14.5 C
Rome
mercoledì, 16 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Sacramenti 10 domande da porti per evitare che il tuo matrimonio sia nullo

10 domande da porti per evitare che il tuo matrimonio sia nullo

- Advertisement -

di Andrés D’ Angelo

Quando ho letto che Papa Francesco ha detto che “molti matrimoni sacramentali sono nulli” sono quasi caduto a terra. Io avevo maturato già da tempo la stessa ipotesi! Lavoro come consulente famigliare e intervistando coniugi in crisi e analizzando come e perché si sono sposati, ho scoperto che molte volte si sono accostati al sacramento come a una semplice benedizione, considerandolo più come un’usanza sociale che come una realtà soprannaturale. Ecco perché molte volte la Grazia Sacramentale non agisce! Semplicemente perché non è presente! Di fronte ai tantissimi matrimoni in crisi dobbiamo chiederci se queste persone si sono davvero sposate “come Dio comanda”. Molte volte la risposta alle crisi è lì, nella mancanza di comprensione degli effetti del sacramento sui coniugi e sui figli.

Un altro problema diffuso è quando i coniugi finiscono col diventare “sconosciuti”. Si conoscono, si innamorano e si sposano, perché sono innamorati. E quando l’innamoramento va via, vogliono lasciarsi. Non si capiscono più, le farfalle nello stomaco sono state brutalmente digerite dalla routine e ora non sanno più che fare di questa relazione che non funziona più.

Pertanto, oltre ad approfondire la catechesi matrimoniale prima e dopo il matrimonio stesso, il futuro marito deve dialogare con l’altra persona in modo da prevenire e ridurre al minimo il rischio di queste crisi. E quali domande devono porsi i futuri sposi affinché questo dialogo renda frutti? Di quali temi devono parlare?

1. Comprendiamo realmente il dono e il mistero del sacramento del matrimonio?

giphy-2

Il matrimonio è un sacramento, e i sacramenti sono segni tangibili della Grazia. E qual è la Grazia di questo specifico sacramento? Il perfezionamento dei coniugi! Questo non vuol dire che il mio compito è di perfezionare mia moglie, ma che anzi ho bisogno dell’aiuto della Grazia per perfezionare me stesso nella relazione con lei. Tutti vogliamo sposarci con il Signor Perfetto o con la Signora Perfetta, ma pochissimi sono disposti a diventare tali per il bene dell’altro. Ed è qui che entra in gioco la Grazia!


2. Stiamo prendendo veramente un impegno?

giphy-3

Assicuriamoci di voler rimanere uniti “nella buona e nella cattiva sorte”. Il fidanzamento è il tempo designato per prepararci al matrimonio. E abbiamo bisogno di preparazione per essere fedeli, per amare nella salute e nella malattia, nelle prosperità e nelle avversità, per dire ‘Sempre!” (o almeno fino a che morte non ci separi). Questa volontà di impegnarsi, questo “per sempre” è un qualcosa di cui dover parlare se decidiamo di sposarci. Poi, quando verranno le difficoltà (e verranno), ci aggrapperemo a questa decisione: “Questa difficoltà dobbiamo risolverla, perché abbiamo deciso di essere sposati per sempre”.


LEGGI ANCHE: Tutto quello che hai sempre voluto chiedere su matrimonio e nullità

3. Com’è la nostra amicizia?

giphy-4

Sembra incredibile, però pochissime persone vedono il futuro coniuge come il suo miglior amico o amica. Ecco perché in molti credono alla tremenda frase “dall’amore all’odio il passo è breve”. Non è così che deve essere. Il rapporto coniugale si basa sulla precedente amicizia, che deve crescere giorno dopo giorno e deve essere coltivata con il dialogo, l’attenzione, la cura reciproca. E una volta sposati bisogna coltivare ancora più intensamente l’amicizia coniugale. Soprattutto gli uomini tendono a pensare che “quanto dovuto è già stato fatto”. Abbiamo indossato uno smoking, riso di fronte ad amici e parenti e pensiamo che questo sia l’unica dimostrazione d’amore a nostra moglie… eh no, caro! Devi conquistare tua moglie ogni giorno della tua vita!


4. Quanti figli vogliamo avere?

P6Gt5A2RNp0fS

Un tema chiave, di cui bisogna parlare prima di intraprendere l’avventura più grande della vita! Quanti figli vogliamo? Come li educheremo? Come li guideremo verso la santità? E se non dovessimo riuscire ad averne? Li adottiamo? E quanti? Ognuno di questi temi è fondamentale e ci porta alla domanda successiva. Perché, come tutti sanno, per avere dei figli è necessario che prima “avvenga qualcosa”.


5. Capiamo cosa implica la sessualità nel matrimonio?

jQqU9dCKUOdri

Potrebbe essere complicato affrontare questo tema prima del matrimonio, ma bisogna parlarne! Innanzitutto dobbiamo studiare, comprendere e saper spiegare gli insegnamenti della Chiesa in materia di riproduzione. Se possibile approfondiamo lo studio della Catechesi sulla sessualità di Giovanni Paolo II (chiamata “Teologia del corpo“). Fantastico! Ma se non riusciamo a farlo, almeno leggiamo cosa dice il Catechismo della Chiesa Cattolica a riguardo. Il dono della castità non è un divieto della sessualità, ma un modo di orientarla e dirigerla affinché sia di aiuto alla santificazione dei coniugi. La cosa importante non è soltanto saper aspettare il matrimoni, ma anche come e perché farlo!


LEGGI ANCHE: La sessualità nel matrimonio cristiano è meravigliosa


6. Come proteggeremo il nostro matrimonio dall’infedeltà, dalla pornografia, ecc?

13nDblqRzRsLAY

Dobbiamo scoprire e coltivare la castità coniugale prima del matrimonio. E parlare di questi temi ci aiuta a proteggere il nostro matrimonio da queste vere e proprie maledizioni moderne, così frequenti. Dobbiamo sapere che viviamo in un’epoca ipersessualizzata, che banalizza il matrimonio e lo attacca con una marea di pornografiache è praticamente impossibile evitare. Accostarsi ai Sacramenti e parlare in modo aperto e fiducioso ci aiuterà a superare questi pericoli con meno rischi.

7. Come ci comportiamo con le nostre famiglie?

3o8doUgvKWu2JP0hvG

C’è una frase nella Bibbia che si ripete almeno tre volte (prima nella Genesi, poi la dice Cristo e infine la ripete Paolo agli Efesini) è: “Per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre”. La giusta distanza, con il dovuto rispetto nei confronti delle famiglie, aiuterà a cementare la pace coniugale. Ma non si deve abbandonare i propri genitori. Un proverbio spagnolo dice “né talmente calvo da far vedere il cervello, né con tre parrucche”. La virtù sta nel mezzo. Ma prima di sposarci bisogna chiarire che la famiglia non può intromettersi nelle questioni di coppia né nella loro intimità, altrimenti sarà un disastro!


8. E il tema delle finanze?

xThuW12NuMR6yJoLTy

Anche questo è un tema di cui bisogna necessariamente parlare prima. Non ci sono più le parole “mio” o “tuo”, ora esiste soltanto la parola “nostro”. Bisogna trovare un accordo prima di finire a litigare. E con questo intendo dire prima di sposarsi. Se stiamo per intraprendere un progetto di vita, e invece di risparmiare per comprare casa o per affittare una stanza io dovessi spendere i soldi andandomi a divertire con gli amici, è probabile che dopo il matrimonio questo comportamento continui. I fondi della famiglia sono della famiglia, non di uno dei due coniugi. Soprattutto se è solo uno dei due coniugi a lavorare.


9. Come agiremo quando ci saranno discussioni?

ce1x5VblkD69i

È importante discutere prima di sposarsi! Non sto dicendo di litigare per vedere come reagisce l’altro. Ma è importante aver avuto almeno un confronto importante prima del matrimonio. Se ci sposiamo senza aver mai avuto almeno una discussione, non potremo mai sapere se l’altra persona è vendicativa, se sa perdonare, se è violenta, ecc. È importante sapere che quasi inevitabilmente ci saranno dei disaccordi nel matrimonio e che per poter trovare un accordo bisognerà saper trovare dei compromessi, ascoltare l’altro e comprendere il suo punto di vista.


10. E la nostra vita di preghiera?

UCuihHFMbJFXa

Ultimo punto, ma non di importanza: “La famiglia che prega insieme, resta insieme”. Il dialogo che stabiliamo con Dio deve ricoprire un ruolo centrale nel nostro fidanzamento. E presto dovremo abituarci a farlo insieme. Tutta la forza della nostra unione verrà dalle preghiere quotidiane che faremo insieme! Più siamo vicini a Dio e più saremo vicini l’uno con l’altra. E continuando a pregare, andando a Messa insieme, partecipando in modo completo alla vita della Chiesa, la nostra casa diventerà una “Chiesa domestica” in cui i nostri figli potranno sviluppare una fede forte e sicura. E anche il nostro rapporto diventerà più forte e sicuro!


LEGGI ANCHE: La “mancanza di fede” nelle cause di nullità matrimoniale

 

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

10 domande da porti per evitare che il tuo matrimonio sia nullo

  

- Advertisement -

di Andrés D’ Angelo

Quando ho letto che Papa Francesco ha detto che “molti matrimoni sacramentali sono nulli” sono quasi caduto a terra. Io avevo maturato già da tempo la stessa ipotesi! Lavoro come consulente famigliare e intervistando coniugi in crisi e analizzando come e perché si sono sposati, ho scoperto che molte volte si sono accostati al sacramento come a una semplice benedizione, considerandolo più come un’usanza sociale che come una realtà soprannaturale. Ecco perché molte volte la Grazia Sacramentale non agisce! Semplicemente perché non è presente! Di fronte ai tantissimi matrimoni in crisi dobbiamo chiederci se queste persone si sono davvero sposate “come Dio comanda”. Molte volte la risposta alle crisi è lì, nella mancanza di comprensione degli effetti del sacramento sui coniugi e sui figli.

Un altro problema diffuso è quando i coniugi finiscono col diventare “sconosciuti”. Si conoscono, si innamorano e si sposano, perché sono innamorati. E quando l’innamoramento va via, vogliono lasciarsi. Non si capiscono più, le farfalle nello stomaco sono state brutalmente digerite dalla routine e ora non sanno più che fare di questa relazione che non funziona più.

Pertanto, oltre ad approfondire la catechesi matrimoniale prima e dopo il matrimonio stesso, il futuro marito deve dialogare con l’altra persona in modo da prevenire e ridurre al minimo il rischio di queste crisi. E quali domande devono porsi i futuri sposi affinché questo dialogo renda frutti? Di quali temi devono parlare?

1. Comprendiamo realmente il dono e il mistero del sacramento del matrimonio?

giphy-2

- Advertisement -

Il matrimonio è un sacramento, e i sacramenti sono segni tangibili della Grazia. E qual è la Grazia di questo specifico sacramento? Il perfezionamento dei coniugi! Questo non vuol dire che il mio compito è di perfezionare mia moglie, ma che anzi ho bisogno dell’aiuto della Grazia per perfezionare me stesso nella relazione con lei. Tutti vogliamo sposarci con il Signor Perfetto o con la Signora Perfetta, ma pochissimi sono disposti a diventare tali per il bene dell’altro. Ed è qui che entra in gioco la Grazia!


2. Stiamo prendendo veramente un impegno?

giphy-3

Assicuriamoci di voler rimanere uniti “nella buona e nella cattiva sorte”. Il fidanzamento è il tempo designato per prepararci al matrimonio. E abbiamo bisogno di preparazione per essere fedeli, per amare nella salute e nella malattia, nelle prosperità e nelle avversità, per dire ‘Sempre!” (o almeno fino a che morte non ci separi). Questa volontà di impegnarsi, questo “per sempre” è un qualcosa di cui dover parlare se decidiamo di sposarci. Poi, quando verranno le difficoltà (e verranno), ci aggrapperemo a questa decisione: “Questa difficoltà dobbiamo risolverla, perché abbiamo deciso di essere sposati per sempre”.


LEGGI ANCHE: Tutto quello che hai sempre voluto chiedere su matrimonio e nullità

3. Com’è la nostra amicizia?

giphy-4

Sembra incredibile, però pochissime persone vedono il futuro coniuge come il suo miglior amico o amica. Ecco perché in molti credono alla tremenda frase “dall’amore all’odio il passo è breve”. Non è così che deve essere. Il rapporto coniugale si basa sulla precedente amicizia, che deve crescere giorno dopo giorno e deve essere coltivata con il dialogo, l’attenzione, la cura reciproca. E una volta sposati bisogna coltivare ancora più intensamente l’amicizia coniugale. Soprattutto gli uomini tendono a pensare che “quanto dovuto è già stato fatto”. Abbiamo indossato uno smoking, riso di fronte ad amici e parenti e pensiamo che questo sia l’unica dimostrazione d’amore a nostra moglie… eh no, caro! Devi conquistare tua moglie ogni giorno della tua vita!


4. Quanti figli vogliamo avere?

P6Gt5A2RNp0fS

Un tema chiave, di cui bisogna parlare prima di intraprendere l’avventura più grande della vita! Quanti figli vogliamo? Come li educheremo? Come li guideremo verso la santità? E se non dovessimo riuscire ad averne? Li adottiamo? E quanti? Ognuno di questi temi è fondamentale e ci porta alla domanda successiva. Perché, come tutti sanno, per avere dei figli è necessario che prima “avvenga qualcosa”.


5. Capiamo cosa implica la sessualità nel matrimonio?

jQqU9dCKUOdri

Potrebbe essere complicato affrontare questo tema prima del matrimonio, ma bisogna parlarne! Innanzitutto dobbiamo studiare, comprendere e saper spiegare gli insegnamenti della Chiesa in materia di riproduzione. Se possibile approfondiamo lo studio della Catechesi sulla sessualità di Giovanni Paolo II (chiamata “Teologia del corpo“). Fantastico! Ma se non riusciamo a farlo, almeno leggiamo cosa dice il Catechismo della Chiesa Cattolica a riguardo. Il dono della castità non è un divieto della sessualità, ma un modo di orientarla e dirigerla affinché sia di aiuto alla santificazione dei coniugi. La cosa importante non è soltanto saper aspettare il matrimoni, ma anche come e perché farlo!


LEGGI ANCHE: La sessualità nel matrimonio cristiano è meravigliosa


6. Come proteggeremo il nostro matrimonio dall’infedeltà, dalla pornografia, ecc?

13nDblqRzRsLAY

Dobbiamo scoprire e coltivare la castità coniugale prima del matrimonio. E parlare di questi temi ci aiuta a proteggere il nostro matrimonio da queste vere e proprie maledizioni moderne, così frequenti. Dobbiamo sapere che viviamo in un’epoca ipersessualizzata, che banalizza il matrimonio e lo attacca con una marea di pornografiache è praticamente impossibile evitare. Accostarsi ai Sacramenti e parlare in modo aperto e fiducioso ci aiuterà a superare questi pericoli con meno rischi.

7. Come ci comportiamo con le nostre famiglie?

3o8doUgvKWu2JP0hvG

C’è una frase nella Bibbia che si ripete almeno tre volte (prima nella Genesi, poi la dice Cristo e infine la ripete Paolo agli Efesini) è: “Per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre”. La giusta distanza, con il dovuto rispetto nei confronti delle famiglie, aiuterà a cementare la pace coniugale. Ma non si deve abbandonare i propri genitori. Un proverbio spagnolo dice “né talmente calvo da far vedere il cervello, né con tre parrucche”. La virtù sta nel mezzo. Ma prima di sposarci bisogna chiarire che la famiglia non può intromettersi nelle questioni di coppia né nella loro intimità, altrimenti sarà un disastro!


8. E il tema delle finanze?

xThuW12NuMR6yJoLTy

Anche questo è un tema di cui bisogna necessariamente parlare prima. Non ci sono più le parole “mio” o “tuo”, ora esiste soltanto la parola “nostro”. Bisogna trovare un accordo prima di finire a litigare. E con questo intendo dire prima di sposarsi. Se stiamo per intraprendere un progetto di vita, e invece di risparmiare per comprare casa o per affittare una stanza io dovessi spendere i soldi andandomi a divertire con gli amici, è probabile che dopo il matrimonio questo comportamento continui. I fondi della famiglia sono della famiglia, non di uno dei due coniugi. Soprattutto se è solo uno dei due coniugi a lavorare.


9. Come agiremo quando ci saranno discussioni?

ce1x5VblkD69i

È importante discutere prima di sposarsi! Non sto dicendo di litigare per vedere come reagisce l’altro. Ma è importante aver avuto almeno un confronto importante prima del matrimonio. Se ci sposiamo senza aver mai avuto almeno una discussione, non potremo mai sapere se l’altra persona è vendicativa, se sa perdonare, se è violenta, ecc. È importante sapere che quasi inevitabilmente ci saranno dei disaccordi nel matrimonio e che per poter trovare un accordo bisognerà saper trovare dei compromessi, ascoltare l’altro e comprendere il suo punto di vista.


10. E la nostra vita di preghiera?

UCuihHFMbJFXa

Ultimo punto, ma non di importanza: “La famiglia che prega insieme, resta insieme”. Il dialogo che stabiliamo con Dio deve ricoprire un ruolo centrale nel nostro fidanzamento. E presto dovremo abituarci a farlo insieme. Tutta la forza della nostra unione verrà dalle preghiere quotidiane che faremo insieme! Più siamo vicini a Dio e più saremo vicini l’uno con l’altra. E continuando a pregare, andando a Messa insieme, partecipando in modo completo alla vita della Chiesa, la nostra casa diventerà una “Chiesa domestica” in cui i nostri figli potranno sviluppare una fede forte e sicura. E anche il nostro rapporto diventerà più forte e sicuro!


LEGGI ANCHE: La “mancanza di fede” nelle cause di nullità matrimoniale

 

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
602FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO