23.9 C
Rome
sabato, 21 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana 5 passi per iniziare ad abbandonare la depressione

5 passi per iniziare ad abbandonare la depressione

- Advertisement -

Semplici indicazioni che possono essere d’aiuto a chi si sente in un “buco nero”

La solitudine, la tristezza e la depressione fanno parte di uno stesso problema che sembra affliggere la società in modo sempre più pronunciato. Non è difficile trovare persone che si lamentano della propria solitudine, o dell’impotenza che provano non riuscendo a sistemare le cose che provocano loro tristezza o qualcosa di più profondo.

Tenendo presente che la depressione deve essere curata quantomeno da professionisti esperti, vorrei condividere alcune indicazioni che possono essere d’aiuto per trovare strade di vita per le persone che si sentono in un buco nero, umido e freddo.

Considerate che questi consigli non sostituiscono una terapia né sono di applicazione universale.

  1. Bisogna ricomporre le routine: sonno, veglia, alimentazione, esercizio (camminare è un primo passo eccellente); in generale, iniziare a riappropriarsi della propria vita, cominciando dalle condotte di cura di sé.
  2. Bisogna concentrarsi sul presente, perché il passato non si può cambiare e il futuro non esiste. Se la persona si concentra sulle difficoltà precedenti si frustra, e se pensa a quello che deve ancora arrivare si angoscia.
  3. Iniziare facendo un passo per volta: non pretendere di risolvere tutti i problemi in un’unica giornata, perché non ci sarà altro che angoscia vedendo tante cose pendenti.
  4. Sperimentare la gioia di essere utili: una persona con depressione può prestare un servizio agli altri, seppur minimo.Questa esperienza di aiutare ad alleviare il dolore altrui o di aiutare gli altri ad essere felici ha un grande potere di guarigione, perché tra le altre cose induce la persona a smettere di guardare tutto il tempo ai propri problemi e di autocompatirsi.
  5. Il sostegno spirituale e terapeutico è particolarmente necessario per lasciarsi il passato alle spalle, perdonare gli altri e perdonare se stessi, nonché per costruire un’agenda che permetta di affrontare il futuro con speranza.

Mentirei se dicessi che una depressione o anche una tristezza è una cosa che si risolve in un fine settimana, ma in base alla mia esperienza, sostenute soprattutto nell’ultima parte del percorso, le persone possono superare queste difficoltà e riprendere in mano la propria vita.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

5 passi per iniziare ad abbandonare la depressione

  

- Advertisement -

Semplici indicazioni che possono essere d’aiuto a chi si sente in un “buco nero”

La solitudine, la tristezza e la depressione fanno parte di uno stesso problema che sembra affliggere la società in modo sempre più pronunciato. Non è difficile trovare persone che si lamentano della propria solitudine, o dell’impotenza che provano non riuscendo a sistemare le cose che provocano loro tristezza o qualcosa di più profondo.

Tenendo presente che la depressione deve essere curata quantomeno da professionisti esperti, vorrei condividere alcune indicazioni che possono essere d’aiuto per trovare strade di vita per le persone che si sentono in un buco nero, umido e freddo.

Considerate che questi consigli non sostituiscono una terapia né sono di applicazione universale.

  1. Bisogna ricomporre le routine: sonno, veglia, alimentazione, esercizio (camminare è un primo passo eccellente); in generale, iniziare a riappropriarsi della propria vita, cominciando dalle condotte di cura di sé.
  2. Bisogna concentrarsi sul presente, perché il passato non si può cambiare e il futuro non esiste. Se la persona si concentra sulle difficoltà precedenti si frustra, e se pensa a quello che deve ancora arrivare si angoscia.
  3. Iniziare facendo un passo per volta: non pretendere di risolvere tutti i problemi in un’unica giornata, perché non ci sarà altro che angoscia vedendo tante cose pendenti.
  4. Sperimentare la gioia di essere utili: una persona con depressione può prestare un servizio agli altri, seppur minimo.Questa esperienza di aiutare ad alleviare il dolore altrui o di aiutare gli altri ad essere felici ha un grande potere di guarigione, perché tra le altre cose induce la persona a smettere di guardare tutto il tempo ai propri problemi e di autocompatirsi.
  5. Il sostegno spirituale e terapeutico è particolarmente necessario per lasciarsi il passato alle spalle, perdonare gli altri e perdonare se stessi, nonché per costruire un’agenda che permetta di affrontare il futuro con speranza.

Mentirei se dicessi che una depressione o anche una tristezza è una cosa che si risolve in un fine settimana, ma in base alla mia esperienza, sostenute soprattutto nell’ultima parte del percorso, le persone possono superare queste difficoltà e riprendere in mano la propria vita.

- Advertisement -

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Fusco: La gioia dell’ascolto

La grande città e la salvezza

I profeti minori “quadriformi”

La ricerca storica su Gesù

Perché le suore indossano il velo?

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO