltà». Quella vera, non «l’umiltà finta», precisa il Pontefice. «Non possiamo oltrepassare Gesù, non possiamo usare Gesù. Lui è il Signore, non noi. Questo è il testamento del Signore. Si dà da mangiare e bere, e ci dice: amatevi così. Lava i piedi, e ci dice: servitevi così, ma state attenti, un servo mai è più grande di quello che lo invia, del padrone».  
 
«Sono parole e gesti contundenti: è il fondamento della Chiesa», osserva il Pontefice. E assicura: «Se noi andiamo avanti con queste tre cose, non sbaglieremo mai». Lo hanno testimoniato e lo testimoniano ancora oggi tanti martiri e santi: loro «sono andati avanti così: con questa consapevolezza di essere servi».  
 
Un’altra consapevolezza è necessaria: Gesù sa tutto di noi, ci conosce fino in fondo. «Io conosco quelli che ho scelto», diceva Egli stesso, «so che uno di voi mi tradirà». Francesco conclude quindi chiedendo a tutti di «lasciare che lo sguardo di Gesù entri in me». «Sentiremo tante cose: sentiremo amore, sentiremo forse nulla… saremo bloccati lì, sentiremo vergogna. Ma lasciare sempre che lo sguardo di Gesù venga. Lo stesso sguardo con il quale guardava a cena, quella sera, i suoi. Signore tu conosci, tu sai tutto». 

- Advertisement -
Originale: Vatican Insider

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
870FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Desiderio e sequela

Matino: L’allegria

Sposati e sii sottomessa, 2011

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO