15.6 C
Roma
Dom, 29 Marzo 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana All'Ostensione anche gli imam: vicini ai cristiani

All’Ostensione anche gli imam: vicini ai cristiani

- Advertisement -

Ci sono anche alcuni imam oggi a Torino tra i visitatori in coda per ammirare in Duomo la Sacra Sindone. Tra loro, Mohamed Bahreddine, presidente nazionale della Lega degli imam. “È la prima volta che visitiamo la Sindone. Vogliamo allargare il dialogo – ha spiegato – la nostra presenza è un segnale forte dopo quello che è successo nel mondo. Vogliamo dare l’esempio. Vogliamo fare appello a tutti, siamo tutti fratelli. Oggi abbiamo bisogno di vicinanza, di dimostrare che siamo uniti, c’è bisogno di dire no alla violenza”. “Siamo per la massima integrazione – ha affermato Amir Younes, responsabile del Centro interculturale Mecca di Torino – c’è molto interesse nei confronti della Sindone e noi siamo qui per arricchire le nostre conoscenze. La nostra presenza è segno di integrazione”.

Bahreddine e Younes hanno guidato, nella visita all’ostensione della Sindone, un gruppo di musulmani. “Anche alle vostre feste per la fine del Ramadan ci sono sempre rappresentanti della Chiesa – ha spiegato Bahreddine – per questo abbiamo deciso di venire per dare un segnale, per dire che siamo tutti fratelli e che siamo cittadini di questo Paese è di questa città”. “È – ha aggiunto – uno spazio per allargare il dialogo e, soprattutto dopo i drammatica eventi che stanno succedendo in questi mesi, siamo qui per lanciare un nuovo appello e dire che siamo tutti fratelli”. “Oggi ne abbiamo davvero bisogno – è intervenuto Younes – per dimostrare la vicinanza fra cristiani e musulmani, dire no a ogni forma di terrorismo e violenza e sì alla convivenza. Bisogna essere forti insieme”.

Con il gruppo di musulmani c’era anche don Tino Negri, direttore del Centro diocesano per il dialogo cristiano-islamico Federico Peirone.“Sono contento di questa partecipazione – dice – è il segno di di una volontà di integrazione e accoglimento delle differenze religiose e culturali”.

Al termine della visita i rappresentanti della comunità musulmana hanno commentato così: “Oggi abbiamo aggiunto alla nostra cultura un altro pezzo importantissimo e speriamo di aver dato un bel messaggio di fratellanza”. “È un viaggio nel tempo e nella storia – ha detto
Mohamed Bahreddine – in cui abbiamo visto la figura di Gesù
nella visione dei fratelli cristiani”. Per Amir Younes, “c’è qualcosa che tocca l’anima, è un momento che raggruppa le persone verso la pace, un momento di cui oggi abbiamo molto bisogno ed è quello che speriamo accada anche nei nostri territori dove si fa la guerra per niente”.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

All’Ostensione anche gli imam: vicini ai cristiani

  

- Advertisement -

Ci sono anche alcuni imam oggi a Torino tra i visitatori in coda per ammirare in Duomo la Sacra Sindone. Tra loro, Mohamed Bahreddine, presidente nazionale della Lega degli imam. “È la prima volta che visitiamo la Sindone. Vogliamo allargare il dialogo – ha spiegato – la nostra presenza è un segnale forte dopo quello che è successo nel mondo. Vogliamo dare l’esempio. Vogliamo fare appello a tutti, siamo tutti fratelli. Oggi abbiamo bisogno di vicinanza, di dimostrare che siamo uniti, c’è bisogno di dire no alla violenza”. “Siamo per la massima integrazione – ha affermato Amir Younes, responsabile del Centro interculturale Mecca di Torino – c’è molto interesse nei confronti della Sindone e noi siamo qui per arricchire le nostre conoscenze. La nostra presenza è segno di integrazione”.

Bahreddine e Younes hanno guidato, nella visita all’ostensione della Sindone, un gruppo di musulmani. “Anche alle vostre feste per la fine del Ramadan ci sono sempre rappresentanti della Chiesa – ha spiegato Bahreddine – per questo abbiamo deciso di venire per dare un segnale, per dire che siamo tutti fratelli e che siamo cittadini di questo Paese è di questa città”. “È – ha aggiunto – uno spazio per allargare il dialogo e, soprattutto dopo i drammatica eventi che stanno succedendo in questi mesi, siamo qui per lanciare un nuovo appello e dire che siamo tutti fratelli”. “Oggi ne abbiamo davvero bisogno – è intervenuto Younes – per dimostrare la vicinanza fra cristiani e musulmani, dire no a ogni forma di terrorismo e violenza e sì alla convivenza. Bisogna essere forti insieme”.

Con il gruppo di musulmani c’era anche don Tino Negri, direttore del Centro diocesano per il dialogo cristiano-islamico Federico Peirone.“Sono contento di questa partecipazione – dice – è il segno di di una volontà di integrazione e accoglimento delle differenze religiose e culturali”.

Al termine della visita i rappresentanti della comunità musulmana hanno commentato così: “Oggi abbiamo aggiunto alla nostra cultura un altro pezzo importantissimo e speriamo di aver dato un bel messaggio di fratellanza”. “È un viaggio nel tempo e nella storia – ha detto
Mohamed Bahreddine – in cui abbiamo visto la figura di Gesù
nella visione dei fratelli cristiani”. Per Amir Younes, “c’è qualcosa che tocca l’anima, è un momento che raggruppa le persone verso la pace, un momento di cui oggi abbiamo molto bisogno ed è quello che speriamo accada anche nei nostri territori dove si fa la guerra per niente”.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
284FansMi piace
925FollowerSegui
13,000FollowerSegui
629FollowerSegui
69IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Il Vangelo di Marco

Lo scandalo della tenerezza

Rut, la moabita

I profeti minori “quadriformi”

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO