22.2 C
Roma
Ven, 17 Settembre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiSocietà e PoliticaA Gerusalemme una preghiera comune per chiedere la pace in Medio Oriente

A Gerusalemme una preghiera comune per chiedere la pace in Medio Oriente

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Oggi pomeriggio, la veglia di Pentecoste nella Chiesa di Santo Stefano organizzata dagli ordinari di Terra Santa alla quale il Papa ha chiesto a tutta la Chiesa di partecipare

Lisa Zengarini – Città del Vaticano

“Ringrazio Dio per la decisione di fermare gli scontri armati e auspico che si percorrano le vie del dialogo e della pace”. Così, durante la presentazione, ieri mattina in Vaticano, delle Lettere Credenziali di nove nuovi ambasciatori, Papa Francesco ha salutato il cessate-il-fuoco concordato tra Israele e Hamas con la mediazione egiziana dopo undici giorni ininterrotti di bombardamenti. 

La veglia di Pentecoste a Santo Stefano a Gerusalemme 

Nell’occasione Papa Francesco ha anche esortato le Chiese di tutto il mondo a unirsi agli Ordinari di Terra Santa che, oggi pomeriggio alle 17.00, ora locale (ore 16.00 italiane), celebreranno insieme la Veglia di Pentecoste nella Chiesa di Santo Stefano a Gerusalemme per implorare lo Spirito Santo “affinché israeliani e palestinesi possano trovare la strada del dialogo e del perdono, per essere pazienti costruttori di pace e di giustizia, aprendosi, passo dopo passo, ad una speranza comune, ad una convivenza tra fratelli”.

- Advertisement -

L’appello al Regina Coeli 

Parole che riecheggiano quelle pronunciate domenica 15 maggio, durante il Regina Caeli in cui “in nome di Dio che ha creato tutti gli esseri umani uguali nei diritti, nei doveri e nella dignità, e li ha chiamati a convivere come fratelli tra di loro” Francesco aveva fatto appello “alla calma e, a chi ne ha responsabilità, di far cessare il frastuono delle armi e di percorrere le vie della pace, anche con l’aiuto della Comunità Internazionale”, definendo “terribile e inaccettabile”, la morte di tanti bambini “segno – aveva rimarcato – che non si vuole costruire il futuro, ma lo si vuole distruggere”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

A Gerusalemme una preghiera comune per chiedere la pace in Medio Oriente

- Advertisement -

Oggi pomeriggio, la veglia di Pentecoste nella Chiesa di Santo Stefano organizzata dagli ordinari di Terra Santa alla quale il Papa ha chiesto a tutta la Chiesa di partecipare

Lisa Zengarini – Città del Vaticano

“Ringrazio Dio per la decisione di fermare gli scontri armati e auspico che si percorrano le vie del dialogo e della pace”. Così, durante la presentazione, ieri mattina in Vaticano, delle Lettere Credenziali di nove nuovi ambasciatori, Papa Francesco ha salutato il cessate-il-fuoco concordato tra Israele e Hamas con la mediazione egiziana dopo undici giorni ininterrotti di bombardamenti. 

La veglia di Pentecoste a Santo Stefano a Gerusalemme 

Nell’occasione Papa Francesco ha anche esortato le Chiese di tutto il mondo a unirsi agli Ordinari di Terra Santa che, oggi pomeriggio alle 17.00, ora locale (ore 16.00 italiane), celebreranno insieme la Veglia di Pentecoste nella Chiesa di Santo Stefano a Gerusalemme per implorare lo Spirito Santo “affinché israeliani e palestinesi possano trovare la strada del dialogo e del perdono, per essere pazienti costruttori di pace e di giustizia, aprendosi, passo dopo passo, ad una speranza comune, ad una convivenza tra fratelli”.

- Advertisement -

L’appello al Regina Coeli 

Parole che riecheggiano quelle pronunciate domenica 15 maggio, durante il Regina Caeli in cui “in nome di Dio che ha creato tutti gli esseri umani uguali nei diritti, nei doveri e nella dignità, e li ha chiamati a convivere come fratelli tra di loro” Francesco aveva fatto appello “alla calma e, a chi ne ha responsabilità, di far cessare il frastuono delle armi e di percorrere le vie della pace, anche con l’aiuto della Comunità Internazionale”, definendo “terribile e inaccettabile”, la morte di tanti bambini “segno – aveva rimarcato – che non si vuole costruire il futuro, ma lo si vuole distruggere”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
316IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

La morte, compagna della vita

Vincere ansietà e paure

Liturgia e secolarizzazione

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x