22.2 C
Roma
Ven, 17 Settembre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiVita cristiana5 passi per iniziare ad abbandonare la depressione

5 passi per iniziare ad abbandonare la depressione

- Advertisement -

Semplici indicazioni che possono essere d’aiuto a chi si sente in un “buco nero”

- Advertisement -
- Advertisement -

La solitudine, la tristezza e la depressione fanno parte di uno stesso problema che sembra affliggere la società in modo sempre più pronunciato. Non è difficile trovare persone che si lamentano della propria solitudine, o dell’impotenza che provano non riuscendo a sistemare le cose che provocano loro tristezza o qualcosa di più profondo.

Tenendo presente che la depressione deve essere curata quantomeno da professionisti esperti, vorrei condividere alcune indicazioni che possono essere d’aiuto per trovare strade di vita per le persone che si sentono in un buco nero, umido e freddo.

Considerate che questi consigli non sostituiscono una terapia né sono di applicazione universale.

  1. Bisogna ricomporre le routine: sonno, veglia, alimentazione, esercizio (camminare è un primo passo eccellente); in generale, iniziare a riappropriarsi della propria vita, cominciando dalle condotte di cura di sé.
  2. Bisogna concentrarsi sul presente, perché il passato non si può cambiare e il futuro non esiste. Se la persona si concentra sulle difficoltà precedenti si frustra, e se pensa a quello che deve ancora arrivare si angoscia.
  3. Iniziare facendo un passo per volta: non pretendere di risolvere tutti i problemi in un’unica giornata, perché non ci sarà altro che angoscia vedendo tante cose pendenti.
  4. Sperimentare la gioia di essere utili: una persona con depressione può prestare un servizio agli altri, seppur minimo.Questa esperienza di aiutare ad alleviare il dolore altrui o di aiutare gli altri ad essere felici ha un grande potere di guarigione, perché tra le altre cose induce la persona a smettere di guardare tutto il tempo ai propri problemi e di autocompatirsi.
  5. Il sostegno spirituale e terapeutico è particolarmente necessario per lasciarsi il passato alle spalle, perdonare gli altri e perdonare se stessi, nonché per costruire un’agenda che permetta di affrontare il futuro con speranza.

Mentirei se dicessi che una depressione o anche una tristezza è una cosa che si risolve in un fine settimana, ma in base alla mia esperienza, sostenute soprattutto nell’ultima parte del percorso, le persone possono superare queste difficoltà e riprendere in mano la propria vita.

- Advertisement -

- Advertisement -
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

5 passi per iniziare ad abbandonare la depressione

- Advertisement -

Semplici indicazioni che possono essere d’aiuto a chi si sente in un “buco nero”

La solitudine, la tristezza e la depressione fanno parte di uno stesso problema che sembra affliggere la società in modo sempre più pronunciato. Non è difficile trovare persone che si lamentano della propria solitudine, o dell’impotenza che provano non riuscendo a sistemare le cose che provocano loro tristezza o qualcosa di più profondo.

Tenendo presente che la depressione deve essere curata quantomeno da professionisti esperti, vorrei condividere alcune indicazioni che possono essere d’aiuto per trovare strade di vita per le persone che si sentono in un buco nero, umido e freddo.

Considerate che questi consigli non sostituiscono una terapia né sono di applicazione universale.

  1. Bisogna ricomporre le routine: sonno, veglia, alimentazione, esercizio (camminare è un primo passo eccellente); in generale, iniziare a riappropriarsi della propria vita, cominciando dalle condotte di cura di sé.
  2. Bisogna concentrarsi sul presente, perché il passato non si può cambiare e il futuro non esiste. Se la persona si concentra sulle difficoltà precedenti si frustra, e se pensa a quello che deve ancora arrivare si angoscia.
  3. Iniziare facendo un passo per volta: non pretendere di risolvere tutti i problemi in un’unica giornata, perché non ci sarà altro che angoscia vedendo tante cose pendenti.
  4. Sperimentare la gioia di essere utili: una persona con depressione può prestare un servizio agli altri, seppur minimo.Questa esperienza di aiutare ad alleviare il dolore altrui o di aiutare gli altri ad essere felici ha un grande potere di guarigione, perché tra le altre cose induce la persona a smettere di guardare tutto il tempo ai propri problemi e di autocompatirsi.
  5. Il sostegno spirituale e terapeutico è particolarmente necessario per lasciarsi il passato alle spalle, perdonare gli altri e perdonare se stessi, nonché per costruire un’agenda che permetta di affrontare il futuro con speranza.

Mentirei se dicessi che una depressione o anche una tristezza è una cosa che si risolve in un fine settimana, ma in base alla mia esperienza, sostenute soprattutto nell’ultima parte del percorso, le persone possono superare queste difficoltà e riprendere in mano la propria vita.

- Advertisement -

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
316IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x