9.9 C
Roma
Mar, 24 Novembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana Addio al celibato e sesso: non abbiamo compreso il matrimonio?

Addio al celibato e sesso: non abbiamo compreso il matrimonio?

- Advertisement -

Se è un’occasione per fare tutto ciò che non si potrà fare una volta “rinchiusi” nel matrimonio, è meglio non sposarsi religiosamente

topic
Padre, presto un’amica si sposerà e sarò la sua testimone. Tutti mi dicono che devo organizzare l’addio al nubilato, ma il tema della festa deve ruotare intorno a connotazioni sessuali e non mi sento a mio agio. Come posso convincere gli altri del contrario? M. C.

Grazie per l’opportunità che mi dai di chiarire la questione. Ne approfitterò per rivolgermi sia agli uomini che alle donne. La tua domanda mi riempie a sua volta di domande, e la prima che mi viene in mente è: “Non è forse ovvio perché è sbagliato?”

Immagino che l’addio al celibato/nubilato sia un’occasione per condividere con gioia quella che sarà la celebrazione del matrimonio. Le persone che organizzano questa festa vogliono condividere la gioia che un amico/a abbia incontrato l’amore della sua vita e lo fanno, forse, per ricordare momenti gradevoli del periodo in cui era celibe/nubile.

È un’occasione per rallegrarsi per il futuro stato di vita, quello di essere d’ora in avanti una sposa, e poi una madre. Perché pensare allora che gli addii al celibato/nubilato debbano avere connotazioni sessuali? Perché si abbandona il celibato/nubilato in questo modo? Che messaggio si vuole trasmettere? Sarà che quello che si vuol dire è che bisogna congedarsi da tutte quelle cose che si potevano fare quando si era celibi/nubili e ora non si potranno più fare? Sarà il modo migliore di porre fine alla propria vita di celibe/nubile?

Se è così, allora è meglio che la persona non si sposi per la Chiesa, perché non ha capito cos’è l’amore, né quello che è il retto uso della sessualità, e men che meno cosa sia il matrimonio. Stanno forse dicendo “Fatti una scappatella ora che ancora puoi?” E io chiedo: puoi? La risposta è NO. La vita da sposato/a sarà un riflesso di quella che è stata la vita da celibe/nubile, e questo include l’addio al celibato/nubilato. Non bisogna cadere nel gioco della menzogna e dell’irresponsabilità di vivere la vita senza Dio.

Nella Bibbia c’è un passo in cui si legge che “la bocca parla dalla pienezza del cuore” (Lc 6,45). Di cosa è pieno allora il cuore di una persona che pensa che questo sia il modo di salutare un/a fidanzato/a? La grossolaneria è l’unico modo di divertirsi? Chi partecipa a questo tipo di feste diventa complice del degrado dell’uomo e della donna, riducendo l’uomo e la donna a un mero oggetto di piacere sessuale.

Come può un/a ragazzo/a mettersi davanti all’altare e dire che sarà fedele per tutta la vita se qualche giorno prima si è prestato a cose che non aiutano la fedeltà? Possono essere cose piccole, ma da lì nascono grandi infedeltà. “Avete inteso che fu detto: Non commettere adulterio; ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore” (Mt 5, 27-28). Approfitto anche per parlare degli addii al celibato in cui vengono portati/e prostituti/e, persone che si spogliano, ecc. La ritengo un’incoerenza totale.

Raccomando a queste persone che è meglio non sposarsi religiosamente. Il matrimonio è qualcosa di molto serio, e chi pensa di poter partecipare, in modo attivo o passivo, a queste iniziative e andare all’altare come se nulla fosse accaduto si sbaglia di grosso, e gli suggerisco di valutare la propria fede. Chiedi alle tue amiche perché la festa deve avere questa connotazione, per vedere se c’è qualche motivo sensato che giustifichi questa tematica.

Non sono contrario al divertimento, ma deve essere sano, senza dimenticare che siamo esseri umani e senza dimenticare nemmeno che siamo cristiani.

Un cattolico, quindi, non dovrebbe mai partecipare a questo tipo di addii al celibato/nubilato; e se vai e ti rendi conto che la connotazione della festa è quella, ritirati. Gesù lo dice nel Vangelo: “Se il tuo occhio destro ti è occasione di scandalo, cavalo” (Mt 5,29), parlandoci della radicalità con cui dobbiamo agire, contro il peccato o qualsiasi situazione che ci possa portare al male. Dobbiamo sforzarci di essere ogni giorno più coerenti con il nostro essere cristiani e non acconsentire a un mondo che spesso dà le spalle a Dio e degrada la visione dell’essere umano.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Addio al celibato e sesso: non abbiamo compreso il matrimonio?

- Advertisement -

Se è un’occasione per fare tutto ciò che non si potrà fare una volta “rinchiusi” nel matrimonio, è meglio non sposarsi religiosamente

topic
Padre, presto un’amica si sposerà e sarò la sua testimone. Tutti mi dicono che devo organizzare l’addio al nubilato, ma il tema della festa deve ruotare intorno a connotazioni sessuali e non mi sento a mio agio. Come posso convincere gli altri del contrario? M. C.

Grazie per l’opportunità che mi dai di chiarire la questione. Ne approfitterò per rivolgermi sia agli uomini che alle donne. La tua domanda mi riempie a sua volta di domande, e la prima che mi viene in mente è: “Non è forse ovvio perché è sbagliato?”

Immagino che l’addio al celibato/nubilato sia un’occasione per condividere con gioia quella che sarà la celebrazione del matrimonio. Le persone che organizzano questa festa vogliono condividere la gioia che un amico/a abbia incontrato l’amore della sua vita e lo fanno, forse, per ricordare momenti gradevoli del periodo in cui era celibe/nubile.

È un’occasione per rallegrarsi per il futuro stato di vita, quello di essere d’ora in avanti una sposa, e poi una madre. Perché pensare allora che gli addii al celibato/nubilato debbano avere connotazioni sessuali? Perché si abbandona il celibato/nubilato in questo modo? Che messaggio si vuole trasmettere? Sarà che quello che si vuol dire è che bisogna congedarsi da tutte quelle cose che si potevano fare quando si era celibi/nubili e ora non si potranno più fare? Sarà il modo migliore di porre fine alla propria vita di celibe/nubile?

Se è così, allora è meglio che la persona non si sposi per la Chiesa, perché non ha capito cos’è l’amore, né quello che è il retto uso della sessualità, e men che meno cosa sia il matrimonio. Stanno forse dicendo “Fatti una scappatella ora che ancora puoi?” E io chiedo: puoi? La risposta è NO. La vita da sposato/a sarà un riflesso di quella che è stata la vita da celibe/nubile, e questo include l’addio al celibato/nubilato. Non bisogna cadere nel gioco della menzogna e dell’irresponsabilità di vivere la vita senza Dio.

Nella Bibbia c’è un passo in cui si legge che “la bocca parla dalla pienezza del cuore” (Lc 6,45). Di cosa è pieno allora il cuore di una persona che pensa che questo sia il modo di salutare un/a fidanzato/a? La grossolaneria è l’unico modo di divertirsi? Chi partecipa a questo tipo di feste diventa complice del degrado dell’uomo e della donna, riducendo l’uomo e la donna a un mero oggetto di piacere sessuale.

- Advertisement -

Come può un/a ragazzo/a mettersi davanti all’altare e dire che sarà fedele per tutta la vita se qualche giorno prima si è prestato a cose che non aiutano la fedeltà? Possono essere cose piccole, ma da lì nascono grandi infedeltà. “Avete inteso che fu detto: Non commettere adulterio; ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore” (Mt 5, 27-28). Approfitto anche per parlare degli addii al celibato in cui vengono portati/e prostituti/e, persone che si spogliano, ecc. La ritengo un’incoerenza totale.

Raccomando a queste persone che è meglio non sposarsi religiosamente. Il matrimonio è qualcosa di molto serio, e chi pensa di poter partecipare, in modo attivo o passivo, a queste iniziative e andare all’altare come se nulla fosse accaduto si sbaglia di grosso, e gli suggerisco di valutare la propria fede. Chiedi alle tue amiche perché la festa deve avere questa connotazione, per vedere se c’è qualche motivo sensato che giustifichi questa tematica.

Non sono contrario al divertimento, ma deve essere sano, senza dimenticare che siamo esseri umani e senza dimenticare nemmeno che siamo cristiani.

Un cattolico, quindi, non dovrebbe mai partecipare a questo tipo di addii al celibato/nubilato; e se vai e ti rendi conto che la connotazione della festa è quella, ritirati. Gesù lo dice nel Vangelo: “Se il tuo occhio destro ti è occasione di scandalo, cavalo” (Mt 5,29), parlandoci della radicalità con cui dobbiamo agire, contro il peccato o qualsiasi situazione che ci possa portare al male. Dobbiamo sforzarci di essere ogni giorno più coerenti con il nostro essere cristiani e non acconsentire a un mondo che spesso dà le spalle a Dio e degrada la visione dell’essere umano.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
288FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
636FollowerSegui
137IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x