16.3 C
Roma
Dom, 23 Febbraio 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana 4 storie di perdono che fanno bene al cuore

4 storie di perdono che fanno bene al cuore

- Advertisement -

Non è facile impedire al risentimento di avvelenare il proprio cuore, ma queste straordinarie storie di umanità fanno capire che perdonare – persino gli assassini dei propri genitori – è possibile

Il perdono è un’arma potente, diceva Nelson Mandela. Di sicuro è un atteggiamento sano che ha effetti positivi sulla salute (sul rapporto tra rabbia, perdono e salute, vi consigliamo la lettura di questo articolo).

Lo sa bene Marina Cantacuzino, fondatrice de The Forgiveness Project, un’organizzazione nata per raccontare le storie di chi all’odio e al dolore ha risposto con il desiderio di riconciliazione e guarigione interiore.

Leggi anche: 5 cose sulla guarigione che ho imparato da questa antica arte giapponese

Giornalista freelance dal 1990 al 2004, per anni Cantacuzino ha dato voce alle lotte e alle vittorie di persone ordinarie, raccontando le sfide affrontate nelle relazioni, nella salute e nel lavoro. Nel tempo si è resa conto, vedendo da vicino le vite di chi aveva superato esperienze difficili, che molte storie avevano un elemento in comune: la forza trasformatrice del perdono.

“Nel raccogliere storie di riconciliazione e perdono”, racconta Marina Cantacuzino, “ho notato che il perdono divide l’opinione pubblica in due, come una ghigliottina affilata”.

Sì, perché se ci sono coloro “che vedono il perdono come una nobile ed umile risposta alle atrocità”, c’è anche molta gente “che ride compiaciuta fuori dai tribunali”.

Colui che non riesce a perdonare distrugge il ponte sul quale egli stesso deve passare; perché ogni uomo ha bisogno di essere perdonato” – George Herbert

L’organizzazione ha realizzato diversi tipi di eventi. Ma si è fatta conoscere soprattutto grazie ad una mostra fotografica, “The F Word“, creata con il fotografo Brian Moody. La mostra fotografica racconta storie di persone distrutte dalla violenza e dall’ingiustizia, che però non hanno permesso al risentimento di mettere radici nel proprio cuore. Presentato per la prima volta nel 2004, The F Word ha avuto luogo in oltre 550 località, in 14 nazioni diverse, raggiungendo un pubblico di più di 70mila persone.

Leggi anche: 11 frasi potenti piene di perdono, pronunciate da rifugiati ed ex prigionieri di guerra

Ne abbiamo fatto una breve selezione, certi che leggere queste testimonianze farà del bene al vostro cuore. Un’alternativa all’odio esiste e non è inaccessibile, sebbene richieda sacrificio ed umiltà (per leggere le storie sfogliate la fotogallery).

Potete leggere le storie complete di Margot, Lorin, Christopher e Jacob – nonché le oltre 140 straordinarie storie di perdono e riconciliazione raccolte nella mostra – su theforgivenessproject.com.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

4 storie di perdono che fanno bene al cuore

  

- Advertisement -

Non è facile impedire al risentimento di avvelenare il proprio cuore, ma queste straordinarie storie di umanità fanno capire che perdonare – persino gli assassini dei propri genitori – è possibile

Il perdono è un’arma potente, diceva Nelson Mandela. Di sicuro è un atteggiamento sano che ha effetti positivi sulla salute (sul rapporto tra rabbia, perdono e salute, vi consigliamo la lettura di questo articolo).

Lo sa bene Marina Cantacuzino, fondatrice de The Forgiveness Project, un’organizzazione nata per raccontare le storie di chi all’odio e al dolore ha risposto con il desiderio di riconciliazione e guarigione interiore.

Leggi anche: 5 cose sulla guarigione che ho imparato da questa antica arte giapponese

Giornalista freelance dal 1990 al 2004, per anni Cantacuzino ha dato voce alle lotte e alle vittorie di persone ordinarie, raccontando le sfide affrontate nelle relazioni, nella salute e nel lavoro. Nel tempo si è resa conto, vedendo da vicino le vite di chi aveva superato esperienze difficili, che molte storie avevano un elemento in comune: la forza trasformatrice del perdono.

- Advertisement -

“Nel raccogliere storie di riconciliazione e perdono”, racconta Marina Cantacuzino, “ho notato che il perdono divide l’opinione pubblica in due, come una ghigliottina affilata”.

Sì, perché se ci sono coloro “che vedono il perdono come una nobile ed umile risposta alle atrocità”, c’è anche molta gente “che ride compiaciuta fuori dai tribunali”.

Colui che non riesce a perdonare distrugge il ponte sul quale egli stesso deve passare; perché ogni uomo ha bisogno di essere perdonato” – George Herbert

L’organizzazione ha realizzato diversi tipi di eventi. Ma si è fatta conoscere soprattutto grazie ad una mostra fotografica, “The F Word“, creata con il fotografo Brian Moody. La mostra fotografica racconta storie di persone distrutte dalla violenza e dall’ingiustizia, che però non hanno permesso al risentimento di mettere radici nel proprio cuore. Presentato per la prima volta nel 2004, The F Word ha avuto luogo in oltre 550 località, in 14 nazioni diverse, raggiungendo un pubblico di più di 70mila persone.

Leggi anche: 11 frasi potenti piene di perdono, pronunciate da rifugiati ed ex prigionieri di guerra

Ne abbiamo fatto una breve selezione, certi che leggere queste testimonianze farà del bene al vostro cuore. Un’alternativa all’odio esiste e non è inaccessibile, sebbene richieda sacrificio ed umiltà (per leggere le storie sfogliate la fotogallery).

Potete leggere le storie complete di Margot, Lorin, Christopher e Jacob – nonché le oltre 140 straordinarie storie di perdono e riconciliazione raccolte nella mostra – su theforgivenessproject.com.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
280FansMi piace
904FollowerSegui
13,000FollowerSegui
620FollowerSegui
64IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Cosentino: Non è quel che credi

Vincere ansietà e paure

La tenerezza nel vangelo di Marco

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO