19 C
Roma
Mer, 23 Settembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa 13 e 14 marzo, "24 ore per il Signore” nelle chiese del...

13 e 14 marzo, “24 ore per il Signore” nelle chiese del mondo

- Advertisement -

Intervista a monsignor Octavio Ruiz Arenas, segretario del Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione

Il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione realizzerà ancora una volta l’iniziativa 24 Ore per il Signore il 13 e il 14 marzo.

“La Chiesa non può dimenticare coloro che si sono allontanati o che vivono nella totale indifferenza. La Chiesa si avvicina e li invita ad aprire il proprio cuore a sentire la presenza del Signore e a fare tutto il possinbile per riconciliarsi con Lui, che ci indica il cammino che possiamo seguire perché ci siano fraternità, pace e giustizia”, ha detto ad Aleteia monsignor Octavio Ruiz Arenas, segretario del dicastero vaticano.

24 Ore per il Signore è una giornata penitenziale in cui le chiese aprono le proprie porte e favoriscono l’accesso alla confessione, oltre a offrire riflessioni, Messe di adorazione eucaristica e altri tipi di attività pastorali.

“Lo scorso anno, il Santo Padre ha dato inizio a questa attività presiedendo un cerimonia nella basilica di San Pietro, poi si è seduto a confessare alcune persone, ma prima di farlo egli stesso si è avvicinato a un confessionale per confessarsi e darci l’esempio che pur essendo peccatori possiamo trovare la misericordia e l’amore del Signore”, ha indicato monsignor Ruiz.

Quest’anno, il papa ha affermato nel suo messaggio quaresimale che invita soprattutto diocesi, parrocchie e comunità a partecipare alla Giornata.

In che modo questo messaggio chiama anche alla conversione delle persone che si trovano lontano dalla Chiesa?

La Quaresima è un periodo penitenziale, un periodo in cui la Chiesa ci chiede di riflettere sulla nostra vita per guardare al di là del presente e viverla bene. Abbiamo un futuro e lo abbiamo in Cristo, che ci può dare la salvezza.

Per questo, il Santo Padre durante la Quaresima rivolge un appello perché chi è lontano si avvicini al Signore, ma anche perché tutta la Chiesa pensi che ci sono molte persone che hanno bisogno di una voce di incoraggiamento per ritrovare la ragione della propria speranza.

La Quaresima è anche un cammino verso la speranza della Pasqua…

Sappiamo che in questi giorni ci prepariamo alla celebrazione del mistero pasquale, mistero che ci ricorda che Cristo si è caricato della croce per strapparci al peccato attraverso il suo sacrificio, ma allo stesso tempo è un segno di speranza perché Egli non è rimasto morto nel sepolcro, ma è risuscitato dai morti.

Il primo tra tutti è colui che ci dice che possiamo vincere il male, la morte, e andare al di là della nostra esistenza terrena. È un incontro definitivo con Dio pieno di gioia e allegria.

Dobbiamo quindi approfittare di questa Quaresima per avere questo incontro con il Signore, un incontro che possiamo realizzare ora attraverso i sacramenti, ma allo stesso tempo un incontro che sarà definitivo nel momento in cui il Signore ci chiamerà al termine della nostra vita.

Quest’anno, la riflessione sarà guidata dal testo paolino Dio ricco di misericordia (Ef 2,4). Il papa inizierà la giornata presiedendo una liturgia penitenziale nella basilica vaticana, sottolineando l’importanza del sacramento della riconciliazione nella nuova evangelizzazione.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

13 e 14 marzo, “24 ore per il Signore” nelle chiese del mondo

  

- Advertisement -

Intervista a monsignor Octavio Ruiz Arenas, segretario del Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione

Il Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione realizzerà ancora una volta l’iniziativa 24 Ore per il Signore il 13 e il 14 marzo.

“La Chiesa non può dimenticare coloro che si sono allontanati o che vivono nella totale indifferenza. La Chiesa si avvicina e li invita ad aprire il proprio cuore a sentire la presenza del Signore e a fare tutto il possinbile per riconciliarsi con Lui, che ci indica il cammino che possiamo seguire perché ci siano fraternità, pace e giustizia”, ha detto ad Aleteia monsignor Octavio Ruiz Arenas, segretario del dicastero vaticano.

24 Ore per il Signore è una giornata penitenziale in cui le chiese aprono le proprie porte e favoriscono l’accesso alla confessione, oltre a offrire riflessioni, Messe di adorazione eucaristica e altri tipi di attività pastorali.

“Lo scorso anno, il Santo Padre ha dato inizio a questa attività presiedendo un cerimonia nella basilica di San Pietro, poi si è seduto a confessare alcune persone, ma prima di farlo egli stesso si è avvicinato a un confessionale per confessarsi e darci l’esempio che pur essendo peccatori possiamo trovare la misericordia e l’amore del Signore”, ha indicato monsignor Ruiz.

Quest’anno, il papa ha affermato nel suo messaggio quaresimale che invita soprattutto diocesi, parrocchie e comunità a partecipare alla Giornata.

- Advertisement -

In che modo questo messaggio chiama anche alla conversione delle persone che si trovano lontano dalla Chiesa?

La Quaresima è un periodo penitenziale, un periodo in cui la Chiesa ci chiede di riflettere sulla nostra vita per guardare al di là del presente e viverla bene. Abbiamo un futuro e lo abbiamo in Cristo, che ci può dare la salvezza.

Per questo, il Santo Padre durante la Quaresima rivolge un appello perché chi è lontano si avvicini al Signore, ma anche perché tutta la Chiesa pensi che ci sono molte persone che hanno bisogno di una voce di incoraggiamento per ritrovare la ragione della propria speranza.

La Quaresima è anche un cammino verso la speranza della Pasqua…

Sappiamo che in questi giorni ci prepariamo alla celebrazione del mistero pasquale, mistero che ci ricorda che Cristo si è caricato della croce per strapparci al peccato attraverso il suo sacrificio, ma allo stesso tempo è un segno di speranza perché Egli non è rimasto morto nel sepolcro, ma è risuscitato dai morti.

Il primo tra tutti è colui che ci dice che possiamo vincere il male, la morte, e andare al di là della nostra esistenza terrena. È un incontro definitivo con Dio pieno di gioia e allegria.

Dobbiamo quindi approfittare di questa Quaresima per avere questo incontro con il Signore, un incontro che possiamo realizzare ora attraverso i sacramenti, ma allo stesso tempo un incontro che sarà definitivo nel momento in cui il Signore ci chiamerà al termine della nostra vita.

Quest’anno, la riflessione sarà guidata dal testo paolino Dio ricco di misericordia (Ef 2,4). Il papa inizierà la giornata presiedendo una liturgia penitenziale nella basilica vaticana, sottolineando l’importanza del sacramento della riconciliazione nella nuova evangelizzazione.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
285FansMi piace
975FollowerSegui
13,000FollowerSegui
632FollowerSegui
118IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Marconi: L’infanzia di Maria

Il Cristo dell’Apocalisse

Teologia spirituale

Rileggere il Decalogo

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x