9.2 C
Roma
Gio, 4 Marzo 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Culmen et Fons 7 motivi per cui andare a messa non è da sfigati

7 motivi per cui andare a messa non è da sfigati

Ogni cuore ha sete di Cristo

- Advertisement -

Alla fine il motivo è uno solo: Cristo presente vivo e vero oggi. E ogni cuore ha sete di Lui…

di Sara Manzardo

Se stai leggendo questo articolo, i casi potrebbero essere due: o pensi che andare a messa sia effettivamente una roba da sfigati, oppure sei uno che va messa tutte le domeniche e sta cercando un modo per convincere i suoi amici di non essere uno sfigato. In entrambi i casi, mettiti comodo: sei nel posto giusto!

Per iniziare, ti direi addirittura che la messa oggi è roba per i giovani. Sì, lo so, stai pensando alle vecchiette stonate, alle schitarrate anni ’80 e ai gruppi “anta” che condividono santini e amen sbarluccicosi su whatsapp. Ecco, mettili un momento da parte. Ah, certo, poi ci sono anche un sacco di persone peccatrici, incoerenti, poco misericordiose che vanno a messa… insomma, tante persone che non ti vanno proprio a genio. Ma sarebbe come non voler andare in palestra perché è piena di persone grasse e fuori forma!

Guarda un po’ più in là: non so se lo sai, ma ci sono chiese che si riempiono di giovani fino a scoppiare! I corsi del Sog di Assisi, ad esempio, attirano i giovani come il miele! Oppure i Dieci Comandamenti di don Fabio Rosini, la GMG, le Missioni Universitarie e tante altre proposte… se vai a guardare ci sono chiese che non hanno abbastanza posti a sedere per questi ragazzi. Ma come è possibile?

Ecco i 7 motivi per cui andare a messa non è per niente una cosa da sfigati, ma anzi è una cosa sempre più cool e sempre più giovanile:

1. La messa è la miglior scuola di meditazione. Quanti di noi spendono soldi per fare corsi di yoga o qualsiasi altro tipo di meditazione orientale dai nomi impronunciabili per raggiungere l’infinito cosmico? La Chiesa è una scuola di meditazione gratuita, frequentabile almeno una volta a settimana, in cui non devi raggiungere proprio niente e nessuno, perché è Dio che raggiunge te, attraverso il silenzio, il canto, l’ascolto, l’Eucaristia…

2. La messa è un’ottima palestra per la crescita personale. Non c’è niente da fare, tutti quei valori sani che hai imparato dai tuoi genitori e dalla società, come il rispetto della vita altrui, la solidarietà, la carità, il perdono, sono valori inventati e diffusi dal Cristianesimo. Quale modo migliore di interiorizzare quei valori nella vita quotidiana se non facendosi allenare da chi li ha inventati?

3. Andando a messa, impari il team-building e impari a confrontarti. Lo so, pensi che la fede sia una cosa personale, ma sarebbe troppo facile e poco utile viverla in modo staccato dalla tua vita e da chi ti circonda. Frequentando la parrocchia, scopri di essere parte di una comunità e hai la possibilità di mettere in gioco le tue capacità e le tue conoscenze per migliorarla e per crescere insieme agli altri. Ti sarà utile anche per il lavoro: sempre più aziende danno la precedenza a chi ha fatto esperienza di teambuilding e ha svolto qualche servizio in parrocchia.

4. La messa è un’arma contro la superstizione. Ma come, la fede non è superstizione? Facciamo i fighi dicendo di non credere in Dio, ma crediamo a qualsiasi altra cosa. Al karma, alle energie positive e negative, all’oroscopo, alle nostre sicurezze, ognuno ha i suoi, chi più chi meno. A messa impari che la fortuna e la sfortuna non esistono, e che il tuo destino non è legato al caso, ma alle scelte che fai e al modo in cui scegli di vivere quella particolare situazione. A messa scopri che il Cristianesimo non ti dà scorciatoie né formule magiche, ti responsabilizza.

5. La messa è il modo migliore per uscire dalla tua comfort-zone. Hai presente quella serie di convinzioni tue personali che guai a toccarle? A volte nascondono la paura di metterti in discussione, perché potresti scoprire di avere torto. Esci dal quadrato e per una volta guarda la messa con occhi nuovi e liberi da pregiudizi. Ascolta quello che si dice, osserva i gesti, fai amicizia con nuove persone, cerca un confronto…

6. Durante la messa scopri di far parte di un disegno più grande. Per non pensare troppo all’infinito ci riempiamo di impegni e scappiamo da tutto per andare “alla ricerca di noi stessi” (ma Seneca aveva detto bene, è l’animo che devi cambiare, non il cielo sotto cui vivi). Vivendo la fede in Cristo, piano piano scopri che qui ed ora puoi realizzare il progetto di amore e felicità che è stato pensato per te da sempre e per l’eternità.

7. A messa impari che la speranza è l’ultima a morire. Non è una frase fatta, il centro di tutto è davvero semplice e quasi banale: la speranza non muore, la vita non va in fumo, la bellezza non si distrugge, tu puoi vivere da vivo. Punto. Il vero motivo per cui esiste la messa è ricordarci ogni settimana che [spoiler] il sepolcro è vuoto. E che la Vita vince. Sempre!

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

7 motivi per cui andare a messa non è da sfigati

Ogni cuore ha sete di Cristo

- Advertisement -

Alla fine il motivo è uno solo: Cristo presente vivo e vero oggi. E ogni cuore ha sete di Lui…

di Sara Manzardo

Se stai leggendo questo articolo, i casi potrebbero essere due: o pensi che andare a messa sia effettivamente una roba da sfigati, oppure sei uno che va messa tutte le domeniche e sta cercando un modo per convincere i suoi amici di non essere uno sfigato. In entrambi i casi, mettiti comodo: sei nel posto giusto!

Per iniziare, ti direi addirittura che la messa oggi è roba per i giovani. Sì, lo so, stai pensando alle vecchiette stonate, alle schitarrate anni ’80 e ai gruppi “anta” che condividono santini e amen sbarluccicosi su whatsapp. Ecco, mettili un momento da parte. Ah, certo, poi ci sono anche un sacco di persone peccatrici, incoerenti, poco misericordiose che vanno a messa… insomma, tante persone che non ti vanno proprio a genio. Ma sarebbe come non voler andare in palestra perché è piena di persone grasse e fuori forma!

Guarda un po’ più in là: non so se lo sai, ma ci sono chiese che si riempiono di giovani fino a scoppiare! I corsi del Sog di Assisi, ad esempio, attirano i giovani come il miele! Oppure i Dieci Comandamenti di don Fabio Rosini, la GMG, le Missioni Universitarie e tante altre proposte… se vai a guardare ci sono chiese che non hanno abbastanza posti a sedere per questi ragazzi. Ma come è possibile?

- Advertisement -

Ecco i 7 motivi per cui andare a messa non è per niente una cosa da sfigati, ma anzi è una cosa sempre più cool e sempre più giovanile:

1. La messa è la miglior scuola di meditazione. Quanti di noi spendono soldi per fare corsi di yoga o qualsiasi altro tipo di meditazione orientale dai nomi impronunciabili per raggiungere l’infinito cosmico? La Chiesa è una scuola di meditazione gratuita, frequentabile almeno una volta a settimana, in cui non devi raggiungere proprio niente e nessuno, perché è Dio che raggiunge te, attraverso il silenzio, il canto, l’ascolto, l’Eucaristia…

2. La messa è un’ottima palestra per la crescita personale. Non c’è niente da fare, tutti quei valori sani che hai imparato dai tuoi genitori e dalla società, come il rispetto della vita altrui, la solidarietà, la carità, il perdono, sono valori inventati e diffusi dal Cristianesimo. Quale modo migliore di interiorizzare quei valori nella vita quotidiana se non facendosi allenare da chi li ha inventati?

3. Andando a messa, impari il team-building e impari a confrontarti. Lo so, pensi che la fede sia una cosa personale, ma sarebbe troppo facile e poco utile viverla in modo staccato dalla tua vita e da chi ti circonda. Frequentando la parrocchia, scopri di essere parte di una comunità e hai la possibilità di mettere in gioco le tue capacità e le tue conoscenze per migliorarla e per crescere insieme agli altri. Ti sarà utile anche per il lavoro: sempre più aziende danno la precedenza a chi ha fatto esperienza di teambuilding e ha svolto qualche servizio in parrocchia.

4. La messa è un’arma contro la superstizione. Ma come, la fede non è superstizione? Facciamo i fighi dicendo di non credere in Dio, ma crediamo a qualsiasi altra cosa. Al karma, alle energie positive e negative, all’oroscopo, alle nostre sicurezze, ognuno ha i suoi, chi più chi meno. A messa impari che la fortuna e la sfortuna non esistono, e che il tuo destino non è legato al caso, ma alle scelte che fai e al modo in cui scegli di vivere quella particolare situazione. A messa scopri che il Cristianesimo non ti dà scorciatoie né formule magiche, ti responsabilizza.

5. La messa è il modo migliore per uscire dalla tua comfort-zone. Hai presente quella serie di convinzioni tue personali che guai a toccarle? A volte nascondono la paura di metterti in discussione, perché potresti scoprire di avere torto. Esci dal quadrato e per una volta guarda la messa con occhi nuovi e liberi da pregiudizi. Ascolta quello che si dice, osserva i gesti, fai amicizia con nuove persone, cerca un confronto…

6. Durante la messa scopri di far parte di un disegno più grande. Per non pensare troppo all’infinito ci riempiamo di impegni e scappiamo da tutto per andare “alla ricerca di noi stessi” (ma Seneca aveva detto bene, è l’animo che devi cambiare, non il cielo sotto cui vivi). Vivendo la fede in Cristo, piano piano scopri che qui ed ora puoi realizzare il progetto di amore e felicità che è stato pensato per te da sempre e per l’eternità.

7. A messa impari che la speranza è l’ultima a morire. Non è una frase fatta, il centro di tutto è davvero semplice e quasi banale: la speranza non muore, la vita non va in fumo, la bellezza non si distrugge, tu puoi vivere da vivo. Punto. Il vero motivo per cui esiste la messa è ricordarci ogni settimana che [spoiler] il sepolcro è vuoto. E che la Vita vince. Sempre!

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
294FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
200IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Seneca, tra libertà e suicidio

Dialoghi sulla preghiera del cuore

I settanta volti della Torah

Il Vangelo di Marco

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x